Home » NUOTO

La parola alla Rhodigium Nuoto

16 ottobre 2018 Stampa articolo

Riceviamo e pubblichiamo

 Care Amiche e Cari Amici, come avrete appreso dalla cronaca locale questi non sono giorni facili per noi di Rhodigium Nuoto.

Rhodigium Nuoto SSD gestisce da sempre il Polo Natatorio di Rovigo in virtù di un contratto di affitto di ramo d’azienda sottoscritto con Veneto Nuoto SRL, società titolare della concessione rilasciata dal Comune di Rovigo.

Giovedì 4 ottobre il tribunale di Rovigo ha dichiarato il fallimento di Veneto Nuoto: come tutti voi osserviamo gli sviluppi di questa spiacevole situazione, consapevoli peraltro di avere sempre operato nella massima correttezza impegnandoci per rendere il Polo Natatorio un elemento centrale nella promozione della salute, del benessere, della pratica sportiva e della sicurezza.

Oggi sempre più persone frequentano i nostri corsi di nuoto. Le squadre sportive di nuoto, di nuoto di fondo, di nuoto sincronizzato, di nuoto master, di pallanuoto, di triathlon e di nuoto paralimpico contano oltre 300 atleti tesserati, che si sono fatti valere sui campi di gara nazionali e internazionali: fra gli ultimi ricordiamo Valentina e Giulia Maggio per il nuoto di fondo, e Sara Zanca per il nuoto paralimpico.

Abbiamo collaborato con scuole, aziende sanitarie ed agenzie educative, e siamo stati il primo centro sportivo del Veneto ad aderire al progetto europeo “Lifelong Swimming” per la pratica del nuoto nella terza e quarta età. Abbiamo messo l’impianto a disposizione di tutte le scuole dell’infanzia della provincia di Rovigo e collaborato con Federazioni ed Enti di promozione sportiva per l’organizzazione di eventi sportivi agonistici ed amatoriali, fra i quali ricordiamo una gara nazionale degli Special Olympics , numerose gare regionali di nuoto assoluto e nuoto master, manifestazioni di triathlon per il settore giovanile.

Il parco estivo è diventato un centro di incontro e di aggregazione per le famiglie, una vera e propria spiaggia in città che ha ospitato migliaia di bambini e ragazzi dei centri estivi comunali e parrocchiali.

Nel contempo abbiamo sempre onorato i nostri impegni verso i collaboratori ed i fornitori, curato la manutenzione ordinaria e straordinaria dell’intera struttura, implementando le più moderne tecnologie per migliorare la qualità dell’aria e dell’acqua riducendo il consumo di prodotti chimici. Da contratto l’onere della manutenzione straordinaria spettava alla Veneto Nuoto, ma per la necessità di rendere funzionante l’impianto, abbiamo dovuto sostenere noi anche questi costi.

Ci siamo attivati anche nell’ambito della formazione professionale, organizzando in collaborazione con il Settore Istruzione Tecnica della FIN corsi per istruttori di nuoto e assistenti bagnanti. Abbiamo creato lavoro ed occupazione, con oltre ottanta fra dipendenti e collaboratori, stipulato contratti di manutenzione e fornitura con decine di aziende del territorio.

Siamo noi a fare tutto questo, non altri.

Ringraziando Voi della fiducia, ed i nostri collaboratori per l’impegno e la professionalità con cui si dedicano al loro lavoro, rimaniamo in attesa degli sviluppi di questa incresciosa vicenda. Confermiamo il nostro impegno nella gestione della struttura e restiamo a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento.

Il Presidente

Silvano Lindaver

C.S.



Articoli correlati