Home » Azzurro, VOLLEY

Una super Italia piega la Cina e va alla 2a fase a punteggio pieno

4 ottobre 2018 Stampa articolo

volley

ITALIA-CINA 3-1 (20-25, 26-24, 25-16, 25-20)

Italia: Malinov 4, Chirichella 12, Sylla 15, Egonu 29, Danesi 12, Bosetti 14. Libero: De Gennaro. Cambi, Lubian, Parrocchiale. N.e: Ortolani, Nwakalor, Fahr, Pietrini. All. Mazzanti
Cina: Ding 1, Zhu 20, Yan 16, Gong 11, Zhang 5, Yuan 6. Libero: Wang. Hu 1, Zeng, Yao, Li 2, Lin (L). N.e: Yang. All. Lang Ping  
Arbitri: Mokry (Svk) e Makshanov (Rus).    
Spettatori: 2200. Durata set: 23′, 29′, 23′, 26′.         
Italia: 8 a, 13 bs, 19 m, 22 et.
Cina: 4 a, 5 bs, 9 m, 10 et.

SAPPORO (Giappone) – Con un’altra grandissima prestazione la nazionale italiana femminile ha ottenuto il quinto successo consecutivo nel Campionato Mondiale 2018. La “vittima” di oggi è stata nientemeno che la Cina, oro olimpico a Rio 2016, battuta con un secco 3-1 (20-25, 26-24, 25-16, 25-20). Miglior modo di chiudere la prima fase non ci poteva essere per le ragazze di Davide Mazzanti, qualificatesi per il secondo round da prime del girone, ma soprattutto con il pieno di vittorie e punti (5v e 15p). Un ottimo biglietto da visita con cui presentarsi a Osaka (Pool F), dove dal 7 all’11 ottobre Chirichella e compagne si giocheranno l’accesso alla top Six mondiale, affrontando le formazioni provenienti dal girone C: Thailandia, Azerbaigian, Russia e Stati Uniti.           
Nel big match di oggi l’Italia non ha avuto un buon avvio, ma ha avuto il merito di crescere set dopo set, impartendo una dura lezione di gioco alla formazione allenata da Lang Ping. Miglior marcatrice della partita è stata la solita Paola Egonu con 29 punti (3 muri e 3 aces), davanti a Myriam Sylla 15 punti con il 60% in attacco. A muro le centrali azzurre hanno stravinto il duello con le pari ruolo cinesi: nei 19 totali, 5 quelli a messi a segno da Anna Danesi e 3 di Crisitina Chirichella, ai quali si sommano i 3 di Lucia Bosetti, pesantissimi nel quarto set. Ofelia Malinov in regia ha gestito brillantemente il gioco, così come determinante è stato l’apporto di Monica De Gennaro, protagonista anche oggi di molte difese spettacolari.     
Nella nottata italiana la nazionale tricolore si trasferirà a Osaka (Pool F), sede di gioco della seconda fase insieme a Nagoya (Pool E).  
CRONACA – Come formazione iniziale l’Italia si è schierata con Malinov in palleggio, opposto Egonu, schiacciatrici Sylla e Bosetti, centrali Danesi e Chirichella, libero De Gennaro.
Nel primo set il muro cinese si è fatto subito sentire e così le campionesse olimpiche hanno allungato (8-11). L’Italia ha risposto con Sylla e Egonu, ma non ha mai trovato ritmo in battuta (12-14). Dall’altra parte della rete, invece, le asiatiche con il servizio sono riuscite a mettere in difficoltà la ricezione azzurra (13-17). Le ragazze di Mazzanti non ce l’hanno più fatta a colmare il gap, mentre la Cina ha tenuto sempre alto il ritmo (20-25).        
Avvincente e spettacolare la seconda frazione, l’Italia è cresciuta al servizio (aces di Danesi e Egonu), le cinesi non hano perso terreno (9-9). Alcuni errori delle azzurre hanno consentito alle avversarie di portarsi al comando (10-12), ma un’ottima Cristina Chirichella si è caricata sulle spalle l’attacco italiano (14-14). Entrambe le squadre hanno difeso forte su ogni pallone, arrivando in perfetta parità sul (18-18). L’ingresso di Carlotta Cambi ha scatenato Anna Danesi, la centrale azzurra prima è andata a segno ripetutamente in attacco e poi a muro ha sbarrato la strada alla Zhu (22-19). Sul (24-22) nel momento di chiudere l’Italia ha visto annullarsi due palle set (24-24), ma al terzo tentativo ci ha pensato Chirichella con un muro (26-24).    
Al ritorno in campo le azzurre hanno spinto immediatamente sull’acceleratore con Miriam Sylla che si è rivelata imprendibile per il muro cinese (7-4). L’attacco azzurro, diretto ottimamente da Ofelia Malinov, ha aumentato i giri e così Paola Egonu e Cristina Chirichella sono salite sugli scudi (12-5). Le campionesse olimpiche sono state in totale balia delle ragazze di Mazzanti, totali padrone del campo sino al pesante (25-16).
Nella quarta frazione l’Italia è partita a razzo (5-1), ma la Cina ha stretto i denti e dopo poche azioni ha riportato le cose in parità (8-8). Le due squadra hanno viaggiato affiancate sino al (15-14), poi una strepitosa Lucia Bosetti ha fermato le attaccanti asiatiche con tre muri consecutivi (19-16). Le campionesse olimpiche sul punto di mollare hanno trovato la forza per rifarsi sotto (19-19), ma al nuovo allungo di Sylle e compagne si sono dovute arrendere (25-20). 

