Home » serie B, VOLLEY

Alva Inox Delta Volley: l’ennesima battaglia vinta

4 marzo 2018 Stampa articolo

volleyAlva Inox Delta Volley-Piera Martellozzo Cordenons 3-1

(21-25, 25-23, 25-22, 25-21)

Battute punto/errori: Delta 11/14, Cordenons 5/15; Ricezione: Delta 69%, Cordenons 57%; Attacco: Delta 38%, Cordenons 39%; Muri punto: Delta 12, Cordenons 5.

Alva Inox Delta Volley: Dordei 22, Cuda 20, Masiero 12, Perini 10, Luisetto 5, Maniero 2, Di Pietro 1, Osellame e Gallo 0, Pavan, Lamprecht e Ruffo NE; liberi: Fusaro e Fregnan. Coach: Mario Di Pietro.

Piera Martellozzo Cordenons: Pegoraro 22, Blasi 16, Spizzo 8, Zanuttigh 5, Vidotto 4, Calderan e Colussi 1, Badin, Righini, Fantin, Paludet e Carpanese NE; liberi: D’Ercole e Qarraj. Coach: Lucio Battisti.

PORTO VIRO -Tre punti soffertissimi e per questo ancora più preziosi. Non era facile portare a termine la missione dopo una settimana tanto tormentata, ma l’Alva Inox Delta Volley ce l’ha fatta ancora una volta: 3-1 in rimonta sulla Piera Martello Cordenons, diciassettesimo successo consecutivo e primato in classifica intatto. L’ennesima battaglia vinta, l’ennesima prova di cuore e carattere. Per provare a battere Prata tra una settimana servirà ben altro, certo. Per adesso, però, può bastare anche così.

LA PARTITA

Priva degli infortunati Bosetti e Trolese (problema al ginocchio, da valutare nei prossimi giorni), Porto Viro porta subito in panchina il neo-tesserato Giacomo Osellame, palleggiatore classe ’80, l’ultima esperienza due stagioni fa a San Donà. Lo schieramento titolare dei padroni di casa vede Di Pietro-Perini in diagonale, Masiero-Luisetto al centro, Cuda-Dordei in posto quattro, primo libero Fusaro. Il tecnico di Cordenons Lucio Battisti sceglie Colussi alzatore e Pegoraro opposto, Zanuttigh e Vidotto centrali, Blasi e Spizzo schiacciatori, D’Ercole e Qarraj ad alternarsi tra ricezione e difesa. Arbitrano l’incontro Ilaria Zoffoli di Cesenatico e Vanessa Bacchella di Vigevano.

Pronti, via, break Alva Inox con Perini (3-1). Cordenons ribalta grazie a Blasi (3-4), Dordei ci mette una pezza (6-5). S’inceppa di colpo il Delta, lasciando spazio agli ospiti (9-12, time Di Pietro). Bomba di Perini (11-13), ace di Cuda (12-13), primo abbozzo di reazione nerofucsia. Per ricucire lo strappo ci vuole una doppietta di Dordei (15-15). Muro di Blasi (15-17), l’occasione per vedere l’esordio di Osellame con la maglia di Porto Viro (out Di Pietro, dentro anche Maniero per Perini). Sbagliano troppo in battuta i padroni di casa, mentre Blasi spinge avanti Cordenons proprio sfruttando il servizio (doppio ace, 17-20 e 17-21). Dordei segna il 20-23, muro di Masiero per il 21-23 (nel frattempo esce Colussi, acciaccato, al suo posto Calderan), ma la rincorsa nerofucsia si ferma sul più bello. Pegorararo fa 21-24, Blasi chiude la frazione con l’ennesimo attacco vincente: 21-25, 0-1 Cordenons. Ancora ospiti avanti in apertura di secondo set (3-5 Spizzo), tocca al solito Dordei impattare il punteggio (attacco e ace per il 6-6). Finalmente un break della squadra di casa con Perini (11-9, Cordenons già al secondo time out), adesso Dordei (doppietta) e Cuda (due ace) possono mettere le ali all’Alva Inox (15-9). Muro di Masiero (17-11), la strada pare ormai spianata verso il traguardo, in realtà, i friulani non hanno ancora mollato del tutto la presa (18-15, muro – contestato da Porto Viro – di Blasi). Sul 21-19 (ace di Blasi), coach Di Pietro richiama i suoi in panchina per suonare la sveglia. Nonostante i graffi di Spizzo (21-20 e 23-22), il Delta porta a casa la pelle: 25-23 di Dordei, 1-1. Terzo set, Masiero inaugura le danze (ace del 2-0), poi due errori in attacco di Cordenons (5-1, time Battisti). Perini si fa sentire a muro (8-3), risposta nello stesso fondamentale di Zanuttigh (8-5), ma ecco un altro muro pesante dei locali, firmato da Masiero (10-5). Ace di Dordei (12-6), diagonale di Cuda (14-7), l’Alva Inox è ufficialmente in fuga. A sorpresa, però, gli ospiti risalgono di nuovo la corrente, sospinti dalla battuta di Zanuttigh e dalla verve di Blasi in posto quattro: 20-19. Finale thriller (imprevisto), Cuda scarica a terra, di pura, rabbia, il 23-21, Perini invece va di giustezza (pallonetto del 24-22), poi l’ace della liberazione, sempre di Cuda: 25-22, 2-1 Delta. Parte meglio Cordenons nel quarto parziale (0-2 con Pegoraro e Spizzo). Il pareggio arriva grazie ad uno scontro a rete vinto da Luisetto (3-3), Pegoraro allunga ancora per i friulani (ace del 3-5), ma Cuda si oppone subito da campione (muro e ace per il 5-5). Squadre vicine, la Piera Martellozzo si stacca sul turno in battuta di Calderan (9-12). Masiero ci mette due pezze (primo tempo e muro, 11-12), Dordei l’ace della parità (12-12), Perini la staffilata del sorpasso (13-12). Punto a punto, l’equilibrio si interrompe dopo una doppietta di Dordei e un errore ospite (19-17, time Battisti). Muro di Masiero, ace di Luisetto, muro di Masiero: 22-17, il dado è quasi tratto, anche se Cordenons non vuole proprio saperne di chinare la testa. Cuda conclude uno scambio infinito regalando la palla set ai suoi (24-21), Maniero piega l’ultima resistenza ospite: 25-21, 3-1 Delta Volley.

Le parole di Mario Di Pietro, tecnico dell’Alva Inox, al termine della gara: “Come spesso ci capita, abbiamo perso il primo set e da lì è subentrato un po’ di nervosismo. Siamo stati bravi, però, a reagire, portando a casa altri tre punti fondamentali. Venivamo da una settimana molto difficile, gli infortuni di Bosetti e Trolese hanno pesato sul morale della squadra, ma oggi ci accontentiamo della vittoria, per il bel gioco ci sarà tempo. Ora cerchiamo di preparare al meglio la sfida della prossima settimana in casa di Prata, a cui arriveremo con tutt’altra carica”.

C.S.



Articoli correlati