Home » serie B, VOLLEY

Alva Inox Delta Volley: sogno infranto, la coppa Italia è di Portomaggiore

1 aprile 2018 Stampa articolo

volleyAlva Inox Delta Volley-Team Volley Sa.Ma Portomaggiore 1-3

(23-25, 22-25, 25-11, 21-25)

Battute punto/errori: Delta 4/15, Portomaggiore 1/8; Ricezione: Delta 78%, Portomaggiore 73%; Attacco: Delta 50%, Portomaggiore 47%; Muri punto: Delta 8, Portomaggiore 7.

Alva Inox Delta Volley: Cuda 18, Dordei 17, Maniero 15, Luisetto e Masiero 8, Osellame, Perini e Lamprecht 1, De Angeli, Lamprecht, Di Pietro e Gallo 0, Trolese NE; liberi: Fusaro e Fregnan. Coach: Mario Di Pietro.

Team Volley Sa.Ma Portomaggiore: Pinali 24, Pellegrino 15, Porcellini 12, Spiga 5, Porcello e Marzola 3, Murano, Felloni, Bergantino, Beneventi e Spitilli 0, Magnani e Calligaris NE; libero: Ferraro. Coach: Guillermo Taborda

PORTO VIRO – Questa volta l’impresa non è riuscita. L’Alva Inox Delta Volley viene sconfitto 1-3 dal Team Vollety Sa.Ma Portomaggiore nella finalissima di Coppa Italia di Serie B Maschile. Titolo meritato per i ferraresi, che hanno dimostrato di avere qualcosa in più nel corso dei quattro set. Forse è pesato lo sforzo fatto per battere Lamezia in semifinale, forse c’era troppa pressione sul Delta padrone di casa. Fatto sta che il sogno si è infranto proprio sul più bello. Dispiace, e tanto, ma ora testa subito al campionato.

Starting players del Delta Volley: Osellame-Maniero in diagonale, Masiero e Luisetto centrali, Cuda e Dordei schiacciatori, primo libero Fusaro. Guillermo Taborda, tecnico di Portomaggiore, schiera Marzolla alzatore e Pellegrino opposto, Porcello-Spiga al centro, Pinali-Porcellini in poto quattro, libero Ferraro. Arbitrano l’incontro i signori Anthony Giglio di Trento e Piera Usai di Milano.

Subito Luisetto (attacco e muro) a lanciare la partenza dell’Alva Inox (2-0). Dordei allarga il gap (7-3), poi muro di Masiero (9-4). Portomaggiore si fa vedere con Pellegrino (9-6), quindi è Pinali a piazzare un’incredibile tripletta (attacco-muro-attacco) per il sorpasso ferrarese sul 13-14. Primo tempo vincente di Masiero, muro di Perini (appena subentrato a Maniero, dentro anche De Angeli per Osellame), ora davanti c’è il Delta: 17-16. Due regali di fila di Portomaggiore, coach Taborda richiama i suoi in panchina per parlarci su (21-18). Mossa azzeccata, perché Pinali riporta in quota la Sa.Ma (21-21). Due errori consecutivi di Porto Viro (22-23), Dordei pareggia i conti (23-23), ma per la squadra di casa ci sono altri due attacchi non a segno: 23-25, 0-1 Portomaggiore. Squadre vicine in avvio di secondo set, gli ospiti si prendono il primo break grazie al muro di Spiga (3-5) e, nonostante qualche svarione in battuta, lo custodisce gelosamente, incrementandolo con un altro muro dello stesso Spiga (8-11). Mani-out di Maniero, ace di Cuda, finalmente la reazione del Delta (10-11). Pinali, però, fa male in battuta (ace del 10-13) e costringe coach Di Pietro al cambio: fuori Cuda, dentro Lamprecht. “Rigore” di Maniero (12-13), triplo pasticcio di Portomaggiore (15-13), ancora Maniero a segno (16-13), muro di Osellame (18-14), palla vagante messa giù da Masiero (20-15): via alla fuga nerofucsia. Pinali-Porcello abbozzano la rimonta ferrarese (20-18), Spiga torna a farsi sentire a muro (21-20). Fiato sul collo per l’Alva Inox, e difatti Pinali completa il ribaltone (22-22 e 22-23). Il finale sorride ancora alla Sa.Ma, che chiude con un super-muro del solito Pinali: 22-25, 0-2. Terzo set, Delta Volley con De Angeli in regia (out Osellame). Maniero spinge avanti i padroni di casa (tre punti nel 7-2 iniziale). Il palcoscenico passa a Dordei (9-3 e 10-3), quindi se lo spartiscono di nuovo Maniero e lo stesso Dordei (15-6). Morso di Luisetto (17-7), time out Portomaggiore, che cambia quasi l’intero sestetto, mentre Lamprecht rileva Cuda tra le fila dell’Alva Inox. Ormai, comunque, c’è solo discesa per i nerofucsia (scatenati Masiero e Dordei): 25-11, 1-2. Meglio gli ospiti in avvio di quarta frazione (2-6, in evidenza Pinali). L’Alva Inox risponde presente con l’ace di Maniero (5-7) e il pallonetto al bacio di Cuda (8-8), il migliore dei suoi in questa fase. Ancora Pinali a spezzare l’equilibrio (11-13 e 12-14), il pareggio è sempre opera di Cuda (15-15). Due errori del Delta, muro pesantissimo di Porcellini (15-18, time out Di Pietro). Un piccolo baratro da cui l’Alva Inox prova a riemergere disperatamente, senza riuscirci: 21-25, 1-3, partita e Coppa Italia a Portomaggiore.

Il commento di Mario Di Pietro, tecnico dell’Alva Inox: “Siamo mancati di lucidità nei momenti clou della gara, specie nei primi due parziali. Forse ha pesato la stanchezza accumulata ieri o la pressione di giocare in casa, in ogni caso non ci siamo espressi sui nostri consueti livelli. Naturalmente vanno fatti i complimenti a Portomaggiore che ha letto bene la gara. meritando la vittoria. Noi ora dobbiamo pensare al campionato, il nostro obiettivo è la promozione in A2 e faremo di tutto per centrarlo’”.

C.S.



Articoli correlati