DAVIDE MAZZANTI: “Quella di oggi è una vittoria importantissima, ci permette di arrivare nella seconda fase a punteggio pieno e considerata la formula del Mondiale è un bel vantaggio. Voglio fare i complimenti alle ragazze perché dal secondo set in poi hanno iniziato a crescere e non si sono più fermate. Abbiamo giocato in maniera più libera e le cose sono riuscite molto meglio. La Cina è una squadra che ci accende in modo particolare e, nonostante un inizio non positivo in cui le abbiamo un po’ subite, siamo migliorati in battuta e la squadra si è espressa meglio. È la quinta volta consecutiva che le battiamo, un bel segnale in vista delle prossime sfide. Ci presentiamo alla seconda fase con una buona classifica, ma partire bene no n serve a niente, l’importante è finire bene. Nel second round ci aspettano quattro partite fondamentali per la qualificazione alla top six”.

CRISTINA CHIRICHELLA: “Siamo molto contente della partita e della vittoria, ancora una volta abbiamo dimostrato che in questo Mondiale vogliamo dire la nostra. Possiamo anche andare in difficoltà, ma restiamo sempre agganciate alla partita e tiriamo fuori qualcosa in più.  La Cina era un avversario durissimo, però siamo state capaci di metterle in grandissima difficoltà, andandoci a prendere una vittoria meritatissima. Sia io che tutta la squadra eravamo molto cariche, ogni volta che scendiamo in campo mettiamo tutta l’energia possibile. D’ora in poi ci aspetteranno sfide altrettanto dure, sempre piedi per terra, ma vogliamo continuare a farci valere in questo torneo”.

OFELIA MALINOV: “Abbiamo fatto una partita fantastica e la cosa che mi è piaciuta di più è che in campo ci siamo divertite. Dopo il primo set è cambiato il nostro atteggiamento e siamo cresciute in battuta, salendo di livello. Il risultato di oggi è molto prezioso per la classifica in vista della seconda fase, ma anche di livello di fiducia: serve a farci prendere ancora più forza. Non era facile pensare di chiudere il primo girone con cinque vittorie, ma sin dalla vigilia siamo partite cariche e di lì in poi è stato tutto un crescendo. In squadra c’è un bellissimo clima e questo è un bel segnale in vista delle prossime partite”.

MONICA DE GENNARO: “Siamo partite un po’ contratte, però dopo il primo set siamo cresciute e sfruttando molto bene la fase muro-difesa le abbiamo messe in grande difficoltà. Loro sono un’ottima squadra e quindi non è stato facile prendergli le misure, ma una volta fatto siamo riuscite a imporre il nostro gioco. Tutte oggi abbiamo difeso alla grande, permettendo al nostro contrattacco di mettere a segno punti importanti”.

1a FASE – RISULTATI E CLASSIFICHE DELLA 5A GIORNATA

Pool A, Yokohama

4 ottobre: Olanda-Messico 3-0 (25-19, 25-14, 25-16); Camerun-Argentina 0-3 (22-25, 20-25, 12-25); Germania-Giappone 0-3 (25-27, 20-25, 24-26).
CLASSIFICA: Olanda 5V 14p, Giappone 4V 13 p, Germania 3V 9p, Messico 1V 3p. Argentina 1V 3p, Camerun 1V 3p.

Pool B, Sapporo  

4 ottobre: Bulgaria-Canada 3-1 (23-25, 27-25, 25-21, 25-21); Cuba-Turchia 1-3 (15-25, 14-25, 25-23, 7-25),Italia-Cina 3-1 (20-25, 26-24, 25-16, 25-20). 
CLASSIFICA: Italia 5V 15p, Cina 4V 12p, Turchia 3V 9p, Bulgaria 2V 6p, Canada 1V 3p, Cuba 0V 0p.   

Pool C, Kobe

4 ottobre: Trinidad & Tobago-Corea del Sud 0-3 24-26, 16-25, 23-25); Thailandia-Azerbaijan 3-1 (25-22, 15-25, 25-19, 25-17); Russia-USA 2-3 (25-19, 20-25, 24-26, 25-12, 11-15).        
CLASSIFICA: Stati Uniti 5V 13p, Russia 4V 12p, Thailandia 3V 10p, Azerbaigian 2V 6p, Corea del Sud 1V 4p, Trinidad & Tobago 0V 0p. 

Pool D, Hamamatsu

4 ottobre: Serbia-Porto Rico 3-0 (25-23, 25-17, 27-25); Rep. Dominicana-Kenya 3-0 (25-5, 25-7, 25-15); Brasile-Kazakistan 3-0 (25-11, 25-20, 25-13).         
CLASSIFICA: Serbia 5V 15p, Brasile 4V 12p, Rep. Dominicana 3V 9p, Porto Rico 2V 6p, Kenya 1V 3p, Kazakistan 0V 0p.     

LA SECONDA FASE DEL CAMPIONATO MONDIALE 2018

Pool E – Nagoya        
Serbia 5V 15p, Olanda 5V 14p, Giappone 4V 13 p, Brasile 4V 12p, Germania 3V 9p, Rep. Dominicana 3V 9p, Porto Rico 2V 6p, Messico 1V 3p. 

7 ottobre: Serbia-Messico, Brasile- Germania, Giappone -Rep.Dominicana, Olanda- Portorico.
8 ottobre: Brasile-Messico, Serbia-Germania, Giappone-Portorico, Olanda- Rep.Dominicana.
10 ottobre: Rep.Dominicana-Messico, Germania-Portorico, Serbia-Giappone, Brasile-Olanda.
11 ottobre: Portorico-Messico, Rep.Dominicana-Germania, Brasile-Giappone, Serbia-Olanda

Pool F – Osaka 
Italia 5V 15p, Stati Uniti 5V 13p, Cina 4V 12p, Russia 4V 12p, Thailandia 3V 10p, Turchia 3V 9p, Azerbaigian 2V 6p, Bulgaria 2V 6p.

7 ottobre: Italia-Azerbaigian, Cina-Thailandia, Russia-Turchia, Stati Uniti-Bulgaria.         
8 ottobre: Cina-Azerbaigian, Italia-Thailandia, Russia-Bulgaria, Stati Uniti-Turchia.         
10 ottobre: Turchia-Azerbaigian, Thailandia-Bulgaria, Italia-Russia, Cina-Stati Uniti.       
11 ottobre: Bulgaria-Azerbaigian, Turchia-Thailandia, Cina-Russia, Italia-Stati Uniti.       

C.S.



Articoli correlati