Home » ATLETICA

Conferme e primati personali a Bassano del Grappa

Nel Campionato di società riservato ai Cadetti, nuovo podio per la triplista Chiara Fantin. Applausi per il lunghista Alessandro Spada che raggiunge quota 6 metri e chiude quarto
5 giugno 2018 Stampa articolo

atleticaBASSANO DEL GRAPPA – Conferme e belle sorprese per Confindustria Atletica Rovigo nel weekend appena trascorso. Sabato e domenica a Bassano del Grappa si sono disputate le finali del Campionato di società a squadre categoria Cadetti. Quattro i portacolori nerarancio scesi in pista e pedana. Nel bottino di giornata una medaglia d’argento e alcuni piazzamenti davvero incoraggianti per il prosieguo della stagione estiva.

A finire sul podio è Chiara Fantin, saltatrice in lungo e triplista esplosa questa primavera con la conquista del pass per i prossimi Campionati italiani di categoria. Anche l’asse di battuta di Bassano del Grappa le ha sorriso, regalandole un’ottima seconda posizione nella gara di salto triplo con la misura di 10,90 metri, ottenuta al terzo tentativo. L’atleta rodigina classe 2004 ha gareggiato anche nel lungo “atterrando” a 4,72 metri e cogliendo un buon nono posto assoluto. Ma, oltre alle conferme di chi già aveva impressionato in stagione, a far sorridere Confindustria Atletica Rovigo è la scalata di un altro giovane talento verso i piani più nobili dell’atletica leggera italiana. Si tratta di Alessandro Spada, lunghista in grado di raggiungere proprio a Bassano del Grappa la misura dei 6 metri, una sorta di spartiacque nella categoria Cadetti. In una gara che, seppur a carattere regionale, raggruppava praticamente tutti gli atleti con i migliori personali d’Italia, Spada è riuscito a piazzarsi al quarto posto. I 6 metri tondi tondi saltati sia al quinto (ventoso) che al sesto tentativo, ne confermano la grande crescita. “Una misura che sposta in avanti il suo nuovo primato.

atletica

Spada (secondo da dx)

E’ una soglia importante per i Cadetti, per lui rappresenta un bel traguardo personale considerando che 12 mesi fa si fermava sotto i 5 metri – sottolinea Paolo Negrini, tecnico di Confindustria Atletica Rovigo – Mancano ancora 18 centimetri per centrare il minimo per i Campionati italiani ma sono convinto che anche questo traguardo sia nelle sue possibilità. Ha lasciato il calcio per dedicarsi interamente all’atletica leggera e si allena sempre con molto impegno e metodo. Merita i risultati che sta ottenendo”.

La gara di domenica ha dato buoni riscontri anche per Francesco Capitozzo che nei 300 metri piani ha centrato il primato personale con il tempo di 38”28, che gli è valso la settima piazza assoluta. Bella gara anche per Stefano Quadretti nei 1000 metri: 13esima piazza in 2’59”58 nonostante la grandine abbattutasi durante la prova.

C.S.



Articoli correlati