Home » Azzurro, VOLLEY

Le Azzurre hanno conquistato la qualificazione per Rio 2016

21 maggio 2016 Stampa articolo

Le Azzurre - Fonte Fipav(Fonte Fipav) – ITALIA-GIAPPONE 3-2 (23-25 27-25 27-25 21-25 15-9)
ITALIA: Orro 4, Del Core 22, Chirichella 15, Ortolani 2, Sylla 18, Guiggi 9, De Gennaro (L),  Centoni 3, Gennari, Egonu 18. Non entrate:  Danesi , Malinov, Piccinini. Sirressi (L). All. Bonitta.
GIAPPONE: Miyashita 3, Ishii 10, Araki 8, Nagaoka 14, Kimura 31, Shimamura 8, Sato (L), Zayasu, Nabeya 5, Koga 1, Sakoda 5, Yamaguchi 1, Tashiro. Non entrate: Maruyama (L). All. Manabe.
ARBITRI: Espicalsky (Bra) e Rolf (Usa).
Spettatori: 10000 Durata set:  30, 35, 36, 31, 17.
Italia: bs 9, a 5, mv 21, et 23.
Giappone: bs 9, a 6, mv 9, et 22.
Tokio. L’Italia si è qualificata per i Giochi di Rio 2016. Le ragazze di Marco Bonitta sono scese in campo sapendo che gli sarebbero bastati due soli set, per chiudere la pratica e giocando con grande spirito e senza timore hanno centrato l’obiettivo per cui sono venute in Giappone già alla fine del terzo parziale (per poi vincere il match al quinto). Grande impresa di una squadra costruita mischiando gioventù ed esperienza: cocktail perfetto per portare a casa la quinta qualificazione olimpica consecutiva della pallavolo femminile tricolore. Nel nostro Paese nessun sport di squadra ha sinora tagliato questo piccolo, grande traguardo.
Una partita molto bella che è durata abbondantemente oltre le due ore e che si è conclusa con una festa generale perchè dopo l’Italia anche il Giappone è riuscito a regalarsi il biglietto per volare a Rio 2016.
Marco Bonitta ha schierato inizialmente Orro in palleggio, Ortolani sulla sua diagonale, la capitana Del Core e Sylla di banda, Chirichella e Guiggi al centro con De Gennaro libero. Nel finale del primo set Centoni ha rilevato Ortolani. Poi a sua volta la toscana nel secondo ha lasciato il suo posto ad Egonu.
Primo set pieno di capovolgimenti di punteggio. Inizio molto equilibrato, poi il Giappone prende il largo, arrivando a condurre 18-13, quando arriva la riscossa azzurra. Con Martina Guiggi nell’area di battuta l’Italia recupera punto su punto arrivando a condurre 20-18. Ma la squadra di casa riesce a riportarsi in vantaggio e con Araki (ex-Bergamo) in evidenza a muro s’impone 25-23.
Secondo set condotto dalle ragazze italiane prima 12-8, poi 16-12. Ma spinto dal pubblico di casa il sestetto di Manabe non ha lasciato nulla d’intentato. Del Core e compagne sono arrivate al 24-22, ma per piazzare il punto dell’1-1 sono arrivate sino al 27-25 siglato con una bomba di Egonu subentrata a Centoni. Nel finale spettacolari difese in tuffo da una parte e dall’altra dal campo.
Il terzo set regala alle azzurre la qualificazione per i Giochi Olimpici. L’Italia parte con il freno a mano tirato, va sotto 10-15, poi lentamente rimonta. Il Giappone si oppone in tutte le maniere, ma il pareggio arriva sul 23-23. Poi le padrone di casa spinte da una grande Kimura arrivano al doppio set point, ma alle giovani azzurre non manca ne il coraggio ne il cuore. annullano entrambe le occasioni avversarie e poi con Chirichella piazzano un 1-2 che chiude il parziale e la pratica qualificazione.
Nel quarto il Giappone si porta avanti e raggiunge il tie-break, conquistando a sua volta la qualificazione. Nel set finale è stata grande Italia e poi grande gioia, con il gruppo scatenato per un breve festeggiamento.
Domani si torna in campo alle 10 contro il Kazakhstan.

