Senato Democratici sull’orlo della sconfitta nella legge elettorale nonostante le frenetiche pressioni

Biden ha chiesto al Senato di cambiare le sue regole nelle Filippine In un discorso forte Martedì e giovedì visiterà Capitol Hill per incontrare i Democratici del Senato per discutere del diritto di voto. Anche i Democratici al Senato hanno tenuto una serie di incontri sulla questione, ma finora entrambi i senatori democratici, Mancin e Cinema, hanno espresso da tempo contrarietà alla rimozione del limite di 60 voti per la maggior parte delle leggi.

Anche se sembra che il tentativo fallirà, i Democratici si stanno ora preparando ad attuare un piano in cui la Camera prima passerà la legge sul voto e poi la trasmetterà al Senato. I democratici hanno bisogno di 60 voti e per arrivare al paragrafo finale, il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer deve cercare di forzare un voto per cambiare le regole.

I progetti di legge sono una priorità assoluta per gli attivisti liberali e gli elettori, ma i Democratici continuano a correre contro il muro anti-repubblicano al Senato, dove i 50 voti controllati dai Democratici non sono sufficienti per approvare i progetti di legge fino a Philipster.

Mentre i Democratici ora cercano di cambiare le regole di Philippister, il partito sta ancora una volta colpendo un muro, ma questa volta dai propri ranghi.

L’uomo e il cinema hanno più volte espresso preoccupazione per gli effetti a lungo termine sul Paese se la maggioranza metterà in pratica la propria volontà sul partito di minoranza. Ostacoli. Manjin ha osservato che qualsiasi modifica alle regole dovrebbe essere apportata solo su base bilaterale.

I democratici con una maggioranza ristretta al Senato e alla Camera diventeranno un ostacolo incrollabile e dovranno affrontare grandi pressioni per approvare la legge sul voto.

Il partito ha recentemente subito un altro duro colpo quando Manjin ha raccontato l’agenda di Piton Ricostruito non potrebbe supportare una legislazione migliore, Leggi complete per espandere il web della sicurezza sociale e combattere il cambiamento climatico. La legge era al centro dell’agenda interna di Biden, ma non è chiaro se i Democratici possano prendere i pezzi e salvarne qualcuno.

Con l’avvicinarsi delle elezioni di medio termine del 2022, sarà difficile per i Democratici approvare una legislazione importante.

READ  Prevedere l'immagine dei playoff della NFL

Schumer delinea i prossimi passi

In una nota inviata mercoledì ai Democratici del Senato e ottenuta dalla CNN, Schumer ha delineato i prossimi passi nello sforzo di approvare la legge sul voto e cambiare le regole del Senato.

Nella nota, Schumer spiega che la Camera agirà per prima e invierà al Senato una legge che include sia il Freedom of Voting Act che il John Lewis Voting Rights Act. Il processo, che i Democratici intendono utilizzare, consentirà al disegno di legge di presentare 51 voti, esclusa una votazione pratica anticipata al Senato.

Dopodiché, i Democratici avranno bisogno di altri 60 voti per passare alla parte finale del disegno di legge, cosa che non accadrà perché i 10 repubblicani del Senato non supportano la legge sul voto.

All’epoca, Schumer avrebbe successivamente potuto modificare le regole del Senato e il tentativo avrebbe dovuto fallire tra l’opposizione di Manchin e del cinema.

Incontri “seri” con Manjin e il cinema

I colloqui democratici con Manchin e Sinema sono stati “seri”, ha detto alla Galileus Web una fonte del Senato che ha partecipato alla riunione, ma non hanno fatto progressi nel ridurre il limite di 60 voti per approvare progetti di legge che avrebbero cambiato le leggi sul voto. Di conseguenza, i leader democratici non hanno ancora deciso per quali regole votare.

“Siamo andati avanti e indietro e su e giù”, ha detto la fonte.

Munchin ha rifiutato di commentare mercoledì, tranne per dire che il discorso di Biden era “buona conversazione”.

