Home » BASKET, maschile

Andrea Lucchin dt del Cipriani Nuovo Basket Rovigo

4 agosto 2018 Stampa articolo

basketAndrea Lucchin, trentenne rodigino, da questa stagione ricopre l’incarico di direttore tecnico del Cipriani Nuovo Basket Rovigo. Una squadra che Lucchin, conosce molto bene, avendola allenata negli ultimi tre anni. “Sì, con questa formazione ho fatto la prima esperienza da allenatore, dopo aver conseguito il patentino che abilita ad allenare fino alla C Gold e quello che posso affermare è che è un gran gruppo. Lo scorso anno, per via di alcuni infortuni, non siamo riusciti ad esprimere le grandi potenzialità, ma con questo nuovo corso, del presidente Morello e di coach Ventura, sono sicuro che  ci toglieremo delle belle soddisfazioni.” Ventura, è una garanzia. “Assolutamente sì, continua Lucchin, ex play dalla mano calda, con tre anni di esperienza alla blasonata Carife Ferrara, prima di dover dire addio a causa di un incidente, Maurizio è un maestro di basket e la sua esperienza rappresenta un valore aggiunto per questa squadra.” Gli innesti di Tommaso Gobbo e del giovane Alberto Grignolo, fanno lievitare il tasso tecnico di questa squadra. “Certo. E poi non ci dobbiamo dimenticare che avremo dall’inizio anche Tiberio e Golinelli, che la passata stagione hanno subito infortuni, il primo ai legamenti della caviglia, il secondo a quelli del ginocchio.

basket

Ventura e Lucchin

La qualità di Tiberio, in particolar modo, sarà importante anche nel prossimo campionato: lo scorso anno con lui in campo vincemmo 9 partite su nove, prima del suo infortunio.
Ma ci sarà ancora qualche innesto e quindi sono ancor più fiducioso”. Entusiasta del ruolo di direttore tecnico? “Assolutamente sì. Sono molto carico e tutto l’ambiente direi è galvanizzato. E’ un piacere per me confrontarmi con il presidente Gionata Morello, anche  perché parliamo la stessa lingua, essendo Gionata un tecnico qualificato e con esperienze importanti sia a livello senior (serie B maschile e femminile) che giovanile (head coach di diverse formazioni Under nazionali)”. E i due, si sono conosciuti proprio sul parquet di gioco. “Andrea è stato fra i giocatori più talentuosi che io abbia mai allenato, dice il presidente Morello. Poi, l’ho anche incrociato da avversario quando si era trasferito al Basket Club Ferrara e posso tranquillamente dire che, se non fosse stato per quel maledetto incidente, Andrea avrebbe sicuramente calcato da protagonista i più importanti parquet italiani anche a livello senior. Sono convinto che Andrea, in questa nuova veste da tecnico, potrà dare moltissimo al basket rodigino.”

C.S.



Articoli correlati