Home » RUGBY

Al derby va al Petrarca

22 settembre 2018 Stampa articolo

rugbyArgos Petrarca Padova v Femi Cz Rovigo 16-0 (13–0)
Marcatori: p.t.: 18’ Ragusi cp ( 3-0), mt, 32’ Ragusi cp (6-0), 40’ Riera mt ( 11-0) , 41’ Ragusi tr (13-0);s.t. 36’ Ragusi cp (16-0)
Argos Petrarca Padova: Ragusi ; Capraro,  Riera, Bettin, Coppo, Bennettin (73’ Zini),  Francescato (70’ Cortellazzo); Trotta (65’Manni), Lamaro ; Nostran (cap) (50’ Conforti),Gerosa (65’Ortega); Cannone, Mancini Parri (41’Rossetto), Santamaria (65’Marchetto), Rizzo(45’ Acosta) .
All. Marcato
Femi Cz Rovigo: Barion, Borin, Majstorovich, Van Niekerk, Odiete, Mantelli, Piva (67’ Chillon), Ferro, Lubian, Vian (41 ‘ Tveraga); Niebert, Cicchinelli, Pavesi (45’ D’amico), Cadorini (41’ Momberg), Brugnara (66’Rossi)
all. Casellato
Arbitro : Trentin (Lecco)
AA1 Schipani (Benevento), AA2 Bertelli (Brescia)
Quarto Uomo: Sergi (Bologna) 
Calciatori: Ragusi 4/4 (Petrarca Padova) ; 
Note: campo buono, spettatori 3000
Cartellini: 33’ cartellino giallo Vian  (Femi cz Rugby); 51’ cartellino giallo Cannone (Argos Petrarca rugby)
Punti conquistati in classifica: Argos Petrarca Padova (4) ; Femi Cz Rovigo ( 0) 
Man of the Match: Ragusi (Argos Petrarca Padova)

PADOVA – L’Adige Cup rimane a Padova: i Campioni d’Italia in carica dell’Argos Rugby superano 16-0 al “Plebiscito” la FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta nel 163° Derby d’Italia, valido per la seconda giornata di Top12.

Nei primi minuti del match il gioco delle due squadre è abbastanza equilibrato, con il Petrarca che cerca di confinare i rossoblù nei propri 22 scontrandosi però con la buona difesa e la positiva prova in mischia dei Bersaglieri. Dopo vari tentativi di incursione i tuttineri riescono a concretizzare dalla piazzola al 19’ con Ragusi, portando così il risultato sul 3-0. Nei minuti successivi i rossoblù non riescono a superare la metà campo per via della forte pressione del Petrarca ma riescono a mantenere alta la concentrazione in difesa. Al 30’ la tensione si fa sentire e nasce un’accesa discussione tra le due squadre che sfocia in un cartellino giallo per Vian e un calcio a favore per il Petrarca che Ragusi mette tra i pali, allungando ulteriormente le distanze. Alla fine del primo tempo i tuttineri, forti della superiorità numerica, riescono a trovare uno spiraglio nella difesa rodigina e ad andare in meta con Riera, la trasformazione di Ragusi porta il risultato sul 13-0 con cui le squadre tornano agli spogliatoi.

La ripresa vede in campo una girandola di cambi per la formazione dei Bersaglieri che intorno al 5’ sfruttano un grande intercetto di Van Niekerk per attaccare nei 22 avversari, senza riuscire però a concretizzare per via dell’ottima difesa padovana. Dopo pochi minuti il Petrarca rimane con un uomo in meno per un giallo a Cannone ed i rossoblù provano ad approfittarne andando vicinissimi alla meta. Imprecisa la rimessa laterale e troppi in generale gli errori dei rodigini che, nei 15 minuti successivi, non riescono a concretizzare i numerosi sforzi nonostante il possesso territoriale e la buona prova del pack. Negli ultimi minuti del Derby i tuttineri riescono a superare la metà campo e, per un’imprecisione rossoblù, mettono a segno altri tre punti con Ragusi, nominato Man of the Match, fissando così il risultato finale sul 16-0.

“Potevamo fare di più e meglio – è il commento di Umberto Casellato alla fine del Derby – nel primo tempo loro sono stati molto bravi, hanno preso solo due penalità in 27 minuti di gioco, mentre noi abbiamo commesso qualche errore di strategia, come il non contendere le touche. Proprio le rimesse laterali sono la fase di gioco in cui dobbiamo lavorare maggiormente, avendo cambiato molti giocatori rispetto all’anno scorso. Lo step più grande della squadra è riuscire a risolvere le problematiche collettivamente invece oggi i tentativi di meta sono stati solo individuali; mi prendo comunque la responsabilità di molte scelte prese in campo oggi. Siamo all’inizio del Campionato, la strada è lunga e continuiamo a lavorare”.

C.S.



Articoli correlati