Home » ATLETICA

Anche Francesca Biondi corre agli Italiani

Confindustria Atletica Rovigo piazza un altro giovane talento ai Campionati nazionali. A Monselice la sprinter Cadetta domina i 300 ostacoli con il terzo crono di categoria in stagione
28 maggio 2018 Stampa articolo

atleticaMONSELICE (Padova) – Da eccezione a splendida abitudine. E non c’è niente di più bello. Confindustria Atletica Rovigo gioisce per l’ennesimo acuto individuale che vale il pass per i Campionati italiani. A mettere la firma sull’impresa questa volta è Francesca Biondi, velocista nerarancio che domenica 27 maggio, nella prima giornata dei Campionati provinciali allo Stadio comunale di Monselice, ha stravinto la gara dei 300 metri ostacoli riservati alla categoria Cadette, scendendo sotto il minimo necessario per partecipare alla rassegna nazionale in programma a Grosseto a inizio ottobre. Un risultato che va ad arricchire il già strepitoso avvio della stagione estiva di Confindustria Atletica Rovigo, capace di proiettare agli Italiani anche la triplista Chiara Fantin (sempre tra i Cadetti) e lo sprinter Davide Lei (Allievi).

Quella di Francesca Biondi è stata una sorpresa nella sorpresa. Il perché lo spiega il suo tecnico Paolo Negrini. “E’ un risultato sorprendente soprattutto se si considera il fatto che Francesca quest’anno non si è mai allenata sui 300 ostacoli. Solitamente gareggia sulla distanza degli 80 metri e solo alla vigilia della gara le ho chiesto di provare anche i 300 – spiega il coach nerarancio – Ne è uscita una prova incredibile, frutto di una gestione davvero intelligente”. Il tempo di 45”50 rappresenta la terza miglior prestazione italiana stagionale di categoria. Per trovare la prima avversaria sul traguardo di Monselice occorre salire addirittura di 2”. Insomma, un dominio vero e proprio.atletica

Francesca Biondi, nonostante la giovane età, può considerarsi una “veterana” di Confindustria Atletica Rovigo. “Da sei o sette anni è una presenza costante al campo di atletica – spiega Negrini – Si è sempre allenata con grande passione e determinazione. In lei non c’è solo talento ma anche tanto carattere e tanta voglia di mettersi in gioco. Non fa mai più di due allenamenti a settimana perché parallelamente coltiva la passione per l’arrampicata sportiva, a dimostrazione del fatto che non sempre occorrono ritmi intensi e massacranti per raggiungere risultati nell’atletica leggera. La vittoria di domenica spalanca nuovi scenari: ci sono tante piccole cose da correggere e sono convinto che nel corso dell’estate miglioreremo molto i suoi 300 ostacoli in vista dei Campionati italiani. A Grosseto potrà dire la sua per una medaglia”.

no images were found

C.S.



Articoli correlati