Il cinema non commenta il discorso di Biden, ma un portavoce ha detto alla Cnn che non ha cambiato posizione: si oppone ancora alla rimozione del limite dei 60 voti, ma è pronto a discutere di idee per migliorare il modo di lavorare del Senato.

READ  Le Filippine hanno riportato dozzine di morti in più a causa dell'uragano Roy

Schumer ha detto mercoledì che gli incontri con Manchin e Sinema continuano perché 50 senatori stanno “cercando di trovare un posto” che possa sostenere sia i progetti di legge elettorali democratici che le regole del Senato. Tuttavia, “non ci siamo ancora”, ha detto.

I Democratici di New York hanno dichiarato di essere pronti a tenere un referendum ovunque si svolga il dibattito.

Schumer ha fissato il 17 gennaio – Martin Luther King Jr. Day – davanti al Senato per votare per cambiare le regole se i repubblicani continuano a bloccare il diritto di voto.

“Non voglio indurre nessuno a pensare che sia facile, ma stiamo cercando di convincere 50 senatori a sostenere due progetti di legge – il Freedom of Voting Act e il John Lewis Act – e con il cambiamento. Secondo le regole, questi disegni di legge possono ottenere voti per passare in legge”, ha detto Schumer.

I democratici voteranno su qualsiasi regola

Sebbene i leader democratici non abbiano ancora deciso per quali regole votare, i democratici si concentrano principalmente sull’istituzione di quello che è noto come il cosiddetto Philippester, un senato che consente ai senatori di fare ciò che vogliono che Philippester faccia, o una legge che consente al diritto al voto. Deve progredire con una maggioranza semplice.

Ma in discussioni private, Schumer ha espresso preoccupazione per la struttura della proposta di Philippister, secondo due fonti che hanno familiarità con la questione.

Una fonte ha affermato che Schumer ha affermato che sarebbe difficile porre fine al dibattito e andare a un referendum finale superiore o inferiore su una legge che cambierebbe le leggi di voto se il Philippester parlante non fosse adeguatamente strutturato.

READ  Un padre di quattro figli che ha chiamato il presidente Biden "Let's Go Brandon" durante una chiamata della vigilia di Natale, ha scherzato

Cambiare le regole richiederebbe 67 voti, cosa che non accadrebbe se fosse data una forte opposizione del GOP. Oppure, con soli 51 voti, le regole possono essere modificate attraverso un complesso processo parlamentare noto come “opzione nucleare”. Ma Manjin e il cinema si oppongono all’uso dell’opzione nucleare.

Manjin e il cinema non erano favorevoli a niente meno di 60 voti. Munchin è aperto a emendamenti più semplicistici, come rimuovere il Philippester dal dibattito iniziale e fare in modo che il nuovo Philippester limiti il ​​60 per cento in più rispetto ai tre quinti dell’elettorato.

Ma si è opposto alla modifica delle regole tramite le tasse di partito, cercando invece di farlo con un margine di 67 voti secondo l’ordine regolare.

“Abbiamo bisogno di alcune buone modifiche alle regole”, ha detto Mancin mercoledì

Il cinema, che martedì sera ha incontrato Democratici, è probabile anche mercoledì

La maggior parte dei repubblicani si è schierata all’opposizione, respingendo i progetti di legge sul referendum democratico come violazione discriminatoria.

Di mercoledì, Il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell ha fatto esplodere il discorso di Biden Il Senato sta spingendo per un cambiamento nelle sue regole filippine per approvare leggi elettorali e elettorali, con Biden che paragona “una maggioranza bipartitica di senatori a traditori diretti”.

“Quanto profondamente – profondamente – senza un presidente”, ha detto McConnell. “Conosco, amo e rispetto personalmente Joe Biden da molti anni. Non riconosco la persona che era sul palco ieri”.

La storia è stata aggiornata mercoledì con ulteriori miglioramenti.

Al rapporto hanno contribuito Alex Rogers, Ali Zaslav, Ted Barrett, Daniella Diaz e Morgan Rimmer della CNN.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *