Home » Sport Gaelici

L’Alpen Cup di Rounders resta a Rovigo

17 ottobre 2017 Stampa articolo

roundersROVIGO – Una splendida giornata, colorata da un cielo azzurro e da un caldo sole autunnale, ha fatto da cornice alla prima Alpen Cup GAA Rounders – “Trofeo Casetta Rossoblu” giocata al baseball field di Via Vittorio Veneto a Rovigo lo scorso 14 ottobre. L’evento, che da Dublino aveva ottenuto anche il patrocinio di GAA Rounders, board di riferimento di questo sport antico progenitore del baseball e che è uno dei quattro giochi tradizionali irlandesi affiliati alla Gaelic Games Association, era inserito nel calendario continentale stagionale di  Gaelic Games Europe ed è entrato, di diritto, nella storia di queste discipline in quanto quella di sabato era la prima volta in assoluto che un torneo di rounders si giocava, in un contesto internazionale, al di fuori dell’Irlanda. Ancora una volta a fare da battistrada è stata la New Ascaro Rovigo asd, polisportiva polesana pioniera degli sport gaelici in Italia, che grazie alla collaborazione del Baseball Softball Club Rovigo, ha organizzato in maniera impeccabile un evento di successo e che ha ottenuto anche una notevole risonanza mediatica sulla stampa tradizionale e sui social media sia a livello locale che internazionale. Risonanza che avrebbe meritato magari un pò più di attenzione anche da parte delle Istituzioni cittadine che ancora una volta, purtroppo, hanno perso l’occasione di sottolineare il fatto che la promozione della città di Rovigo può essere fatta anche attraverso lo sport, soprattutto quando gli eventi sono di livello internazionale e coinvolgono atleti provenienti dall’estero. Comunque sia la prima Alpen Cup GAA Rounders si è rivelata un vero e proprio successo sotto tutti i punti di vista. Il triangolare, disputato con la formula “Mixed” con partite giocate sulla distanza dei 5 inning, come pronosticato alla vigilia ha visto regnare l’equilibrio in tutti e tre i match disputati. A spuntarla, alla fine, sono stati i ragazzi dell’Ascaro Rovigo GAA che hanno potuto così alzare il Trofeo “Casetta Rossoblu” ed il magnum da 2 litri di birra Forst “special GAA Rounders edition” creato appositamente per la storica occasione dal noto birrificio di Lagundo (BZ).rounders

I protagonisti di una pagina di storia dello sport

Per la cronaca tutti gli incontri sono stati ben diretti da Fidel Gutierrez Reinoso, il manager cubano del BSC Rovigo che, dopo un breve breafing con i capitani ed un ripasso generale del regolamento del Rounders, che nonostante le notevoli somiglianze presenta più di qualche differenza rispetto al Baseball, si è prestato per arbitrare l’Alpen Cup. Fidel è stato solo uno dei tanti protagonisti che in questa storica giornata hanno avuto modo di mettere la loro firma su una pagina di storia dello sport:

Zurich Inneoin GAA – AJ Maher, Barry Guckan, Camille Taylor, Christine Farrely, Fintan Tuohy, Garret Young, Helene Regozini, Julie Guy, Marco Widhaber, Maria Miles, Riki Bernadotte e Victoria Copeland.

Rovigo BSC – Michele Rondina, Pablo Pietrogrande, Nicola Marini, Mirko Monti, Mattia Liana, Lorenzo Zago, Julio Ramon Gonzales, Nico Fraccon, Sofia Gregnanin, Melissa Mazzoni, Paolo Bernardi, Roberto Stumpo e Manuel Greggio.

Ascaro Rovigo GAA – Niccolò Schibuola, Andrea Vigato, Raffaello Franco, Matteo Borgato, Valter Michelini, Enrico Borella, Giovanni Previato, Francesco Callegari, Michela Mentini, Federico Perosa e Remo Schiavon.

roundersAscaro Rovigo GAA v Zurich Inneoin GAA

Il primo punto conquistato dall’Ascaro Rovigo GAA, punto rivelatosi di fatto decisivo per la costruzione della vittoria finale, è arrivato nel primo match in programma giocato dai rodigini contro Zurigo. Partita intensa e spettacolare che ha visto i rossoblu spingere sull’acceleratore fin dal primo inning nel corso del quale sono stati capaci d’incamerare subito 5 degli 11 punti finali realizzati. Una buona difesa lasciava a secco l’attacco svizzero. Nella seconda frazione di gioco sono gli “incudini” elvetici a lasciare a zero l’attacco rodigino ribaltando il risultato nella parte bassa dell’inning che ha visto, per ben 6 volte, passare i corridori rossocrociati per l’home! Nel terzo e quarto inning l’Ascaro si riprendeva un risicato vantaggio che veniva però annullato dall’ultimo attacco svizzero.

