Home » serie B, VOLLEY

Alva Inox Delta Volley: battuta Padova, nono successo… col brivido

10 dicembre 2017 Stampa articolo

VOLLEYKioene Padova-Alva Inox Delta Volley 1-3

(27-25, 13-25, 16-25, 18-25)

Battute punto/errori: Padova 1/8, Delta 7/15; Ricezione: Padova 66%, Delta 82%; Attacco: Padova 39%, Delta 57%; Muri punto: Padova 5, Delta 6

Kioene Padova: Lovato 14, Bottolo 13, Marzolla 9, Bezzegato 4, Cannella 3, Fusaro e Ceccato 1, Longo, Guidotti, Marcolin e Veronese 0; libero: Scanferla. Coach: Fabiano Cecchinato.

Alva Inox Delta Volley: Dordei 20, Cuda 17, Perini 13, Luisetto 11, Masiero 9, Bosetti 5, Di Pietro 0, Pavan, Lamprecht e Trolese NE; liberi: Fusaro e Fregnan. Coach: Mario Di Pietro.

PORTO VIRO-Nono successo consecutivo nel campionato di Serie B Maschile per l’Alva Inox Delta Volley che supera 1-3 la Kioene Padova, fanalino di coda del girone C. Brivido iniziale (è il caso di dirlo, vista anche la temperatura del palazzetto), con i padroni di casa che si aggiudicano il primo set ai vantaggi, poi la squadra di Mario Di Pietro si scioglie i muscoli e domina i tre parziali successivi. Con questi tre punti il Delta Volley si conferma in vetta alla classifica, ma soprattutto prende il largo (+9) sulla terza in graduatoria, Monselice, sconfitta 3-1 da Prata nel big match di giornata.

LA PARTITA

Porto Viro con Masiero e Dordei di nuovo titolari. Completano lo scacchiere nerofucsia Bosetti al palleggio e Perini opposto, Luisetto al centro e Cuda in banda, Fusaro nel ruolo di primo libero. Fabiano Cecchinato, tecnico di Padova, schiera Ceccato-Fusaro in diagonale, Cannella-Bezzegato centrali, Bottolo e Marzolla attaccanti da posto quattro, libero Scanferla.

Nel gelo del PalaSpiller squadre a braccetto in avvio di gara (7-8). Lo sprint nerofucsia si concretizza a metà frazione (12-16, in evidenza Dordei), ma grazie al cambio Lovato-Fusaro Padova riesce ad avvicinarsi, approfittando anche del calo di concentrazione degli ospiti (dieci gli errori dell’Alva Inox in questa frazione). Si va ai vantaggi e la spuntano, un po’ a sorpresa, i giovani della Kioene: 27-25, 1-0. La capolista tira fuori le unghie nella seconda frazione, specialmente Masiero, grande protagonista del 5-9 iniziale. La pipe di Dordei del 6-11 libera Porto Viro da ogni timore di sorta e difatti i nerofucsia volano nella seconda metà del parziale, stroncando definitivamente le velleità di Padova con un lunghissimo turno in battuta di Cuda: 13-25, 1-1. Terzo set, abbozzo di reazione della Kioene che resta in corsa fino al 7-9. Cuda (7-10) dà una prima spallata al portone dei padroni di casa, quindi la battuta di Luisetto fa suonare l’allarme sulla panchina patavina (9-14, time Cecchinato). Attacco no-look di Dordei per il 10-16, la breccia è ormai aperta e l’Alva Inox può affondare il colpo. Da segnalare l’ace di Bosetti del 14-23 prima dell’ultimo attacco vincente, la solita bomba sganciata da Dordei: 16-25, 1-2 Delta Volley. Quarta frazione, gli ospiti cercano l’allungo immediato con l’ace di Perini (3-6). La Kioene riesce quantomeno a non perdere contatto (5-7), ma ecco due bei primi tempi di Luisetto a sancire la fuga nerofucsia (9-13). Ancora un servizio vincente di Perini (11-17), che si ripete, stavolta in attacco, anche per il 15-21 della sicurezza ed il 17-24, ovvero la prima palla match. La contesa si chiude alla seconda: battuta out di Padova, 18-25, 1-3 Delta Volley.

Nel complesso contento della prestazione dei suoi coach Mario Di Pietro: “La partita è stata in parte condizionata dalla temperatura glaciale del palazzetto. Abbiamo perso il primo set a causa dei tanti errori commessi, oltre che per i meriti di Padova, squadra ricca di giovani talenti. Dal secondo parziale in avanti la gara ha preso la giusta direzione e credo si siano visti i veri valori in campo. In particolare, mi ha molto soddisfatto la nostra ricezione: era difficile essere così precisi fuori casa e giocando con un pallone diverso dal solito”.

C.S.



Articoli correlati


Scrivi un commento!