Home » RUGBY

Il derby europeo finisce in parità

13 ottobre 2018 Stampa articolo

rugbyEuropean Continental Shield, I giornata
FEMI-CZ Rovigo v Argos Petrarca Rugby 34-34 (10-13)

Marcatori: p.t. 15’ c.p. Chillon (3-0), 21’ m. Coppo tr. Menniti-Ippolito (3-7), 26’ c.p. Menniti-Ippolito (3-10), 28’ m. Angelini tr. Chillon (10-10), 40’ drop Menniti-Ippolito (10-13); s.t. 44’ m. Ferro tr. Chillon (17-13), 48’ m. Gerosa tr. Menniti-Ippolito (17-20), 51’ c.p. Chillon (20-20), 60’ c.p. Chillon (23-20), 64’ c.p. Chillon (26-20), 69’ m. Cugini tr. Menniti-Ippolito (26-27), 73’ m. Lubian non tr. (31-27), 80’ c.p. Chillon (34-27), 84’ m. Cannone tr. Menniti-Ippolito (34-34)

FEMI-CZ Rovigo: Barion; Visentin, Majstorovic, Angelini, Odiete; Chillon, Piva; Ferro (cap.) (53’ Halvorsen), Lubian, Cicchinelli; Nibert (41’ Vian), Canali (60’ Tveraga);D’Amico (60’ Pavesi), Cadorini (60’ Momberg), Rossi (41’ Brugnara). A disposizione: Loro, Mantelli. all. Casellato
Argos Petrarca Rugby: Ragusi; Coppo (77’ Francescato), Benettin (5’ Favaro), Riera, De Masi (58’ Zini); Menniti-Ippolito, Francescato (75’ Cortellazzo); Trotta, Lamaro, Conforti (58’ Grigolon); Gerosa, Saccardo (cap.) (49’ Cannone); Rossetto (45’ Mancini Parri), Santamaria (45’ Cugini), Borean (58’-65’ Scarsini). All. Marcato
arb.Piardi (Brescia)
AA1 Vedovelli (Sondrio), AA2 Russo (Milano)
Quarto Uomo: Meschini (Milano)

Quinto Uomo: Locatelli (Bergamo)
Cartellini: 77’ giallo a Momberg (FEMI-CZ Rovigo)

Calciatori: Chillon (FEMI-CZ Rovigo) 7/8; Menniti-Ippolito (Argos Petrarca Rugby) 5/5

Note: giornata soleggiata e mite, circa 24°, campo in buone condizioni. Spettatori circa 1100.
Punti conquistati in classifica: FEMI-CZ Rovigo 2; Argos Petrarca Rugby 3

Man of the Match: Angelini (FEMI-CZ Rovigo)

ROVIGO – Nella prima giornata dell’European Continental Shield, andata in scena allo Stadio “Mario Battaglini”, tra FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta e l’Argos Petrarca Rugby finisce in pareggio 34-34.

Parte con intensità il secondo Derby stagionale: i rossoblù si dimostrano fin dal primo minuto ben predisposti in attacco, confinando il Petrarca nella propria metà campo e andando a sfiorare la meta al 14’ dopo un bel drive avanzante dai 5 metri avversari. Il pack dei Bersaglieri si fa valere subito dopo, ottenendo un calcio a favore che Chillon manda tra i pali per il 3-0. I tuttineri però non si scoraggiano e ottengono possesso territoriale fino al 21’ quando, complice un po’ di confusione nella difesa rossoblù, riescono a segnare una meta con Coppo che Menniti-Ippolito trasforma. L’apertura del Petrarca torna protagonista al 26’ dalla piazzola quando porta il risultato sul 3-10. I Bersaglieri non si fanno intimorire e riportano il gioco nella metà campo avversaria, dopo una touch sui 5 metri e diversi pick and go i rossoblù aprono il gioco e Angelini riesce a trovare il varco per andare a schiacciare oltre la linea. La trasformazione di Chillon riporta equilibrio nel punteggio: 10-10. È il Petrarca a sbloccare la situazione poco prima del fischio finale del primo tempo grazie all’invenzione di Menniti-Ippolito che mette a segno un drop: sul 10-13 le squadre tornano agli spogliatoi.

Partono bene i Bersaglieri nella seconda frazione di gioco, mettendo subito pressione in attacco agli avversari. Con una serie di pick and go sui 5 metri dei tuttineri, al 44’ Rovigo riesce a sfondare il muro difensivo e ad allungare le distanze grazie alla meta di capitan Ferro, che Chillon trasforma per il 17-13. Il Petrarca però risponde subito con la meta di Gerosa, anche questa nata dopo diversi pick and go dei tuttineri sui 5 metri dei padroni di casa, e con la trasformazione di Menniti-Ippolito allunga sul 17-20. Al 51’ però i rossoblù ristabiliscono la situazione con un piazzato di Chillon che porta il risultato in parità 20-20. Dieci minuti dopo il pack dei Bersaglieri torna protagonista ottenendo un calcio a favore che Chillon manda tra i pali allungando sul 23-20. L’apertura rossoblù si dimostra precisissimo dalla piazzola anche al 64’, quando l’arbitro fischia contro la difesa petrarchina per antigioco, allungando ulteriormente sul 26-20. Il Petrarca non si scoraggia e, complice anche qualche imprecisione dei Bersaglieri, riesce ad avvicinarsi pericolosamente alla linea di meta e ad andare a schiacciare con Cugini. La trasformazione di Menniti-Ippolito sancisce il nuovo sorpasso dei tuttineri: 26-27. I padroni di casa rispondono subito con una bellissima azione che porta Lubian in meta, dopo un magistrale offload di Angelini, per il 31-27. Nei minuti finali della partita Rovigo rimane con un uomo in meno per un cartellino giallo a Momberg ma il gran lavoro difensivo dei rossoblù fa ottenere un calcio a favore che Chillon all’80’ mette tra i pali per il 34-27. Il Petrarca però approfitta della superiorità numerica e mette pressione ai Bersaglieri, arrivando a segnare con Cannone dopo una maul avanzante. Il Derby si chiude con la trasformazione di Menniti-Ippolito per il pareggio 34-34.

Alla fine della partita l’allenatore rossoblù Umberto Casellato commenta così la prova dei Bersaglieri: “Sono soddisfatto nel complesso perché rispetto al primo Derby abbiamo fatto dei grandi miglioramenti. Le mischie rispetto alla scorsa partita sono migliorate, come anche le touche e questo è una cosa positiva, perché nel rugby non ti regala niente nessuno, soprattutto nella fasi statiche. Mi dispiace per il cartellino giallo a Momberg, la gestione della panchina è totalmente diversa da quella dell’anno scorso e deve adattarsi alle decisioni che prende lo staff: l’obbiettivo è il lavoro di squadra collettivo, lui ha sbagliato individualmente. Il Petrarca ci ha messo pressione nei drive, noi però abbiamo difeso e avevamo studiato varie strategie anche sui punti d’incontro, preparando la partita nei dettagli durante la settimana. Quindi sono amareggiato per come abbiamo perso questa occasione di vincere. Sono invece contento di Chillon che ha giocato bene nonostante un ruolo a lui inusuale, di Angelini che ha fatto un’ottima partita, è un ragazzo che ha una gran voglia di giocare, bravo anche Visentin nonostante la sua giovane età. L’obbiettivo è avere ragazzi con la voglia di giocare. La squadra sta migliorando, con il rientro degli infortunati non potrà continuare meglio”.

 

C.S.



Articoli correlati