Home » CICLISMO

Il ricordo di Orlando Patrese

16 febbraio 2016 Stampa articolo

Orlando PatreseIl 14 febbraio Rovigo ha perso un’altro pezzo importante della sua storia sportiva, infatti  se ne è andato Orlando Patrese, che è stato  un dirigente del ciclismo polesano  molto apprezzato e che  ha scritto buona parte della storia del Velo Club Mantovani Rovigo.

Orlando Patrese mosse i sui primi passi da sportivo nel mondo del calcio giocando in porta in varie categorie, quindi passò al ciclismo trascinato dalla passione del figlio Maurizio che a nove anni iniziò a correre nella categoria Giovanissimi. Chiuderà la sua onorata carriera, tra incidenti e soddisfazioni nella categoria dilettanti avendo come Ds il padre.
Patrese è stato il direttore sportivo della Mantovani per 40 anni raccogliendo soddisfazioni sia sul piano delle vittorie conquistate, ma sopratutto per aver creato uomini seri. Tutto questo nonostante la società polesana abbia sempre dovuto fare i conti con l’esiguo budget a disposizione per ottimizzare e rinforzare la squadra.
Patrese, seguendo la strada del suo grande maestro, Severino Rigoni d.s. della gloriosa Padovani, passo dopo passo è entrato a far parte del ciclismo che conta con tanta passione e serietà. Ancora oggi in occasione del suo compleanno o per le feste natalizie, o per un semplice saluto riceve telefonate dai suoi ex corridori.
Le vittorie conseguite dal sodalizio polesano durante i quarant’anni in cui Patrese ne è stato il direttore sportivo sono state: giro del Veneto con Moro, giro della Valle D’Aosta con Verza, giro del Lazio con bottaio, tre volte la Bassano Montegrappa, coppa Mercantile, coppa Caivano, giro delle Valli aretine, Trofeo De Gasperi, la sei giorni di Milano con Berto, Gran Premio del Cigno, Gran Premio di Capodarco, 5 campionati eneti con Ghiotto, Vedovello (2), Berto, De Faveri, 2 trofei del tricolore ed altre cento gare nazionali.
Riconoscimenti ricevuti da Patrese: premio la Rotonda di Badoera, Borraccia d’oro, Medaglia d’oro della Fic per meriti sportivi, Medaglia d’oro del Coni (premiato dal Presidente Mario Pescante), titolo di cavaliere allo sport premiato dal presidente della repubblica Sandro Pertini.
Suoi corridori passati al professionismo: Moro – Verza – Bottaro – Berto – De Faveri – Longo Ongarato – Cavallari – Bellotti – Semprini – Nicolè – Ghirotto – Rossato – Tresin – Vedovello (Fonte i Protagonisti polesani dello sport di Iole Sturaro e Sara Colognesi)

 

Iole Sturaro



Articoli correlati