Home » Serie A2, VOLLEY

Beng Rovigo presenta l’App e sostiene la settimana della consapevolezza dell’endometriosi

8 marzo 2016 Stampa articolo

Colognesi - Carraro- Tamascelli.Martedì pomeriggio Beng Rovigo ha presentato due eventi che la vedono protagonista, il primo riguarda la collaborazione della squadra giallonera con l’Aie, Associazione italiana endometriosi, e l’altro l’App. di Beng Rovigo nata dalla collaborazione con l’ingegnere Stefano Tamascelli di Xteamsoftware

In concomitanza con l’8 marzo, festa della donna, durante la conferenza stampa è stata presentata tale iniziativa a sfondo socio-divulgativo di Beng Rovigo. Dal 7 al 13 marzo verrà celebrata a livello nazionale la settimana della “consapevolezza” relativa alla salute della donna, specificatamente all’endometriosi. In tale occasione Beng, squadra di pallavolo femminile, si proporrà come veicolo divulgativo di una maggiore consapevolezza femminile, grazie alla presenza della rappresentante dell’Associazione Italiana Endometriosi, la dottoressa Sara Colognesi.

“Oggi – dice il ds Alessandro Carraro facendo gli onori di casa, si presentano due eventi diversi tra loro, ma in linea con le attività di Beng”.

Sara Colognesi, referente per la provincia di Rovigo del gruppo AIE, fondato in Italia nel 1999 da donne che soffrivano di endometriosi al fine di informare e sensibilizzare il pubblico. “Siamo all’interno della settimana europea della “consapevolezza” ed abbiamo voluto festeggiarla con Beng, che con entusiasmo e spirito di collaborazione sostiene questa causa. Il 13 marzo, in occasione della partita casalinga, le giocatrici della serie A2/F della squadra Beng Rovigo Volley, durante il riscaldamento, indosseranno la nostra maglietta informativa. L’endometriosi, patologia femminile che in Italia colpisce circa tre milioni di donne in età fertile ed è responsabile d’infertilità nel 30-40% casi, è poco conosciuta e sono necessari circa dieci anni per effettuare una diagnosi certa e procedere poi con le cure. Lo scopo di questa iniziativa è quello di mostrare alle donne che soffrono che non sono sole e che non devono arrendersi al dolore, ma sottoporsi ad una diagnosi necessaria e doverosa per far fronte ad una situazione delicata”. La coordinatrice di AIE così prosegue: “Oggi 8 marzo, festa della donna, non è possibile permettere che le donne affrontino da sole questa malattia, in quanto anch’esse devono continuare a condurre una vita normale”. Quindi Sara Colognesi legge il messaggio inviato dalla presidete AieJ acqueline Veit,«La Awareness Week ha un significato simbolico molto forte. Conoscere significa avere gli strumenti per affrontare con consapevolezza ciò che accade nel proprio corpo, sapersi allertare ai primi sintomi sospetti e ricorrere a cure mediche adeguate» sostiene Jacqueline Veit, Presidente AIE.
E prosegue: «Non essere in grado di terminare un corso di studi o di conservare il posto di lavoro, dover rinunciare a una professione e alla carriera, hanno ovviamente un impatto negativo sulla vita della donna sul piano economico e personale e quindi sull’intera società. Occorre abbattere il muro di silenzio e i pregiudizi che circondano questa malattia».

Il ds Carraro puntualizza: “Con piacere ho ricevuto la telefonata di Sara Colognesi per poi mettere in piedi questa iniziativa che ho fatto decollare dopo aver ricevuto con molto piacere la telefonata di Sara. Beng, squadra femminile, è il migliore mezzo per veicolare l’informazione divulgandola tra il pubblico. L’altra attività annunciata, che ormai ci accompagna da un po’ di tempo e che quest’anno ha visto rivoluzionati alcuni aspetti, è l’App di Beng, diventata per questo più dinamica rispetto il passato. La collaborazione con Xteamsoftware e la testata AgoraSportonline.it ha comportato ottimi risultati in termini di interazioni.

Stefano Tamascelli afferma: “In pochi mesi abbiamo avuto più di 1500 download; nel corso dei cinque anni di collaborazione sono diventati più di cinquemila. In occasione della prima votazione la giocatrice preferita ha totalizzato più di duecento voti. Per incrementare l’interazione fin dalle prossime partite realizzeremo una web App che potrà essere utilizzata anche dal sito web. La maggiore fonte di interazione è conseguente alla possibilità di votare la giocatrice preferita. Il pubblico potrà, infatti, esprimere le proprie preferenze per cui alla fine della partita disputata in casa verrà premiata la giocatrice che avrà raccolto il maggior numero di preferenze. Alla fine della stagione sportiva AgoraSportonline.it consegnerà alla atleta più votata una targa di riconoscimento”.Colognesi - CarraroSara Colognesi e Alessandro Carraro

C.S.



Articoli correlati