Riot Games accetta un accordo da $ 100 milioni in un caso di discriminazione di genere

La società ha dichiarato che pagherà $ 80 milioni ai membri della suite di azioni collettive, che include tutte le dipendenti donne attuali ed ex a tempo pieno e gli appaltatori di agenzie interinali in California che hanno lavorato dal novembre 2014.

Riot Games ha dichiarato in una dichiarazione che pagherà $ 20 milioni oltre alle spese legali e ad altri costi. Altri termini del contratto includono il finanziamento per il piano antisommossa per la diversità e l’inclusione, nonché verifiche sugli incarichi di lavoro e indagini sul posto di lavoro condotte da terzi.

“Nel tentativo di promuovere l’attuale trasparenza e responsabilità, Riot si impegna a supervisionare i suoi processi interni di reporting e libro paga attraverso terze parti”, ha affermato la società. .

L’approvazione finale dell’accordo del tribunale è in attesa e l’udienza è prevista nei prossimi mesi, aggiunge il rapporto.

“Le donne chiedono da anni che i datori di lavoro pongano fine alla discriminazione. Questa soluzione segna un punto di svolta nel modo in cui le molestie sessuali e le accuse di molestie sessuali vengono fatte sul posto di lavoro in California e oltre”, ha affermato una portavoce del Dipartimento per l’occupazione e l’alloggio equo. Ha detto alla CNN Affari.

Nel novembre 2018, gli attuali ed ex dipendenti Melanie McCracken e Jess Negron hanno intentato una causa per molestie sessuali, molestie sessuali e cattiva condotta nei giochi antisommossa. McCracken ha risolto le sue richieste separatamente dal caso dell’azione collettiva.

La causa è stata intentata tre mesi dopo l’uscita del gioco Rilasciata l’indagine Si diceva che la ribellione fosse una cultura della sessualità nello sport. Dopo la pubblicazione di questa storia, Riot ha pubblicato un post sul blog scusandosi per la cattiva condotta segnalata.

“Ci dispiace che la rivolta non sia mai stata o mai nel luogo che ti avevamo promesso. E ci dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per sentirti”, ha detto il post di agosto 2018. “Nei prossimi giorni, settimane, mesi, anni, trasformeremo le rivolte in un luogo di cui tutti possiamo essere orgogliosi”.

READ  40 La migliore racchette da tennis del 2022 - Non acquistare una racchette da tennis finché non leggi QUESTO!

Wright, il creatore di giochi mega-popolari come League of Legends e Valentine, avrebbe dovuto accordarsi con i querelanti per $ 10 milioni nel 2019, ma due agenzie per l’impiego della California – il California Department of Fair Employment and Housing (DFEH) e il Divisione Enforcement of Labor Standards Enforcement (DEL), Ha sostenuto che l’importo non era sufficiente. Un contro-argomento è stato sostenuto a nome delle oltre 2.300 donne che si sono unite al caso.

“Tre anni fa, c’è stata una rivolta al centro della nostra industria diventando un account. Nonostante le nostre migliori intenzioni, abbiamo dovuto affrontare il fatto che non sempre siamo stati all’altezza dei nostri valori. Come azienda ci trovavamo a un bivio; possiamo negare o scusarci per le carenze della nostra cultura, giusto? Creiamo un trend e creiamo una rivolta migliore. Abbiamo scelto quest’ultima “, ha dichiarato Wright Games in una nota. “Pur essendo orgogliosi di quanto lontano siamo arrivati ​​dal 2018, dobbiamo anche assumerci la responsabilità del passato. Ci auguriamo che questa soluzione dimostri il nostro desiderio di essere un modello nel riconoscere correttamente coloro che hanno avuto esperienze negative nella rivolta e di portare molti di più. Responsabilità e uguaglianza nello sport. “

“Sono molto lieto di aver compiuto questo primo passo verso la giustizia per le donne che praticano sport antisommossa”, ha detto Negron. “Spero che questo caso crei un precedente per altri studi e ispiri le donne nel settore. Le donne nel gioco non devono essere soggette a disordini e molestie: il cambiamento è possibile”.

Il CEO di Riot Nicolo Laurent e Riot Games stanno affrontando cause legali separate presentate nel gennaio 2021 dall’ex assistente esecutivo di Laurent, Sharon O’Donnell. Il caso sostiene che O’Donnell è stato sottoposto a molestie sessuali. Il caso è ancora pendente, tuttavia, un comitato formato dal consiglio di amministrazione di Riot ha dichiarato a marzo che dopo aver visto i risultati di un’indagine da parte di uno studio legale esterno, non c’erano prove a sostegno delle affermazioni.

READ  Monday Night Football: i quattro sack di DJ Watt battono gli Steelers Browns 26-14.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.