Home » RUGBY

Rugby Villadose s’impone sul West Verona

22 ottobre 2018 Stampa articolo

rugbyFulvia Tour Andreotti Auto Rugby Villadose-West Verona Rugby Union 12-5

MARCATORI: pt 10′ m. Pavanello; st 11′ m. Zampieri; 21′ m. Greggio Masin tr. M. Pellegrini.

Fulvia Tour Andreotti Auto Rugby Villadose: Piombo; Silvestrin, Melarato, E. Pellegrini, Franchin; M. Pellegrini, Davì; Pavanello, Greggio Masin, Moro; Pietropolli, Manfrinato; Rinaldo, Sponton, Marangoni. Subentrati: Ritrovato, R. Pellegrini, Pasello. Non entrati: Mattana, Marzolla, Andreotti, Moretto. All. F. Brizzante.

West Verona Rugby Union: Trainotti; Peloso, Zamboni, Rizzo, Corso; Casiraghi, Maggi; Di Giovine, Righetti, Quintarelli; Briggi, Zecchini; Moretti, Zanoni, Persi. Subentrati: Consolini, Tomelleri, Zampieri. Non entrati: Franceschetti, Bonato, Donati, Monchelato. All. Brolis.

ARBITRO: Francesco Cagnin di Venezia.

NOTE: pt 5-0; spettatori: 100 circa; cartellino giallo a: Greggio Masin (pt 40′), Tomelleri (st 20′); punti in classifica: Fulvia Tour Andreotti Auto Rugby Villadose 4, West Verona Rugby Union 1.Non ci si attendeva certo questo tipo di partita solo a poche ore dal calcio d’inizio del match tra Fulvia Tour Andreotti Auto Rugby Villadose e West Verona, con temperatura primaverile e uno splendido sole a salutare gli arrivi delle squadre in via Pelandra.

L’improvviso cambiamento climatico con forte vento e molta pioggia quasi per l’intero corso del match, hanno trasformato l’incontro in una vera e propria battaglia, con i padroni di casa alla fine bravi a riagguantare un match che nella ripresa rischiava di prendere una piega difficile, vista la situazione di inferiorità numerica, parità nel punteggio e il fatto di avere il campo da risalire con il vento contrario.

La cronaca vede il Dose dominare nella prima frazione di gioco, ma non riuscire a concretizzare quasi trentacinque minuti trascorsi nei ventidue avversari.

Da segnalare l’uscita per un problema al naso al 7′ di Manfrinato, tre minuti prima della meta di Pavanello, nata da due mischie avanzanti ed altrettanti calci di punizione per i neroverdi, bravi poi a concretizzare con la giocata veloce del n.8.rugby

La prima frazione di gioco termina così 5-0 e l’unica cosa ulteriore da segnare sui taccuini è il cartellino giallo comminato a Greggio Masin per qualche scaramuccia di troppo con un avversario proprio pochi istanti prima del fischio.

Nella ripresa, gli scaligeri giocano sul territorio sfruttando le condizioni meteorologiche più favorevoli e pareggiano all’11’ con una buona giocata dei trequarti che manda oltre la linea Zampieri.

All’inizio dell’ultimo quarto, è il Fulvia Tour Andreotti Auto Rugby Villadose ad avere la possibilità di sfruttare la superiorità numerica per un cartellino giallo a Tomelleri.

Davì e compagni capiscono che è il momento di affondare il colpo del ko e, dopo un pick and go di un gigantesco Moro, trovano la spinta decisiva al centro dei pali con Greggio Masin. Massimiliano Pellegrini trasforma per il definitivo 12-5.

“Dovevamo chiudere la partita nel primo tempo, quando siamo stati praticamente sempre in attacco a ridosso della loro linea di meta – commenta coach Flaviano Brizzante -. Abbiamo perso tre rimesse fondamentali e poi siamo andati in difficoltà dopo il cartellino giallo. Non mi sento di dire che la partita sia mai stata in discussione, però ci è mancata concentrazione e c’è stata troppa confusione, portando il West Verona a giocare nel modo a loro prediletto. In condizioni climatiche del genere non è stato comunque facile e eravamo leggeri a livello di cambi, senza diversi ruoli specifici, e per questo spero presto di poter recuperare qualche giocatore. Con questa situazione, è stato importante vincere una partita così”.

Domenica prossima a Villadose big match contro la seconda squadra del Valsugana, con calcio d’inizio anticipato alle 14.30 per il passaggio all’ora solare.

 

C.S.



Articoli correlati