Home » Archivio

Articoli della categoria "Spot redazionale"

SECONDO PIANO, Spot redazionale »

 a cura di C.S. |  

Ognuno di noi può vivere periodi dell’anno più o meno lunghi in cui la stanchezza si fa sentire più del solito. Il cambio stagione, si sa, può essere complice nel rendere più complicato il risveglio mattutino e l’affronto della routine quotidiana. Per questo motivo risulta utile preparare il proprio corpo all’affrontare il mutamento del clima, depurandolo. Infatti il benessere dell’organismo è legato anche alla sua capacità di eliminare le tossine. Quest’ultime sono sostanze di scarto che possono formarsi in seguito a processi metabolici o a fattori esterni come alimentazione scorretta, inquinamento ambientale o terapie farmacologiche. La depurazione permette all’organismo di eliminare queste sostanze che, in particolari condizioni ambientali o di accentuato stress, possono accumularsi e determinare stati di affaticamento e disagio psicofisico. Il fegato è il principale organo del nostro corpo deputato all’eliminazione delle scorie metaboliche e delle sostanze tossiche. Esistono in natura piante come il cardo mariano, il rosmarino e la …


Continua a leggere »

Spot redazionale »

 a cura di Iole Sturaro |  

Lo zinco è un metallo comunemente presente in natura allo stato solido e conosciuto dai popoli più antichi che lo utilizzavano per la produzione dell’ottone.
Da una scoperta piuttosto recente, è emerso che si tratta di un minerale fondamentale per la salute dell’uomo,
Lo zinco è un metallo indispensabile al nostro organismo in quanto è un elemento costitutivo di oltre duecento enzimi e di molte altre proteine. In particolare è essenziale per il funzionamento di enzimi che regolano la respirazione cellulare e di quelli che hanno un’azione antiossidante.
Lo zinco è importante per l’organismo, perché è uno di quei complessi enzimatici necessari per il corretto funzionamento di diversi ormoni come l’insulina, ormoni sessuali e l’ormone della crescita.
L’organismo ne contiene generalmente da 1,4 a 2,5 grammi, immagazzinati per lo più nei globuli rossi e bianchi e nei muscoli.
Lo zinco per le sue proprietà è un elemento fondamentale per un’equilibrata crescita corporea e per il controllo del metabolismo e quindi del peso.
Lo zinco è anche implicato nel funzionamento della vista, del tatto, dell’olfatto e della memoria, mentre una carenza di zinco provoca disfunzioni sensoriali e intellettive.
Negli uomini, lo zinco è un elemento importante per …


Continua a leggere »

Spot redazionale »

 a cura di C.S. |  

Benessere del tessuto osseo: prevenire è il primo passo!
Il nostro scheletro è composto da ossa a sua volta realizzate in tessuto osseo.
Spesso ci si immagina l’osso come una struttura rigida e dura in realtà non è corretto. L’osso ha una superficie esterna dura e compatta che riveste un sottostante tessuto spugnoso più leggero; tale tipologia di struttura conferisce un’elevata resistenza alle pressioni e alle torsioni.
Inoltre nell’immaginario comune spesso l’osso è visto come unità inerte in realtà l’osso è vivo.
Possiamo definire l’osso vivo non solo per la presenza al suo interno di vasi sanguigni e nervi ma soprattutto grazie alla presenza di speciali cellule dette osteoblasti ed osteoclasti che permettono alla struttura ossea una continua rigenerazione.
Gli osteoclasti sono le cellule deputate allo smantellamento del vecchio tessuto osseo mentre gli osteoblasti sono le cellule che si occupano della “costruzione” del nuovo tessuto osseo.
In condizioni normali il lavoro di tali cellule è bilanciato; con l’avanzare dell’età l’opera di tali cellule diventa via via più sbilanciato a favore degli osteoclasti che provocano così un indebolimento del tessuto osseo.
La patologia più …


Continua a leggere »

Spot redazionale »

 a cura di Redazione |  

La cinetosi o chinetosi è il termine con cui si indica la sindrome causata dal movimento.
È quello che accade quando siamo su un qualsiasi mezzo di trasporto, nave, auto, aereo e ci sentiamo male. Esistono, in pratica, chinetosi per ogni veicolo: i casi più classici sono mal di mare, mal d’auto e mal d’aereo ma esistono anche sindromi da chinetosi dovute a qualunque altro mezzo finalizzato a produrre spostamenti nello spazio, come giostre o altalene. Inoltre nei soggetti più sensibili la chinetosi può insorgere anche semplicemente alla visione, purché sufficientemente prolungata, di alcuni movimenti.
La causa di tale disturbo è da ricercare a livello del labirinto auricolare che corrisponde ad una zona interna dell’orecchio, dotata di organi per l’ascolto di suoni e di organi per il mantenimento dell’equilibrio.
Una eccessiva stimolazione di questa parte dell’orecchio dovuta ai continui cambiamenti di posizione tipici degli spostamenti in auto, nave, aereo o qualsivoglia mezzo che genera moto turbolento è la causa della cinetosi.
Il movimento stimola infatti l’apparato vestibolare (presente …


Continua a leggere »

Spot redazionale »

 a cura di C.S. |  

Quando ci si appresta a partire per un viaggio che sia di lavoro o di piacere, si dovrebbe sempre prestare attenzione nel dotarsi di tutte le precauzioni al fine di affrontare il viaggio in sicurezza per la nostra salute. Se dobbiamo recarci in località esotiche ad alto rischio sanitario è bene rivolgersi al centro vaccinazioni al fine di verificare se sia idoneo effettuare vaccinazioni in prevenzione; questa operazione va effettuata almeno un paio di mesi prima della data di partenza.
Per quanto concerne la preparazione della “valigia farmaceutica” è bene equipaggiarsi di un  kit di prodotti per piccoli disturbi al fine di poter effettuare una pronta automedicazione qualora risultasse necessaria.
Sicuramente uno dei disturbi più frequenti è la diarrea del viaggiatore; al fine di prevenire tale disturbo possiamo iniziare ad assumere fermenti lattici già a casa in modo da proteggere il più possibile il nostro intestino. Se poi la prevenzione non fosse …


Continua a leggere »

Spot redazionale »

 a cura di C.S. |  

Tutti sanno cosa sono le zanzare, che ci disturbano con il loro suono e le loro punture dolorose. Sono insetti che appartengono alla specie dei ditteri (come mosche e tafani), caratterizzati dalla presenza di un solo paio di ali, mentre l’altro paio è trasformato in strutture a forma di clava (bilanceri) con funzione sensoriale.
Le zanzare appartengono alla famiglia dei culicidi e la loro vita è strettamente correlata a quella dell’uomo, in quanto la maggior parte delle femmine di questa famiglia si nutre di sangue umano o degli animali domestici.
Durante la puntura la femmina di zanzara inietta un po’ della sua saliva e se è portatrice di parassiti, questi possono infestare il soggetto colpito.
Nel nostro paese sono molto diffuse le zanzare appartenenti al genere Culex ed Aedes. Il genere Aedes è una zanzara la cui presenza in Italia è piuttosto recente; è di origine asiatica, più piccola delle zanzare comuni, di …


Continua a leggere »

Spot redazionale »

 a cura di C.S. |  

Le vitamine sono un gruppo di molecole organiche eterogeneo necessarie agli organismi animali per il normale funzionamento dei processi vitali.
Esse non vengono prodotte dagli organismi animali ma devono essere assunte attraverso gli alimenti.
Le vitamine, a differenza dei nutrienti, non sviluppano energia ma rivestono un ruolo fondamentale per il normale svolgimento dei processi fisiologici, e la loro presenza è indispensabile per poter utilizzare i principi nutritivi.
Vitamine del gruppo B
Si tratta di un complesso formato da ben otto vitamine chimicamente distinte che agiscono in sinergia ma ognuna con una funzione ben specifica nel metabolismo.
Le vitamine del gruppo B contribuiscono al normale funzionamento del metabolismo energetico attenuando gli stati di stanchezza ed affaticamento. Tali molecole hanno inoltre un’importante attività neuroprotettiva ossia proteggono il nostro sistema nervoso dallo stress e dall’invecchiamento.
Se ti senti spesso stanco, soffri di dolori muscolari, respiri con difficoltà o hai poco appetito, probabilmente ti serve la vitamina B1.
Se si presentano spesso afte, stomatiti e lesioni alle labbra e del cavo orale, se soffri di bruciori e infiammazioni o se ti dà particolarmente fastidio la luce del sole e hai …


Continua a leggere »

Spot redazionale »

 a cura di C.S. |  

Si rinnova per l’undicesimo anno la collaborazione tra RF MOTORS e i Bersaglieri.
I rossoblu, che da anni viaggiano con auto della concessionaria, ora utilizzeranno una nuova flotta MITSUBISHI con una livrea stile rally molto accattivante. La speciale colorazione è stata realizzata in occasione del dodicesimo titolo conquistato dai Bersaglieri lo scorso 28 maggio: le auto sono infatti molto riconoscibili per i colori rossoblu e per lo scudetto commemorativo ben visibile sul cofano.
La FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta ringrazia RF MOTORS per il sostegno agli atleti e spera che le nuove auto aiutino a creare ancora più interesse per il già seguitissimo mondo del rugby rodigino.
 


Continua a leggere »

Spot redazionale »

 a cura di C.S. |  

L’Helicobacter Pylori rappresenta la causa più importante di gastrite cronica.
Di cosa si tratta? È un batterio acido resistente in grado di colonizzare lo stomaco umano; il suo ambiente di sviluppo ideale è il muco gastrico situato nello stomaco umano.
L’Helicobacter Pylori, dunque, è un batterio in grado di resistere e di riprodursi nell’ambiente fortemente acido dello stomaco; ciò gli è possibile perché produce un enzima, l’ureasi, che, attraverso la liberazione di ammoniaca, neutralizza l’acidità gastrica creando attorno al batterio un microambiente compatibile con la sua esistenza. Una volta insediato nello stomaco sottopone la mucosa gastrica all’aggressione da parte di numerose tossine prodotte durante il suo metabolismo.
L’infezione da Helicobacter Pylori è molto diffusa, si calcola che ne siano affetti il 20% dei ventenni, il 40% dei quarantenni e il 60% dei sessantenni. L’incidenza aumenta con l’età, probabilmente a causa del progressivo indebolimento del sistema immunitario e della diminuzione di produzione di succhi gastrici.
I sintomi più frequenti dell’infezione da Helicobacter sono:
• ulcera gastroduodenale;
• bruciore o dolore nella parte superiore dell’addome (l’epigastrio), molto più …


Continua a leggere »

Spot redazionale »

 a cura di C.S. |  

L’intolleranza al lattosio è presente in più della metà della popolazione mondiale.
Circa il 50% della popolazione italiana ne è affetta, anche se non tutti i pazienti manifestano sintomi. La patologia si verifica in caso di deficienza dell’enzima lattasi, si manifesta cioè quando viene a mancare parzialmente o totalmente l’enzima in grado di scindere il lattosio ovvero il principale zucchero del latte (latte di mucca, di capra, di asina oltre che latte materno) presente anche in molti altri prodotti caseari o derivati del latte.
Esistono diverse forme di intolleranza al lattosio:
– Forma primaria: è generata dal deficit di produzione della lattasi. Si può manifestare nel bambino con lo svezzamento, circa a 2 anni di età, oppure più tardivamente nell’adulto in seguito ad una riduzione progressiva della produzione della lattasi.
– Forma secondaria: è invece causata da altre patologie, infiammazioni acute e infezioni dell’intestino o patologie croniche intestinali come: celiachia, morbo di Crohn, linfomi, …


Continua a leggere »