Home » flat track

Flat track: la “100 km dei campioni” al Ranch di Tavullia

Giornata meravigliosa di sport, allegria e traversi al Motor Ranch di Tavullia.
20 dicembre 2017 Stampa articolo

flat trackTAVULLIA (Pesaro) – Si è svolta domenica l’ormai tradizionale gara di flat track che chiude la stagione agonistica e manda in vacanza invernale i piloti che hanno dominato i circuiti internazionali per tutta la stagione passata.

Vince Franco Morbidelli, Valentino Rossi secondo in coppia con il fratello Luca Marini.

Una festa sportiva tra amici, la chiave di questa competizione, le coppie:

  1. Franco Morbidelli / Mattia Pasini
  2. Valentino Rossi / Luca Marini;
  3. Lorenzo Baldassarri / Danilo Petrucci: 

Le prime tre coppie classificate nella ormai tradizionale kermesse che, dopo l’avvio di sabato, si è conclusa domenica pomeriggio sul circuito “La biscia”. Cinque giri di circuito e poi cambio pilota, è stata la formula di gara, trentasei i piloti che in coppia hanno dato vita a una competizione serrata ed emozionante sui tornanti di terra del tracciato.flat track

Fra i partecipanti c’erano fra gli altri il fresco campione del mondo di Moto3 Joan Mir, l’ex campione mondiale della Moto2 Tito Rabat e lo specialista americano Sammy Halbert oltre a tutta la covata dell’Academy Riders e ai giovani piloti del Racing Team Sky Vr 46.

La manifestazione di Tavullia chiude ogni anno la stagione agonistica richiamando sul tracciato del Ranch di Valentino Rossi, il TOP del motociclismo mondiale. 

flat trackBello sport vissuto in festa, “questo è il mio segreto – Afferma un soddisfatto Valentino Rossicompetere con questi pazzi-ragazzini mi da lo stimolo per essere sempre più competitivo, loro mi danno la carica giusta e stargli dietro è sempre una gran fatica, ma mi fa sentire vivo”.

Così si chiude l’anno agonistico e si rimane in attesa delle bagarre primaverili.

(Photo Instagram)

Per www.agorasportonline.it  Alessio Marini

Per rimanere sempre aggiornati su concerti, eventi e manifestazioni sportive visita il mio sito.

Alessio Marini



Articoli correlati


Scrivi un commento!