RISULTATI – 1a giornata – 14 maggio:  Corea del Sud-Italia 1-3; Thailandia-Dominicana 3-1; Kazakhistan-Olanda 1-3; Giappone-Perù 3-0. 2a giornata – 15 maggio: Italia-Thailandia 3-1; Perù-Dominicana 3-0; Olanda-Corea del Sud 0-3; Giappone-Kazakhistan 3-0. 3a giornata – 17 maggio: Kazakhistan-Perù 1-3; Dominicana-Italia 0-3; Thailandia-Olanda 0-3; Corea del Sud-Giappone 3-1.  4a giornata – 18 maggio: Perù-Italia 3-0; Kazakhistan-Corea del Sud 0-3; Olanda-Dominicana 3-0; Giappone-Thailandia 3-2. 5a giornata – 20 maggio: Thailandia-Kazakhistan 3-0; Corea del Sud-Perù 3-1; Italia-Olanda 0-3; Giappone-Dominicana 3-0. 6a giornata – 21 maggio: Corea del Sud-Thailandia 2-3 (25-19 25-22 27-29 24-26 12-15); Kazakhistan-Rep. Dominicana 1-3 (20-25 25-22 12-25 20-25); Perù-Olanda 0-3 (16-25 14-25 17-25); Italia-Giappone 3-2 (23-25 27-25 27-25 21-25 15-9). CLASSIFICA – Olanda 5v (15p), Italia 5v (14 p), Corea del Sud 4v (13p), Giappone 4v (12p), Thailandia 3v (9p); Perù 2v (6p), Dominicana 1v (3p), Kazakhstan 0v (0p).
CALENDARIO  7a giornata – 22 maggio: Rep. Dominicana – Corea del Sud; Thailandia – Perù; Italia-Kazakhistan (ore 8.30); Olanda – Giappone.
Nota: gli orari indicati sono quelli italiani
QUALIFICATE – Si conoscono già i nomi delle quattro squadre qualificate per il Torneo femminile di Rio 2016: Olanda, Italia, Corea del Sud e Giappone, l’ordine definitivo di classifica si conoscerà soltanto alla conclusione di tutti gli incontri di domani.
TELEVISIONE – Tutte le gare della nazionale azzurra saranno trasmesse in diretta da RaiSport.

La contentezza nelle parole di Bonitta e delle sue ragazze
Tokio. Grande soddisfazione in tutta la squadra azzurra per il grande obiettivo centrato: la qualificazione olimpica.
Marco Bonitta: “Sono realmente emozionato perchè definire meravigliose queste ragazze qui è poco. Ma non lo dico perché voglio fargli dei complimenti dopo i bei risultati, ma perché sono seriamente e felicemente colpito di ciò che hanno saputo fare in questi giorni. Ieri sera (venerdì ndr) abbiamo perso una partita importante con l’Olanda. Oggi abbiamo fatto una gara straordinaria. Siamo riusciti a ricaricare immediatamente le batterie ed abbiamo onorato lo sport non accontentandoci della qualificazione arrivata dopo aver incamerato due set, ma volendo vincere la partita”.
Paola Egonu: “E’ stata una bellissima partita, molto emozionante. Sono felice di come è andata e di come siamo riuscite ad esprimerci come squadra. Andiamo a Rio e Penso che ce lo siamo meritato davvero”.
Alessia Orro: “Vincere non è stato per niente facile. Loro come sapevamo sono state davvero brave a difendere ed a metterci in difficoltà con la battuta. Noi siamo state lucide nei momenti decisivi ed ha conquistare questo importante risultato”.
Martina Guiggi: “E’ stato bellissimo. sapevamo che ci mancava pochissimo per arrivare a centrare questo grande obiettivo, la qualificazione Olimpica. E’ bello che sia arrivata anche la vittoria. Lo non hanno mai mollato, è stata dura, ma ce l’abbiamo fatta”.
Cristina Chirichella: “Sono contenta. Eravamo tutte cariche. Ho messo giù i due palloni che ci hanno consentito di vincere il terzo e decisivo set. merito dell’istinto che ha fatto si che ci riuscissi. Sapevamo che con il Giappone sarebbe stata una partita lunga in cui c’era molto da difendere e contrattaccare. Siamo state concentrate ed abbiamo raggiunto l’obiettivo che volevamo”

Italia qualificata per Rio 2016 – La soddisfazione del Presidente Carlo Magri
La nazionale italiana femminile ha staccato il pass per i Giochi Olimpici di Rio, un traguardo importantissimo che riempie d’orgoglio il Presidente federale Carlo Magri.
Queste le sue parole dopo la vittoria dell’Italia contro il Giappone: “Penso che aver centrato la partecipazione alle Olimpiadi sia una grande impresa, iniziata a gennaio nel torneo di Ankara quando con carattere e determinazione siamo riusciti a venir fuori da situazioni veramente difficili. Questa qualificazione è molto importante sia per il presente, ma anche per il futuro perché la nostra squadra è composta da tanti giovani talenti che sono convinto permetteranno all’Italia di togliersi molte soddisfazioni. Voglio ovviamente complimentarmi con Bonitta e il suo staff perché hanno fatto un lavoro fantastico, così come le ragazze che in campo hanno strameritato il pass per Rio. Ho già accennato alle giovani atlete del gruppo, ma oggi voglio esprimere un ringraziamento particolare al nostro capitano Antonella Del Core. Per tutto il torneo il suo atteggiamento è stato encomiabile, da vero leader ha saputo trascinare l’intera squadra.”
“Oggi non gioisce solo la Federazione Italiana Pallavolo – ha concluso Magri – ma il nostro intero movimento e i meriti vanno al Club Italia così come alle società che accettandone la partecipazione in serie A1 hanno permesso alle nostre atlete di crescere in maniera esponenziale. Presentarsi ai Giochi Olimpici con due nazionali rende orgoglioso non solo il grande mondo del volley, ma tutto lo sport italiano.”.

C.S.



Articoli correlati