Home » A2, CALCIO, Femminile

Granzette soffre ma vince

6 novembre 2018 Stampa articolo

calcioCalcio Padova – Granzette 4-5

Calcio Padova: Avella, Bertoldo, Mezzasalma, Gesiot, Palma, Quagliotto, Mingardi, Penello, Zanco, Santi, Pinto (C). All. Ercolin.

Granzette: Omietti, Iaich, Vannini, Ansaloni, Sinigaglia, Costa, Ardondi, Andreasi (C), Longato, Piccinardi, Zanetti, Grandi. All. Bassi.

Reti: Pinto (P), Longato (G), Bertoldo (P), Vannini (G), Quagliotto (P), Longato (G), Sinigaglia (G), Ansaloni (G), Pinto (P).

PADOVA – Una vittoria sofferta quella del Granzette contro il Calcio Padova C5 femminile, ma importante perché permette alle rodigine il passaggio al secondo turno di coppa Italia, un risultato storico e ovviamente mai raggiunto per la città di Rovigo.

5-4 il risultato finale, una bella partita con due squadre che si affrontano a viso aperto, chi vince al triplice fischio accede al turno successivo, chi perde si deve accontentare del secondo posto nel girone.

Parte bene il Padova, le ragazze di mister Ercolin trovano dopo appena 4’ il gol del vantaggio con un tiro da fuori area spizzicato di testa da Gesiot. 

Il Granzette fatica a creare il suo gioco, complici le disattenzioni nero arancio ma merito anche delle padrone di casa che chiudono tutti gli spazi correndo e lottando su ogni pallone. 

Al 10’ Longato rimette in pari le cose calciando alla perfezione una punizione dal limite; il pareggio però non cambia la gara, il Padova sfrutta molto bene le ripartenze concesse e mette in difficoltà la difesa rodigina impegnando Omietti più volte con tiri da fuori. 

Al 13’ distrazione totale di tutto il quintetto nero arancio e su rimessa laterale il Padova trova la rete del 2-1.

Per fortuna poco dopo è Vannini in azione personale a trovare il pareggio complice anche una deviazione fortunosa di un’avversaria.  

La ripresa per fortuna è molto più accesa, le due squadre pressano alte e sicuramente divertono il numeroso pubblico.

Il Granzette inizia ad uscire ed a mostrare quello che sa fare, Longato riesce a preoccupare spesso la difesa padovana, soprattutto il capitano Pinto è costretta a fare gli straordinari sul numero 9 nero arancio. 

Al 7’ però l’arbitro vede un tocco di mano in area di Costa e concede il penalty al Padova, tiro imparabile di Bertoldo e padovane di nuovo avanti 3-2.

Il Granzette non ci sta e mette la terza: Vannini e Zanetti macinano km sulle bande laterali e servono Andreasi e Longato in ripetute azioni che impegnano l’estremo difensore Penello. Il Padova fatica a ripartire e proprio da una palla rubata di Vannini arriva il pareggio del Granzette con Longato.

Il pari aumenta i ritmi, le ospiti creano molto e da un’uscita dal pressing perfetta Omietti scarica a Vannini, la numero 3 serve Longato che viene incontro e dopo aver saltato la sua diretta avversaria scarica a Sinigaglia sul secondo palo che segna il 4-3. Granzette per la prima volta in vantaggio. 

Il gol è un contraccolpo per le Padova e ad approfittarne è la coppia Zanetti – Ansaloni: la numero 11 intercetta palla a metà campo sulla banda e scarica al centro per Ansaloni che senza il minimo dubbio lascia partite un destro a fil di palo imprendibile per l’ottima Penello, 5-3 a meno di 4’ dalla fine della gara.

Prima del triplice fischio c’è solo il tempo per Pinto, sicuramente la migliore in campo per le padovane, per segnare la rete del 5-4 su punizione.

Una partita difficile sicuramente, ma vinta con carattere e con l’esperienza.

Ora testa al campionato, domenica a Rovigo alle ore 17 arriva il Perugia, squadra dalle ottime potenzialità. 

C.S.



Articoli correlati