Home » Triathlon

A Volano i triatleti nerazzurri… volano

All’ “Irondelta di Primavera” i portacolori della Rhodigium Team fanno già registrare tempi di tutto rispetto. Il migliore tra i maschi è Michele Aglio, 30esimo assoluto. Sara Fusetti è 11esima
20 aprile 2016 Stampa articolo

 

FranzosoVOLANO – Parte a tavoletta la stagione dei “mezzi” per la Rhodigium Team. All’ “Irondelta di Primavera” domenica i triatleti nerazzurri hanno subito fatto registrare tempi di tutto rispetto, lasciando intuire che quella appena iniziata sarà una grande stagione per il sodalizio presieduto da Enrico Novo.

Il “70.3” organizzato al Lido di Volano dal Ferrara Triathlon ha visto al via oltre 400 atleti. Dieci i portacolori della Rhodigium Team che si sono confrontati con i 1.900 metri a nuoto, i 90km in bicicletta e i 21,097km di corsa. Quasi tutti hanno completato la prova sotto le 5 ore. Da sx Bimbatti e AglioTempi di tutto rispetto anche per una gara tradizionalmente veloce come quella di Volano che si sviluppa su circuiti in tutte le tre frazioni: prima nel lago delle Nazioni, poi lungo un percorso in bici completamente pianeggiante ed esposto al vento e infine nella mezza maratona corsa tra strada e pineta.

Ottimo il 30esimo posto di Michele Aglio in 4h13’32”. Appena 5’ dopo è arrivato al traguardo l’altro Ironman Paolo Franzoso, 40esimo nella generale. Per Matteo Bimbatti un buonissimo tempo di 4h26’41”. Poco sopra le 4h40’ Davide Cecchetto, Giampietro GiomoAndrea Dalla Pietra, Giampietro Giomo, Alessio Trombini e Nicola Temporin. A chiudere il plotone rodigino le buone prove di Massimiliano De Palma ed Enrico Crivellari. In campo femminile spicca l’11esimo posto generale di Sara Fusetti in 5h13’35”.

“Per alcuni dei nostri atleti questa gara è servita come banco di prova in vista di futuri appuntamenti sulla massima distanza, perciò magari la prestazione di qualcuno non è stata esasperata – sottolinea il presidente Enrico Novo – Eppure sono usciti ottimi risultati che ci fanno ben sperare per il prosieguo della stagione. Quest’anno molti dei nostri tesserati si stanno spostando verso l’Ironman o il ‘mezzo’, significa che il movimento cresce e la nostra società matura sempre di più”.

 

C.S.



Articoli correlati