Home » RUGBY

Rugby Rovigo: dimissioni Cda. L’assessore Bimbatti interviene sulla questione

13 novembre 2018 Stampa articolo

rugby“Esprimiamo rammarico e dispiacere per le dimissioni della società Rugby Rovigo, con l’auspicio vi sia un ripensamento o quantomeno un rientro nella gestione della società fino al  termine dell’anno. E’ chiaro che le  dinamiche interne  non spettano né al sindaco, né all’assessore, né all’amministrazione”. E’ quanto ha affermato l’assessore allo Sport Andrea Bimbatti, facendo chiarezza sulla questione riguardante le dimissioni di Francesco Zambelli e di tutto il Cda della Rugby Rovigo.

“Ci teniamo a far chiarezza – ha proseguito Bimbatti -, perché il Comune di Rovigo da giugno ad oggi ha preso degli impegni con la società e con il presidente Nicola Azzi, che riguardavano le modifiche alla convenzione e al comodato che gestisce i rapporti tra la Femi Cz e il Comune di Rovigo. Le proposte sono state tutte sostanzialmente accettate”.

Bimbatti ha via via snocciolato tutte le questioni affrontate, a partire  dall’agibilità dello stadio, precisando che il Comune si impegna a mantenerlo agibile a proprie sue spese in base a disposizioni di legge vigenti. “Abbiamo recepito e consegnato formalmente gli spazi – ha aggiunto Bimbatti -, che sono la palestra e il museo nelle disponibilità della società come da loro richiesta; abbiamo regolato, che era il primo punto tra le richieste della società, l’accordo fra Femi Cz e Monti. Accordo che ho agli atti firmato dai due presidenti. Questo era uno degli aspetti fondanti anche per il commendatore Zambelli. C’era un altro problema legato al rientro dei debiti sui soldi dell’agibilità spesi da Zambelli durante il periodo di vacanza dell’amministrazione (durante il periodo di commissariamento) e il Comune si è impegnato a reintegrare quella cifra a posteriori. Abbiamo iniziato a giugno con i primi sei mila euro e abbiamo già deliberato 20 mila euro di contributo alla Rugby Rovigo (delibera approvata dalla Giunta, che oggi andrà in Consiglio Comunale), perché stiamo mantenendo anche l’impegno di reintegrare il debito pregresso. L’altra questione legata all’imposta di pubblicità è più complicata lo sa la società e anche il suo presidente, ne abbiamo parlato più volte e abbiamo chiarito che si parla di un’imposta di legge non di una tassa comunale e nessuna convenzione può esentare un’imposta emessa dallo Stato. Su questa questione abbiamo aperto un tavolo come amministrazione con l’azienda Asm per chiarire eventuali mancanze di comunicazioni e con la società per valutare  la possibilità di rateizzare e verificare gli anni dovuti o non dovuti. Infine, per quanto riguarda i lavori, con gli interventi della tribuna, che sono previsti da contratto a chiusura 30 novembre, siamo in dirittura d’arrivo. Con i lavori che andremo a terminare e che abbiamo integrato siamo verso l’avere l’agibilità che potremo ottenere a fine anno, obiettivo che ci eravamo dati con presidente Azzi e  Zambelli. Oltre ai lavori previsti  i ribassi d’asta che sono usciti dai lavori del Battaglini, sono stati per la prima volta tutti reinvestiti sul Battaglini stesso. E’ previsto  l’impianto di irrigazione e il completamento di tutti i lavori  compresa la vetrata della tribuna stampa; abbiamo acconsentito altri lavori come la sala ospitale e il completamento del vecchio spogliatoio che diventerà palestra per  la Monty. In più eravamo già d’accordo con il presidente Azzi, di portare avanti il progetto del campo sintetico in accordo anche con la Monty che condivideva l’idea.

Siamo assolutamente in linea – ha concluso Bimbatti -, con gli impegni presi a giugno con la società, con la Femi Cz e con la Monty, siamo ancora  a disposizione della società per proseguire il nostro percorso e concluderlo. Possiamo solo auspicare il bene della Rugby Rovigo, perché si conferma quanto detto dal sindaco che il Rugby è patrimonio della città. Ma tutto quello che riguarda la gestione della società non può né direttamente né indirettamente coinvolgere l’amministrazione comunale di Rovigo”.

Il sindaco ha sottolineato che non è intenzione fare polemica con nessuno. “Stiamo giocando la nostra partita, mettendoci tutta la nostra buona volontà e di questo ne è a conoscenza  il consiglio dimissionario, il precedente e speriamo anche il futuro che auspichiamo tutti, possa insediarsi quanto prima. Il sindaco non si è mai sottratto a sottoscrivere deroghe per l’agibilità, continueremo a lavorare con attenzione, la stessa che rivolgiamo a tutte le altre realtà sportive della città. Noi ci siamo sempre e non ci interessano le polemiche”

 

C.S.



Articoli correlati