ASCARO ROVIGO GAA          5     0     3     3     0          Tot. 11

ZURICH INNEOIN GAA          0     6     1     2     2          Tot. 11

Rovigo BSC v Ascaro Rovigo GAA

Nel derby è il team blu del BSC Rovigo a prendere in mano le redini del gioco. L’Ascaro fatica ad ingranare ma tiene sotto scacco la formazione targata ITAS Assicurazioni e pareggia i conti al terzo inning. Le due rimanenti riprese regalano uno stillicidio di emozioni ed alla fine sono i rossoblu dell’Ascaro a conquistare la vittoria di misura riprendendosi così la rivincita del match “sperimentale” giocato, esattamente un anno fa, al baseball field di Rovigo.rounders

ROVIGO BSC                          2     1     0     3     4          Tot. 10

ASCARO ROVIGO GAA         0     2     1     4     4          Tot. 11

 

Zurich Inneoin GAA v Rovigo BSC

A questo punto del torneo è il team Zurich Inneoin GAA ad avere in mano il match point che gli permetterebbe, grazie ad una vittoria con almeno 2 punti di scarto, d’intascare l’intera posta in palio e portare così in Svizzera il primo trofeo internazionale di rounders. I padroni di casa, già fuori dai giochi, diventano così l’ago della bilancia del torneo. Dopo una prima ripresa di studio che lascia le squadre inchiodate sul punteggio di 0 a 0, la squadra ITAS del BSC Rovigo dilaga nel secondo inning realizzando 10 punti che sembrano mettere la parola fine alle velleità di vittoria degli svizzeri. Ma nel rounders, come d’altronde succede nel baseball, non si può mai dire che è finita fino a quando non si arriva all’ultimo out dell’ultimo inning ed infatti gli Inneoins iniziano a martellare la difesa rodigina recuperando punti su punti non riuscendo però a completare la “remuntada” necessaria a conquistare partita e torneo.

ZURICH INNEOIN GAA        0     2     5     0     2          Tot.   9

ROVIGO BSC                         0    10     1     0     1          Tot. 12

 

bandiereL’Ascaro Rovigo GAA si aggiudica così la prima Alpen Cup GAA Rounders della storia. Risultato sportivo a parte, a ben vedere, il vero vincitore del torneo è stato lo spirito che ha animato tutti i protagonisti di una giornata indimenticabile. Il divertimento, la passione ed anche la curiosità di cimentarsi in una, per molti, nuova disciplina sportiva radicata nella storia e nella tradizione di un Paese come l’Irlanda, hanno fatto si che l’evento di Rovigo si trasformasse in un successo. Nel corso della straordinaria cena organizzata in Casetta Rossoblu dal titolare Fausto Forzato e dal suo staff, si potevano toccare con mano il clima di cordialità e di amicizia che si era instaurato tra tutti i protagonisti del torneo. Molto sentito il momento riservato ai discorsi dei capitani delle squadre che hanno preceduto la cerimonia di premiazione nel corso della quale, oltre al trofeo alzato dall’Ascaro Rovigo, ha visto assegnare la targa offerta dal Panathlon Club International di Rovigo alle sei giocatrici del club Zurich Inneoin GAA. All’irlandese Barry Guckian, autore di una prova superlativa nel corso di tutto il torneo, è stato consegnato anche uno dei tre boccali “Forst special edition” realizzati in ceramica ed offerti dalla Casetta Rossoblù al giocatore più utile di ciascuna squadra, boccali andati anche a Mirko Monti ed a Francesco Callegari rispettivamente del team Rovigo BSC ed Ascaro Rovigo GAA.

 

 

C.S.



Articoli correlati


Per Raffaello Franco un sogno che si avvera
Gaa Rounders Italy Day scrive un’altra pagina di storia
New Ascaro All Star Awards 2016
Nuovo corso nella New Ascaro Rovigo
Rugby e sport gaelici tornano a scuola
Rounders protagonista a Rovigo

Scrivi un commento!