Home » Baseball giovanile

Dario Buriani sul tetto d’Europa

Il giovane lanciatore del Ferrara Baseball è stato tra i protagonisti nel travolgente successo della Nazionale Under 12, laureatasi campione in Ungheria.
8 agosto 2018 Stampa articolo

baseballApoteosi per Dario Buriani, giovane stella del Ferrara Baseball: il ragazzo si è laureato Campione d’Europa nel torneo categoria Under 12 svoltosi lo scorso luglio Budapest. La squadra azzurra, agli ordini di uno staff di primissimo ordine coordinato dal Manager Stefano Burato, ha letteralmente dominato la competizione, bissando il successo della precedente edizione e dimostrando quanto confermarsi sia ancora più soddisfacente che affermarsi. Già le prime due partite, contro Croazia e Slovacchia, avevano lasciato intuire la potenza di un gruppo impetuoso in attacco e granitico in difesa, meritatamente definito dai vertici federali “Il futuro dell’intero movimento”. Le successive vittime di Buriani e compagni sono state il Belgio, contro cui la Nazionale ha stabilito la propria miglior vittoria (32-0) e l’Austria, prima dei decisivi i successi contro avversari impegnativi come Germania e Russia. Il trionfo nella finalissima contro la Repubblica Ceca è stato il più dolce ma anche il più scontato degli epiloghi, vista la squadra dimostrare nuovamente un livello tecnico, fisico e mentale superiore agli avversari. Insieme al titolo continentale, l’Italia si aggiudica anche un posto da testa di serie per i Mondiali del prossimo anno, a Taiwan.

Nell’esordio contro i croati, Buriani è risultato determinante mettendo a segno tre strike out. Fermato da un problema muscolare, è stato recuperato in tempo per la gara contro l’Austria, e soprattutto ha dominato la pedana nella delicata semifinale contro i russi; insomma un’ottima prova, al pari degli altri interessantissimi prospetti del bullpen azzurro Pellegrini, Squarcia, Taschin e Bernardis. Nutrita la delegazione partita da Ferrara per gioire dal vivo dell’impresa: oltre ai genitori Rita e Davide, a tifare per Dario c’era anche Fabio Abetini, allenatore della squadra ducale. “Dario merita tutto questo”, il suo commosso elogio, “Per aver saputo unire al proprio talento l’umiltà di mettersi in gioco e la passione di migliorarsi”. Immensa soddisfazione per tutta la comunità biancorossa, affidata all’encomio del Presidente Squarzanti: “Un ragazzo di Ferrara, che ha scelto e amato il baseball tra tutti gli sport possibili, oggi può dire a pieno titolo di essere diventato un Campione. Le parole non sono sufficienti, non facciamo che ripeterci che l’Italia ce l’ha fatta, e che il nostro Dario c’era.”

 

Intervista al lanciatore del Ferrara Baseball, neocampione d’Europa; un ragazzo semplice che ha inseguito un sogno, con tanto lavoro e costanza.        

Dario Buriani è un ragazzo alla mano, con le stesse passioni di tutti i suoi coetanei: “Mi piace giocare alla play station con i miei amici”, risponde quando gli domandiamo cosa fa lontano dal campo di baseball. Il diamante, però, è la sua seconda casa, e il trionfo ai campionati Europei di Budapest non è stato casuale. È stato un lungo cammino”, racconta Dario, “Cominciato più di un anno fa al mio primo tryout: mi hanno esaminato, e suggerito su cosa lavorare per migliorare. Mi sono allenato tutto l’inverno con l’obiettivo di farmi trovare pronto alle selezioni successive. Vedevo molti ragazzi più bravi di me, e sinceramente non pensavo che sarei arrivato all’altezza della Nazionale. Potevo solo lavorare sodo, e ammetto di averci dato dentro anche in situazioni particolari; ad esempio, non avendo sempre un campo a nostra disposizione per fare allenamenti supplementari, mi sono adattato in uno spazio pubblico vicino alla mia parrocchia”.baseball

E alla fine è arrivata la convocazione.

“Mica subito, ci sono state altre tre selezioni da superare. Verona, Godo e infine il raduno di Buttrio, in Friuli. Da duecentocinquanta candidati iniziali siamo scesi a quaranta, e sapevamo che solo la metà sarebbe partita per gli Europei: a parte l’ansia, sembrava strano indossare la casacca della Nazionale e non essere certi di averla davvero guadagnata. Quando è arrivata la convocazione sono stato molto felice e orgoglioso: ma anche se a posteriori può sembrare facile, confesso che lo sarei stato comunque, perché nei giorni del raduno ho imparato tantissimo.”

