Una rete metropolitana che porta le sale giochi giapponesi negli Stati Uniti

Giuliano Berman

Lo scorso ottobre, Bill Arrington ha pericolosamente bilanciato un sogno nel cassone del suo pick-up Ford Ranger del 2002. Era un sogno stupido, ma non era degno morire in un carrello dietro un magazzino marrone.

Arrington si chinò su Dolly, una catena d’oro appesa a una maglietta grigia aderente. Tra le sue mani, inclinata di 45 gradi, c’era la macchina da sala giochi; Il suo titolo, MUSECA, può essere visto sulla sua spalla. La macchina si è spostata da Arcade a Tokyo a un magazzino anonimo a Osaka e poi su una nave portacontainer fuori Long Beach, in California, al magazzino di Arrington a San Pedro. Arrington spinse l’armadio alto 6 piedi nella ruota verso il portello del pickup. Una sottile coperta blu è stata stesa sul cemento sotto i 3 piedi. Un telefono nelle vicinanze stava registrando.

Scatting, riposizionamento, uncinetto, molatura, Arrington ha spinto il peso della macchina centimetro per centimetro per secondo. Improvvisamente, le ruote di Dolly scivolarono dal bordo. Tutto il suo corpo si rovesciò in avanti e l’armadio della sala giochi si schiantò a terra in un incidente. Sotto il video caricato da Arrington su Twitter, i giocatori hanno espresso il loro avvertimento. “Questa è la cosa più spaventosa che abbia mai visto su Internet”, ha detto qualcuno. Un altro ha detto chiaramente: “Non credo che il mio culo abbia mai lavorato sodo”.

Guardando il video da tutto il paese a Brooklyn, ho urlato. Questo è il mio motore.

Bill Arrington.
Ingrandire / Bill Arrington.

Giuliano Berman

Arrington ha scelto il momento giusto per spiegarsi e due giorni dopo ha tirato fuori i resti polverosi da una borsa calda di toridos di fenicottero semivuota, come se si stesse tuffando in un secchio rosso, in diretta su Twitch. Il suo tono non se ne pentì. Ha deliberatamente tagliato il video nel momento più drammatico, ha detto. Il motore era, infatti, intatto. Arrington si alzò, si sbottonò i pantaloncini da ginnastica e gettò da parte la borsa di Hot Doridos. Mooka Mobiletto.

READ  La tempesta invernale ha colpito la costa orientale, lasciando 200.000 senza elettricità

Mooka L’anime brillante era il faro. Un rotolo rosso neon attraversa la sua base come una spina dorsale e sostiene una console di cinque pulsanti color pastello, ciascuno delle dimensioni della mano di un adulto. Al ritmo di un ritmo vivace, un giocatore preme e ruota questi pulsanti al momento giusto per accumulare punti, cioè se il gioco funziona. Il cabinet, per fortuna, è stato lanciato sulla schermata del menu. “Quando ottieni qualcosa del genere, devi prendertene cura. Non è come la Cadillac degli anni ’60 o ’70, dove le persone fanno parti per essa”, ha detto Arrington. Premendo Start. “Ha detto. Ma poi baby-voice dagli altoparlanti risuonava musica pop. Non importa.

Questi giorni, Mooka Una scoperta straordinaria, ha detto Arrington. Come altre macchine, Arrington ti consente di importare e vendere principalmente nelle sale giochi in Giappone. Inoltre, di Musek L’editore, Konami, ha interrotto il gioco alcuni anni fa. Le macchine sono state richiamate da tutto il Giappone e le loro parti sono state convertite in un gioco completamente nuovo பிஷி பாஷி. Non tanto Mooka Le scatole sono sopravvissute e sono diventate un regalo particolare per i fan devoti della scena arcade giapponese.

