Home » RUGBY

Tutto pronto per il “Carwyn James Easter Trophy”

Tra meno di un mese la dodicesima edizione
29 febbraio 2016 Stampa articolo
Carwyn JamesManca meno di un mese all’attesissima dodicesima edizione del “Carwyn James Easter Trophy”, torneo internazionale di rugby, rivolto a formazioni Under 16, intitolato al grandissimo Carwyn James, tecnico gallese che anche in Italia, a Rovigo, lasciò il segno.
Si giocherà sul campo di Pieve di Cento (Bo) il venerdì di Pasqua (25 marzo). Per l’intera giornata si sfideranno otto formazioni di altissimo livello. A contendere il trofeo ci saranno cinque squadre italiane e tre straniere. Nella passata edizione la finale fu vinta dai laziali dei “Barbari Centro di Formazione Frascati”, al termine di una partita a dir poco spettacolare contro i campioni dell’Ulster del “The Royal Belfast Academical Institution” (vincitori del Carwyn James 2015). Volantino del torneoTorneranno anche quest’anno i campioni in carica, che scendono con un nome leggermente diverso: “Barbari Centro di Formazione Lazio Sud”, che comprende gli atleti di Frascati Rugby Club, Colleferro-Segni Junior Rugby, Appia Rugby, Anzio Rugby Club, Aprilia Rugby, Lanuvio Rugby, Tivoli Rugby, Arnold Rugby, Nuova Tor Tre Teste Rugby, Latina Rugby, Fabraeternum Rugby Ceccano, Volsci Sora Rugby, Rugby Senza Confini e Cisterna Rugby. “I Barbari” sono allenati dal tecnico federale Alejandro Villalon, coadiuvato dal Preparatore Fisico Federale Daniele Carlesimo. Manager del team è Bruno Formicola.
Agguerritissimi gli avversari italiani: i Dogi del Comitato Regionale Veneto – area di grandissimo rugby – scenderanno a Pieve di Cento con ben due formazioni, la “Oro” e la “Rossa”; e quindi lo Junior Rugby Brescia, giovanissimo club che in pochi anni di vita ha già raggiunto l’elite del rugby lombardo. Presenti anche i padroni di casa del Rugby Pieve 1971, che schiererà una selezione del territorio. Le straniere sono rappresentate dai gallesi del Rygbi Gogledd Cymru South, una delle tre selezioni che copre il Galles del Nord. Il RGC è un progetto federale, nato nel 2008 per sviluppare, appunto, il rugby nella zona nord del Galles. Negli scorsi anni sono scese in Italia, per partecipare al “Carwyn Foto del nipote di Carwyn, Llyr James, che premia un giocatore gallese nella decima edizioneJames”, le rappresentative del RGC West e East. Ora è la volta del South, che è formato dai migliori giocatori provenienti dalle contee rurali di Montgomeryshire e Merionethshire, dove si trovano i clubs Harlech, Blaenau Ffestioniog, Bala, Dolgellau, Machynlleth, Cobra, Welshpool, Newtown and Llanidloes. Coordinatore del RGC South è David Higgs, anche tecnico della federazione gallese. I Gallesi scendono con tutte le intenzioni di riportare in Galles il trofeo del loro idolo Carwyn James, che in realtà manca da troppo tempo visto che l’ultima squadra gallese ad avere vinto il torneo è il Monmouth School nel 2008. Non sarà facile perché oltre alle italiane di qualità, ci saranno pure gli inglesi del The Angmering School, provenienti dal West Sussex. All’interno di questa scuola lo sport è fondamentale e il rugby la fa da padrone.
Infine, ritornano gli amici del Rugby Zagreb, club fra i più prestigiosi della Croazia e pure dell’ex Jugoslavia avendo vinto diversi titoli nazionali. Il rugby croato, che è in grandissima crescita, è fatto di tanto cuore e fisicità e nella scorsa edizione non hanno fatto per nulla una brutta figura.
Appuntamento dunque a Venerdì 25 marzo, sul campo di Pieve di Cento!

C.S.



Articoli correlati