Home » BASKET, Prima Divisione

Basket 2000 stoppa il San Martino

24 novembre 2017 Stampa articolo

basketBasket 2000 – Basket San Martino 63 – 52

Basket 2000: Teodori 2, Gallinaro, Moscato 8, Birello, Santon, Pilotto, Pick 4, Oirene 5, Lionello 26, Desiderio 9, Zmarick, Mindru 2. Allenatore: Elio Vecchi

Basket San Martino: Brigo A. 28, Borgato, Chiarion 12, Brigo S. 2, Grande, Bortoloni 2, Rocchi, Campanari 4, Davin, Migliorini 3, Rossi 1, Zago. Allenatore Gianmaria Baratella.

Arbitri: Marco Scandaletti e Vladimir Guranda di Padova.

Parziali: 16-14, 15-19, 16-5, 16-14.

NOVENTA PADOVANA – Sconfitta evitabile per il Basket San Martino che, nella 5^ giornata del campionato di Prima Divisione, cede in casa del Noventa 2000 in un match fortemente condizionato dal black-out avuto nel terzo parziale da parte del quintetto nero-oro.

E pensare che il quintetto di coach Baratella era partito alla grande tanto da portarsi sul 10-3. Poi forse la troppa sicurezza ha fatto rallentare il San Martino che subiva così il ritorno del Noventa che riusciva a chiudere i primi 10’ di gioco sul 16-14.

Secondo quarto col San Martino più attento e più incisivo in fase offensiva. Caratteristiche che permettono ai neo-oro polesani di ribaltare la situazione ed andare al riposo in vantaggio per 33-31.

Quando si ritorna in campo il quintetto polesano lascia la concentrazione nello spogliatoio. Di questo ne approfitta il Noventa per salire in cattedra e grazie ad Alessio Lionello trova un break che di fatto fa girare definitivamente la partita a favore dei locali che all’inizio dell’ultimo parziale si presentano con un +9 con lo score che segna 47-38.

Negli ultimi dieci giri di lancetta il San Martino prova a risalire la china ma la batosta del terzo parziale ha lasciato strascichi e la squadra non riesce più a trovare il filo del match. Match che si conclude sul 63-52 per il Noventa 200 e con molto rammarico in casa Basket San Martino per non aver avuto quella lucidità e freddezza che ne avevano fino ad ora caratterizzato il proprio campionato.

Ma c’è tempo per recuperare e mostrare il proprio reale valore.

C.S.



Articoli correlati