Che gruppo è il Team Italia?

“La Nazionale è strepitosa, formata da persone con grande professionalità a tutti i

livelli; coach preparatissimi, nulla viene lasciato al caso. Uno staff composto dal general manager Aldo Peronaci, dal manager Stefano Burato, dal pitching coach Alessandro Rosa Colombo, Marco Bortolotti allenatore di 

baseball

battuta, Simona Conti per i ricevitori, Ivano Liccciardi per gli interni. E ancora un medico, un fisioterapista, il cuoco, l’addetto stampa, l’autista. Un’organizzazione di altissimo livello. E un gruppo speciale anche in campo: con i miei compagni si è creato un rapporto magnifico, da avversari siamo diventati fratelli, e sono sicuro che questa esperienza ci terrà uniti per sempre”.

Raccontaci il tuo Europeo.

“Ho giocato contro la Croazia (vinta 24 a 0) lanciando abbastanza bene per due inning: giusto qualche difficoltà ad abituarmi al monte di lancio, perché nel nostro campionato non

viene utilizzato. Contro l’Austria (vinta 15 a 0) ho giocato con maggior controllo e più rilassato.

La sfida più dura è stata la semifinale contro la Russia, dove sono partito titolare:

ho lanciato quasi tutto l’incontro, e la tensione era molto alta. Ma il risultato dice che ne siamo venuti fuori”.baseball

Cosa ti ha aiutato ad arrivare tanto in alto?

“Penso che non ce l’avrei fatta se non mi fossi impegnato. Ma neppure senza il sostegno costante dei miei genitori e di tutto il Ferrara Baseball, soprattutto del mio coach Fabio Abetini. Io ho cercato di non mancare mai agli allenamenti, e di dedicare al mio sogno tutte le energie disponibili, ma è stato Fabio a progettare e dirigere il programma che mi ha permesso di migliorare la mia tecnica di lancio.”

I tuoi compagni di squadra sono orgogliosi di te.

“E io di loro: nessuno vince da solo. Ringrazio i miei amici, i compagni e anche gli avversari di oggi e domani: per il supporto, per l’esperienza. E mi piacerebbe dire a tutti i ragazzi che amano lo sport che i sogni si avverano col lavoro, la costanza e l’impegno, ponendosi degli obiettivi e dei traguardi da raggiungere.

A settembre tornerai in campo a Ferrara.

“Il prossimo anno spero di continuare a crescere giocando in campionati sempre più

competitivi; mi auguro sempre maggiori stimoli per migliorare la mia preparazione.”

Il momento che ricorderai per sempre di questa esperienza?

“La finale con la Repubblica Ceca (vinta 11 a 0), e tutto il senso di appartenenza che ha generato. Un coro unico a intonare l’Inno di Mameli. La tribuna piena di tifosi. L’abbraccio azzurro all’ultimo out, il giro del diamante con la bandiera, al grido “I Campioni dell’Europa siamo noi”. Emozionante e bellissimo: il sogno di ogni sportivo.

 

LA SCHEDA

 

Dario Buriani è nato l’8 marzo 2006 e vive a Ferrara coi genitori Dario e Rita. Si è avvicinato al baseball all’età di sette anni: “scoperto” da Emmanuel Herrera, oggi tecnico a Minerbio, è stato tra i primi atleti prodotti dal vivaio biancorosso. Ha disputato il suo primo Campionato federale nel 2016, inizialmente impiegato nel ruolo di ricevitore. La svolta nel 2017, con l’intuizione del Manager Fabio Abetini di provare il ragazzo sul monte di lancio. Ai primi segnali positivi è seguito un lungo periodo di perfezionamento, con la partecipazione al programma “The prolific thrower” dell’accademia americana di Ron Wolforth. Nel 2018, oltre alla convocazione in Nazionale con cui ha vinto gli Europei, Dario è stato selezionato per la rappresentativa Emilia-Romagna, che ha vinto i campionati italiani per regioni ex aequo con Lazio e Friuli. Nel Campionato 2018 ha lanciato con una lusinghiera media di 6 strike out a partita; non meno efficace in battuta, durante la stagione ha realizzato numerose valide, compresi 4 home run e un fuoricampo.

C.S.



Articoli correlati