I palazzi di lusso autonomi del paese hanno attratto milioni di residenti e stranieri allo stesso modo Cammello Per decenni, il prezzo di una moneta da 100 yen li aveva attratti con la concorrenza e la promessa di fuga. Tito Corporation Invasori spaziali L’industria iniziò nel 1978 e negli anni successivi la scena arcade giapponese fiorì, portando a tali classici. Cong d’asino, Contro, E Combattente di strada II. Decine di migliaia di sale giochi sono spuntate, piene zeppe di giochi di gru pieni di pokemon blues dagli occhi spalancati; Sim di corse in Grecia; Giochi di roll-flaming fantasy o di strategia lampeggianti; Giochi di combattimento irritanti; E, naturalmente, l’ascesa totale di giochi ritmici come Konami Danza Danza Rivoluzione o Mooka.

Alcuni argomenti, ecc. DTR, Licenza ufficiale o rilasciata all’estero, dove sono diventati tocchi culturali. Ma Konami, Taito e altri produttori di giochi arcade hanno progettato i loro migliori prodotti esclusivamente per il Giappone. “Non vogliono che queste macchine vengano vendute al di fuori del Giappone”, ha affermato Sergan Toto, CEO di Canton Games, una società di consulenza giapponese. Numerose macchine tra cui Mooka, Stabilire che dovrebbero essere riprodotti solo in Giappone nelle schermate dei titoli. Negli ultimi anni, editori come Konami hanno implementato questo assicurando che i loro giochi arcade funzionino solo quando il loro server per la privacy è collegato a un protocollo proprietario.

READ  Tempesta invernale: Previste nevicate, forti nevicate, problemi di viaggio e interruzioni di corrente nel sud-est

La logistica e il costo della licenza sono un grosso motivo: musica, distribuzione e commissioni. Toto dice anche che questo è un calcolo aziendale. “Le macchine arcade non sono più isolate: devono essere collegate a un server, il che rende molto difficile mantenerle, controllarle e utilizzarle. Non vogliono avere difficoltà a fornire tali conoscenze e servizi di manutenzione ad aziende al di fuori del Giappone. Recentemente , la catena arcade giapponese Round1 ha allestito sedi negli Stati Uniti; Ma al di fuori di questo, gli americani ordinari non potevano accedere a quasi mille macchine arcade reali, il che ha aggiunto orgoglio al Giappone come la terra santa del gioco.

Oggi le sale giochi giapponesi sono in crisi. A causa della concorrenza delle console di gioco domestiche e dell’aumento delle tasse che ha aumentato il prezzo di un singolo gioco, i centri di gioco stanno chiudendo a un ritmo straziante. Numero di sale giochi tra il 2006 e il 2016 Gonfiato Da 24.000 a 14.000. Kovit ha accelerato questa tendenza, svuotando i portici regolari e turistici. Tra il 1 ottobre e il 24 novembre 2021, 20 sale giochi in Giappone sono state chiuse.

Quando le sale giochi chiudono, i loro videogiochi devono affrontare una delle tre regole, solo due delle quali sono consentite dall’associazione di categoria giapponese dei produttori di giochi. Il primo è sdraiato nella spazzatura. Il secondo viene smontato, venduto a pezzi e poi scaricato in una discarica. (Arrington chiama questa “terapia mafiosa”) Infine, un terzo: un commerciante giapponese compra tutte le macchine arcade morenti all’interno. Alcuni vengono inviati a piccole sale giochi in giro per il Giappone. Altri, al piano di sotto, provengono da aspiranti occidentali come Arington, l’autodefinito “ragazzo muscoloso” per gli imprenditori del mercato grigio che importano migliaia di armadi dal Giappone ogni anno.

READ  La Georgia ha sconfitto l'Alabama per vincere il College Football Championship

Negli ultimi cinque anni, la domanda occidentale di macchine giapponesi è esplosa poiché le macchine arcade giapponesi sono diventate più disponibili che mai. Per supportare questa richiesta, una rete clandestina di giocatori è stata sfidata a espellere questi cabinet dal Giappone, trascinarli in giro per il mondo e hackerare il loro codice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *