NOI. L’ordine di vaccinazione del governo 19 è stato ripreso, scatenando il conflitto della Corte Suprema

17 dicembre (Reuters) – La Corte d’Appello degli Stati Uniti venerdì ha ripristinato un mandato nazionale di vaccinazione o test COVID-19 che coinvolge 80 milioni di lavoratori statunitensi che si sono precipitati alla Corte Suprema per intervenire.

La sesta corte d’appello del circuito degli Stati Uniti a Cincinnati ha annullato l’ingiunzione di novembre che vietava la regola dell’amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro (OSHA), che si applica alle imprese con almeno 100 lavoratori.

“È difficile immaginare cosa l’OSHA possa fare o su cui fare affidamento per giustificare il grande rischio per i lavoratori sul posto di lavoro”, afferma il commento. “La seconda ipotesi è che la determinazione dell’agenzia si sia basata su prove sostanziali, inclusi diversi studi scientifici sottoposti a revisione paritaria”.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a Reuters.com

A settembre, il presidente Joe Biden ha presentato i regolamenti per aumentare il tasso di vaccini per adulti come un modo per combattere l’epidemia che ha ucciso più di 750.000 americani e ha pesato pesantemente sull’economia.

Questa sentenza è coerente con i funzionari della sanità pubblica “onda Marina” La variante Omigron, che può diffondere l’infezione da virus corona negli Stati Uniti, si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo. Per saperne di più

“Anche se siamo delusi dalla sentenza della corte, continueremo a combattere l’ordine illegale nella Corte Suprema”, ha dichiarato su Twitter il procuratore generale della Carolina del Sud Alan Wilson. “Speriamo che l’ordine venga annullato.”

A poche ore dal verdetto, sono state presentate almeno tre petizioni alla Corte Suprema degli Stati Uniti per l’immediata sospensione dell’ordine.

READ  Gli insegnanti SD stanno combattendo per le banconote da un dollaro come una "linea per soldi"
Vista generale della vista meteorologica di Manhattan dalla One World Trade Center Tower a New York City il 15 giugno 2021, New York, US REUTERS / Mike Segar / File Photo

Una delle prime istanze dinanzi all’Alta Corte è stata presentata da una giuria di gruppi di imprese che rappresentano vendita al dettaglio, all’ingrosso, magazzino, trasporti, viaggi e logistica.

“La conseguente rivolta dei lavoratori distruggerà catene di approvvigionamento e mercati del lavoro già deboli durante le vacanze di punta”, afferma la petizione.

Compagnie come United Airlines (UAL.O) Gli ordini sono stati utilizzati per aumentare il numero di lavoratori vaccinati, spesso con solo un piccolo numero di lavoratori che rifiutavano i colpi. Per saperne di più

Ma altri come Boeing Go (BANDIRE) Le sentenze del tribunale hanno sospeso i loro piani a causa della sospensione degli ordini del governo e delle proteste dei lavoratori. Per saperne di più

I tribunali hanno bloccato la necessità del vaccino Pitan per gli operatori sanitari in metà degli stati e l’ordine di vaccinazione per gli appaltatori federali è stato bloccato a livello nazionale. Per saperne di più

I giudici Jane Strong e il presidente George W. Bush, nominati dal presidente Barack Obama. Il verdetto di venerdì è stato 2-1 con la maggioranza di Julia Gibbons nominata da Bush. Il giudice John Larson, nominato dal presidente Donald Trump, ha negato le accuse.

Repubblicani, gruppi conservatori e organizzazioni commerciali hanno intentato azioni legali contro la regola OSHA, sostenendo che l’azienda ha violato la sua autorità. Per saperne di più

La regola fissa una scadenza per la conformità al 4 gennaio, anche se non è chiaro se verrà applicata poiché la regola è in vigore da diverse settimane.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporto di Tom Halls a Wilmington, Delaware; Montaggio di Diane Croft, Grant McCoul e Sonia Hepinstall

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  La tempesta invernale ha colpito la costa orientale, lasciando 200.000 senza elettricità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *