Home » baseball-softball

L’intossicazione digitale

Iniziativa organizzata dal Baseball Softball Club Rovigo
19 gennaio 2018 Stampa articolo

baseballROVIGO – Quasi un centinaio di partecipanti hanno decretato il successo dell’iniziativa “L’intossicazione digitale” organizzato dal Baseball Softball Club Rovigo e supportato da Itas Assicurazioni, Adriatic Lng e Rovigobanca. E’ stata una sorta di “contest” tra genitori e figli radunati insieme e condotti per mano dalla psicologa Federica Boniolo  di #Uniti in Rete e dall’esperto di comunicazione Andrea Micheletti.

In un clima decisamente sereno il confronto sul tema ha fatto emergere l’estrema attualità dell’argomento che tocca sia il mondo giovanile ma anche quello adulto in un percorso, quello proposto dal club rossoblu, davvero innovativo. Tante le domande rivolte agli esperti e tanta attenzione dei partecipanti anche durante un simpatico gioco “social” che ha messo di fronte genitori e figli.
“L’iniziativa non nasce per caso – commenta il presidente Alessandro Boniolo -. Da tempo siamo fortemente riconosciuti come club che ha mille attenzioni per quelle iniziative di cosiddetto radicamento territoriale. Quest’anno abbiamo fatto di più. Abbiamo investito tempo prezioso durante gli ultimi direttivi dell’anno per analizzare il nostro piano strategico 2018, capire come possiamo diventare una delle più importanti reti sportive-sociali del territorio. baseballLa risposta arriva anche grazie a queste iniziative soprattutto pensate per la famiglia e che vanno incontro anche alle esigenze dei nostri sponsor. Sociale e Sport possono coesistere in modo perfetto. La prossima settimana avremo un paio di pulman che porteranno i nostri atleti e le famiglie in montagna. Stiamo varando una sorta di “parent school” ovvero una scuola per genitori dove tratteremo l’inglese, i servizi per la famiglia. Per la primavera-estate partirà il programma dei camp e dei tornei. In estate avremo ancora gemellaggi importanti con americani. Stiamo varando un progetto importante per gli Stati Uniti che vede coinvolti diversi italo americani che ci hanno conosciuti nel corso di questi ultimi anni. Insomma il tentativo – continua Boniolo – è ben preciso e nonostante gli sforzi siano tanti speriamo, come siamo sicuri, che i frutti si vedano presto.
Al momento i nostri sforzi sono poi concentrati nel reclutamento di ragazzi e ragazze dai 4 agli 8 anni nella palestra Tintoretto mentre è partita il mercoledì dalle 16.30 alle 18 la nuova leva per ragazze dai 13 ai 16 anni.”baseball

C.S.



Articoli correlati


I Mandrakes chiudono in bellezza
L’Estense Baseball Ferrara alla Convention 2017 dei tecnici del baseball italiano
Filippo Crepaldi al World Baseball Classic
Serata delle Medaglie
Il batti e corri va al liceo
Ferrara Baseball: “pronti al salto di qualità”

Scrivi un commento!