Home » RUGBY

Il Rugby Frassinelle contro il Giallo Dozza

La squadra polesana sarà impegnata sabato nella Casa Circondariale di Bologna
16 novembre 2017 Stampa articolo

 

rugbySarà un sabato di rugby. Semplice. Genuino. Una battaglia riempita da mischie, placcaggi e rimesse laterali dove il risultato, questa volta, non avrà alcuna importanza. Di inusuale, solo la cornice. Il Rugby Frassinelle infatti, sabato pomeriggio, farà picchettare i tacchetti sul terreno della Casa Circondariale di Bologna per un match ufficiale con i locali del Rugby Giallo Dozza.

“Grazie all’amicizia con l’ex rossoblu Edi Venturi – spiega Dario Dardani, head coach del Rugby Frassinelle -, è nata l’opportunità di giocare contro il team del carcere di Bologna, il Giallo Dozza, considerato che il campionato riprenderà tra due settimane”.

Un progetto sviluppato grazie all’amicizia tra Dardani e Venturi e avvallato dal presidente del team bolognese, Stefano Cavallini.  “Non mi è mai capitato di giocare una partita in queste circostanze – spiega Dardani -, ma una volta contattati da Edi, abbiamo accettato senza esitare. Penso sarà un’esperienza interessante e molto profonda per tutti noi, in un ambiente che, solitamente, ha poco in comune con lo sport”.

Il Giallo Dozza, team composto da 40 ragazzi tra i 20 e i 40 anni, di diversa nazionalità, partecipa regolarmente al campionato italiano di C2 dell’Emilia Romagna e si allena sul campo della casa circondariale della Dozza. La maglietta, di colore giallo, vuole ricordare la pena comminata in campo dal cartellino giallo e la conseguente espulsione temporanea. Situazione analoga a quella vissuta dai ragazzi detenuti, pronti a riprendere il loro rapporto con la quotidianità al termine della pena.

“È interessante come il rugby, uno stile di vita, sia stato scelto per questi progetti ed è bello pensare che possa essere d’aiuto a persone che stanno vivendo un momento particolare della loro vita. Il nostro sport rimane uno strumento fortissimo”.

Il Frassinelle, che donerà una maglia autografata da tutti i giocatori al Giallo Dozza, sfrutterà l’incontro anche per preparare il match in programma il 3 dicembre a Frassinelle contro il Veneziamestre. “Vivremo questo incontro come una normale sfida rugbistica – spiega Dardani -, considerata l’imminente partita con il Veneziamestre, per noi fondamentale in termini di classifica”.

Inevitabile, comunque, che all’ingresso in campo il cuore dei gialloblu batterà – anche se solo per un attimo – più velocemente. “Credo che questa esperienza lascerà qualcosa in ognuno di noi. Capiremo, ancora una volta, l’importanza di vivere serenamente lo sport con le nostre famiglie e la fortuna che abbiano nel condividerlo”.

C.S.



Articoli correlati


Scrivi un commento!