Azioni, titoli, falco federale per l’alta inflazione statunitense

Nel mezzo dell’epidemia di corona virus (COVID-19), la Borsa di Tokyo (TSE) ha monitorato i prezzi degli indici azionari rispetto al dollaro USA e al tasso di cambio dello yen giapponese dall’inizio delle negoziazioni nel 2022. Tokyo, Giappone, 4 gennaio 2022. REUTERS / Issei Kato

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

  • Borse asiatiche:
  • Le azioni cinesi sono piatte, i futures S&P stabili
  • I rendimenti obbligazionari saranno più alti prima del rapporto CPI statunitense
  • L’inflazione core torna a salire, confermando il rialzo della banca centrale

Sydney, gen. 10 (Reuters) – Lunedì i principali mercati azionari sono stati declassati quando gli investitori hanno calcolato un’altra inflazione statunitense, che potrebbe portare a un aumento anticipato dei tassi da parte della Federal Reserve, aumentando i rendimenti obbligazionari e i titoli tecnici.

Lo scoppio dei casi di virus corona in tutto il mondo minaccia di soffocare la spesa dei consumatori e la crescita, così come la banca centrale sta valutando la possibilità di chiudere i picchi di cassa, un momento difficile per i mercati dipendenti da denaro infinitamente a buon mercato.

Ha scambiato con cautela in rialzo dello 0,1% sui futures S&P 500 e dello 0,1% sui futures Nasdaq. Sia i futures EUROSTOXX 50 che i futures FTSE sono aumentati dello 0,2%.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Ampio indice dell’MSCI delle azioni Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) La Corea del Sud ha aggiunto lo 0,2% (.KS11) Perso l’1,0%.

Blue chips cinesi (.CSI 300) Il recente allentamento delle politiche dovuto alle persistenti preoccupazioni per il settore immobiliare non è cambiato molto, poiché è stato in equilibrio. Per saperne di più

READ  Entrambe le partite di Natale hanno importanti implicazioni per i playoff

Gli analisti temono che il rapporto sui prezzi al consumo negli Stati Uniti di mercoledì spingerà l’inflazione core al massimo degli ultimi cinque decenni del 5,4% a marzo.

Sebbene i libri paga di dicembre non abbiano rispettato le stime, il tasso di disoccupazione era solo del 3,9% e la forza dei salari indicava che l’economia era a corto di lavoratori.

“Il fatto che il mercato del lavoro si stia avvicinando o sia già al massimo dell’occupazione creando pressioni salariali è in linea con l’evoluzione della banca centrale”, hanno affermato gli analisti del Northwest Market.

“Ciò dovrebbe aumentare le speculazioni sull’aumento di marzo e abbiamo annullato le nostre aspettative che il decollo della banca centrale avverrà a marzo anziché a giugno”.

Una giuria di funzionari della banca centrale è prevista per questa settimana per presentare le loro ultime riflessioni, tra cui il presidente Jerome Powell e il governatore Lale Brinard, che stanno affrontando richieste di conferma.

I mercati sono cambiati rapidamente per riflettere oltre il 70% del potenziale di aumento dello 0,25% a marzo e rischi futuri che rappresentano almeno due aumenti entro la fine dell’anno.

I titoli tecnologici e di crescita sono crollati, mentre i titoli sono crollati quando gli investitori si sono rivolti a banche e società energetiche.

I rendimenti dei buoni del Tesoro statunitensi a 10 anni hanno raggiunto il picco dell’1,765% all’inizio del 2020, in aumento di 25 punti base la scorsa settimana rispetto alla loro più grande attività dalla fine del 2019. Il prossimo obiettivo della tabella è l’area 1,95 / 1,97%. A noi

“Riteniamo che l’aumento dei ricavi del tesoro a lungo termine debba essere ulteriormente spinto”, ha affermato Nicholas Forr, economista presso Capital Economy.

READ  Poiché le vendite di apparecchiature sono lente, Pelodon assume McKinsey per rivedere la struttura dei costi

“I mercati possono sottostimare ulteriormente di quanto aumenterà il tasso finanziario federale nei prossimi anni, quindi entro la fine del 2023 il nostro rendimento a 10 anni dovrebbe aumentare di altri 50 punti base al 2,25%”.

Tuttavia, è probabile che la mossa del falco della banca centrale andrà a beneficio del dollaro USA, poiché il rapporto sul giorno di paga non è riuscito a soddisfare le elevate aspettative del mercato.

Il dollaro era a 95,764 dopo essere sceso dello 0,5% venerdì, ma il supporto è a 95,568.

L’euro è salito a $ 1,1354, vicino al recente trading range di $ 1,1184 / 1,1382. Lo yen giapponese si è attestato a 115,64 dal suo ultimo livello ribassista mentre il dollaro è svanito dal massimo della scorsa settimana di 116,34.

Nei mercati delle materie prime, l’oro era un’impresa ombra a 1.795 dollari l’oncia, ma da gennaio è sceso a 1.831 dollari.

I prezzi del petrolio sono rimasti stabili dalla scorsa settimana a causa dei disordini in Kazakistan e delle interruzioni in Libia.

Il Brent è salito di 7 cent a 81,82 dollari al barile e il greggio statunitense è rimasto invariato a 78,90 dollari.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Modifica Sri Navaratnam

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *