Home » RUGBY

Rugby Rovigo s’impone sul Calvisano

19 novembre 2017 Stampa articolo

rugbyFEMI-CZ ROVIGO v PATARÒ RUGBY CALVISANO 23-20 (9-13)

Marcatori: p.t. 1’ c.p. Novillo (0-3), 12’ m. Tuivaiti tr. Novillo (0-10), 15’ c.p. Mantelli (3-10), 19’ c.p. Mantelli (6-10), 29’ c.p. Mantelli (9-10), 34’ c.p. Novillo (9-13); s.t. 53’ m. tecnica (16-13), 66’ m. e tr. Novillo (16-20), 83’ m. Barion tr. Mantelli (23-20)

FEMI-CZ Rovigo: Odiete; Barion, Majstorovic, Davies, Cioffi; Mantelli, Chillon; Ferro (cap.) (59’ Zanini), Lubian, De Marchi; Boggiani (49’ Parker), Ortis; D’Amico, Momberg, Brugnara (67’ Muccignat). all. McDonnell, Casellato

Patarò Rugby Calvisano: Chiesa; Bruno (80’ Morelli), Paz, Lucchin, Susio (53’ Giovanchelli); Novillo, Semenzato; Tuivaiti, Zdrilich (61’ Venditti), Archetti; Zanetti, Cavalieri; Leso (67’ Biancotti), Morelli (cap.) (67’ Fischetti), Rimpelli (62’ Susio) (69’ De Santis). All. Brunello

arb.: Liperini (Livorno)

AA1 Bolzonella (Cuneo), AA2 Franzoi (Venezia)

Quarto Uomo: Brescacin (Treviso)

Cartellini: 52’ giallo a Rimpelli (Patarò Rugby Calvisano), 79’ giallo a Fischetti (Paterò Rugby Calvisano)

Calciatori: Mantelli (FEMI-CZ Rovigo) 4/4 ; Chillon (FEMI-CZ Rovigo) /; Novillo (Patarò Rugby Calvisano) 4/4

Note: giornata serena, circa 11°, campo in buone condizioni. Spettatori circa 1800.

Punti conquistati in classifica: FEMI-CZ Rovigo 4; Patarò Rugby Calvisano 1

Man of the Match: Ortis (FEMI-CZ Rovigo)

La FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta ci crede fino alla fine e vince 23-20 con il Patarò Rugby Calvisano nella settima giornata del Campionato Italiano d’Eccellenza.rugby

Dopo appena un minuto dal fischio d’inizio il Calvisano passa subito in vantaggio grazie ad un calcio a favore, per un’entrata laterale dei rossoblù, che Novillo manda tra i pali. Il Calvisano allunga ulteriormente al 12’ grazie alla meta di Tuivaiti che Novillo trasforma per lo 0-10. I Bersaglieri però rispondono subito dalla piazzola con Mantelli che centra i pali e accorcia le distanze sul 3-10. E il mediano d’apertura rossoblù è di nuovo protagonista al 19’ quando mette tra i pali il calcio a favore fischiato ai Bersaglieri in attacco nei 22 avversari. Il Calvisano gioca agguerrito ma il pack dei rossoblù dimostra la sua superiorità e al 29’ ottiene un calcio a favore che Mantelli piazza per il 9-10. I gialloneri rispondono dalla piazzola con Novillo al 34’ per il 9-13 su cui si chiude la prima frazione di gioco.

La ripresa vede i rossoblu fronteggiare gli avversari con la forza del pacchetto di mischia: dopo diversi calci a favore sui 5 metri avversari, il pack dei Bersaglieri riesce ad ottenere finalmente una meta tecnica al 53’ e il Calvisano viene punito con un giallo al pilone Rimpelli. Tornati in parità numerica, le due squadre si danno battaglia fino al 66’ quando i gialloneri in attacco sui 5 metri rodigini trovano un buco nella difesa rossoblu e Novillo va a schiacciare oltre la linea. Lo stesso poi trasforma per il sorpasso giallonero 16-20. Il pack dei Bersaglieri torna protagonista negli istanti finali della partita ma, nonostante continue mischie sui 5 metri avversari e un giallo a Fischetti del Calvisano, non riesce ad ottenere la seconda meta tecnica. I rossoblu comunque non demordono e aprono il gioco al largo, dove Barion riceve l’ovale che poi schiaccia magistralmente oltre la linea. La trasformazione di Mantelli chiude il match sul 23-20 a favore della FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta.

rugbySono molto felice per il risultato – afferma l’head coach rossoblu Joe McDonnell alla fine della partita – ma è importante che anche nelle vittorie si sia consapevoli dei propri errori: oggi abbiamo peccato nella disciplina e in rimessa laterale, dove Calvisano ci ha messo molto in difficoltà con Cavalieri. Faccio i complimenti ai nostri avversari, è stata una partita dura e anche loro meritavano di vincere ma la differenza l’ha fatta la mischia: siamo stati bravi a creare con il pack le opportunità per finalizzare, ci abbiamo creduto fino alla fine. Abbiamo vinto ma dobbiamo continuare a lavorare, dopo la settimana di riposo ci aspettano I Medicei, una sfida delicata soprattutto mentalmente. Dobbiamo tenere i piedi ben saldi per terra e pensare alla prossima grande sfida”.

C.S.



Articoli correlati