Home » Karate

Il Veneto neo campione italiano a squadre di kata

In lizza per il podio nazionale individuale alla finale di Loano del 5-6 marzo
29 febbraio 2016 Stampa articolo

Giovanni e Giuseppe Leccese con Rika UsamiIl titolo nazionale a squadre del 30 gennaio ha riportato il Veneto e Padova ai vertici del karate nazionale. Giovanni Leccese, nella sua duplice veste di responsabile delle selezioni regionali maschili e femminili e di atleta ha coronato il sogno della sua vita: arrivare sul gradino più alto del podio e conquistare l’ambito titolo iridato.

Fra qualche giorno, l’atleta padovano, assieme ai compagni, i rodigini Marco Stoppa e Filippo Previato, sfideranno i migliori d’Italia anche nella gara individuale, con la speranza di giocare le carte giuste per arrivare al podio. Strappare a Mattia Busato il titolo tricolore sarà un’impresa assai difficile; confermare la bontà della scuola di Noventa Padovana con piazzamenti d’eccellenza è sicuramente un obiettivo alla portata di tutti e tre gli atleti.

Pur partendo da Padova non in perfette condizioni fisiche (problemi al quinto metacarpo della mano), a Ostia Giovanni Leccese tirerà fuori tutta la sua determinazione e la sua voglia di fare bene per dimostrare ai più giovani che l’agonismo e l’amore per lo sport sono qualità che non invecchiano mai.Rachele Simeoni-Foto Cavinato

A Roma ci saranno anche le ragazze: Rachele Simeoni tra le juniores e seniores ed Elena Ercolin, tra le juniores. E’ soprattutto da quest’ultima che si attende un risultato con la R maiuscola; la giovane atleta padovana sta dimostrando in queste ultime settimane una grande maturità tecnico-atletica e una determinazione che la porteranno a scendere sul tatami con una marcia in più. Ma anche Rachele può fare bene tra le juniores; tra le seniores invece sarà tutt’altra storia: si troverà di fronte i “mostri sacri” della nazionale femminile e sarà davvero dura per lei, ma non è detta l’ultima parola. L’elegante e versatile atleta padovana non è nuova ad exploit e prestazioni di alto livello. Peccato soltanto la sua mancanza di continuità che forse le ha impedito fino ad ora di cucire sul petto lo scudetto tricolore della nazionale. Ma non è tardi per lei!

Elena Ercolin-Foto CavinatoDa segnalare infine l’ennesimo progetto umanitario che il Karate do Noventa-Leccese Team sta portando avanti in queste settimane, segno che la solidarietà trova uno straordinario abbinamento con lo sport: una raccolta fondi da destinare all’Associazione Gioco e Benessere della Pediatria di Padova che si occupa appunto del benessere dei bimbi ricoverati nei reparti dell’Ospedale padovano. Chi vuole donare un sorriso a chi è in difficoltà può contattare l’ASD Karate do Noventa (Giovanni Leccese, cell. 348 5646419) e concordare la modalità di sottoscrizione del piccolo contributo.

Gli agonisti del Maestro Giovanni Leccese concluderanno questa raccolta fondi il 19 aprile, alle ore 17, presso la Pediatria di Padova con una esibizione di tecniche e kata tutta dedicata ai bimbi ricoverati nel Reparto. Perché lo sport può compiere una straordinaria magia: quella di trasmettere non solo un messaggio di solidarietà, ma anche di lotta, per affrontare una malattia, un momento difficile non smettendo mai di aggrapparsi alla vita, alle cose più belle che la rendono unica e inimitabile.

E lo sport è una di queste.

C.S.



Articoli correlati