Home » serie B, VOLLEY

Alva Inox Delta Volley: si torna a casa per la sfida contro Portogruaro

19 ottobre 2018 Stampa articolo

volleyPORTO VIRO – Ritorno a casa. A un mese dall’ultima apparizione ufficiale (era il 16 settembre), l’Alva Inox Delta Volley fa di nuovo capolino al Palasport di Porto Viro. Domenica 21 ottobre, alle ore 18, la squadra di Massimo Zambonin ospiterà la Portomotori Demenego Portogruaro nella seconda giornata del campionato di Serie B Maschile.

C’è voglia di riabbracciare il popolo nerofucsia, ma soprattutto c’è voglia di continuare la striscia vincente iniziata in Coppa Veneto e proseguita la scorsa settimana sul campo della Kioene Padova. Per centrare l’obiettivo bisognerà, però, fare i conti con l’entusiasmo di Portogruaro. Neopromossa in categoria, la formazione guidata da Corrado Pilot ha bagnato il suo esordio stagionale superando 3-2 i cugini di San Donà. Una carica morale che accompagnerà i biancoverdi anche nella prossima trasferta di Porto Viro, proibitiva sulla carta, ma proprio per questo doppiamente stimolante.

In altre parole, Portogruaro non avrà niente da perdere e tutto da prendere. Un pericolo di cui è consapevole Egon Lamprecht, libero dell’Alva Inox e autentico veterano nerofucsia, che ci introduce al match di domenica: “Finalmente torniamo a casa, nel nostro meraviglioso palazzetto, e francamente tutti noi non vedevamo l’ora – racconta –. Siamo molto emozionati, ci mancava il calore e l’affetto dei nostri tifosi: sono certo che ci verranno a sostenere in tantissimi come sempre e che ci sarà da divertirsi. Portogruaro è una neopromossa, verrà a Porto Viro per dare il massimo senza avere nulla da perdere. Hanno un giocatore in particolare che attacca moltissimi palloni, l’opposto Boz: dovremo cercare di contenerlo al meglio. Per quanto riguarda noi, contro Padova siamo entrati in campo molto concentrati e siamo riusciti ad imporre il nostro gioco nel primo set, ma devo dire che nei due parziali successivi la Kioene ci ha messo in difficoltà, soprattutto con la battuta. Una delle nostre caratteristiche migliori è sicuramente l’esperienza, e grazie a quella siamo riusciti a fare la differenza nei finali dei set. Penso che questa partita abbia rappresentato un importante step a livello mentale, non abbiamo mai abbassato la guardia e siamo rimasti concentrati fino alla fine”.

Dal gruppo al singolo, Lamprecht si concentra sul suo nuovo ruolo di libero: “Mi trovo molto bene e sinceramente non me l’aspettavo. La ricezione funziona al meglio, mentre devo ancora migliorare parecchio in difesa, ma sono convinto che lavorando in palestra i risultati arriveranno. Ho fatto lo schiacciatore per trent’anni e mi sono sorpreso del fatto che già dopo il secondo allenamento non pensavo più all’attacco. Per me questo significa che era giunto il momento di cambiare ruolo. Ci metto e ci metterò tutto me stesso per aiutare la società a raggiungere i due grandi obiettivi della stagione”.

C.S.



Articoli correlati