Home » serie B, VOLLEY

Alva Inox Delta Volley: la settima meraviglia, Eagles battuti

25 novembre 2018 Stampa articolo

volleyVolley Eagles Vergati-Alva Inox Delta Volley 0-3

23-25, 21-25, 23-25

Battute punto/errori: Eagles 3/10, Delta 2/13; Ricezione: Eagles 78%, Delta 58%; Attacco: Eagles 41%, Delta 53%; Muri punto: Eagles 8, Delta 9.

Volley Eagles Vergati: Pranovi 19, Marcolin 9, Masiero 7, Friso 6, Francesco Zanatta 5, Gambalonga 4, Rampazzo, Mario e Matteo Pranovi 0, Milani e Giandomenico Zanatta NE; liberi: Pinarello e Frison. Coach: Luca Zanon.

Alva Inox Delta Volley: Dordei 22, Cuda 11, Luisetto e Bellini 7, Maniero 6, Trolese e Vanini 2, Bernardi e Bosetti 0, Arienti, Michieli e Ruffo NE; liberi: Lamprecht e Fregnan. Coach: Massimo Zambonin.

MESTRINO (Padova) – Una vittoria tanto bella quanto pesante. È la settima meraviglia dell’Alva Inox Delta Volley che s’impone 0-3 sul campo dei Volley Eagles e lancia un altro messaggio al campionato: la capolista c’è, anche dopo il successo su Motta (che poteva far scattare un po’ di rilassamento), anche su un campo difficile come quello degli Eagles, in partita per tutti e tre i parziali e forse puniti eccessivamente dal risultato finale. L’Alva Inox non ha fatto sconti, si è affidata ai suoi campioni (Dordei stratosferico) e alla panchina, decisiva soprattutto nel terzo parziale quando i nerofucsia erano sotto di cinque lunghezze.

I giocatori dell’Alva Inox scendono in campo con un segno di rossetto sulla guancia in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne. Queste le scelte di coach Massimo Zambonin: Vanini al palleggio e Bellini opposto, Luisetto e Trolese centrali (Arienti ai box per un problema alla spalla), Cuda e Dordei schiacciatori, Lamprecht libero uno. Luca Zanon, tecnico degli Eagles, schiera Francesco Zanatta-Michele Pranovi in diagonale, Friso-Gambalonga al centro, Masiero-Marcolin in banda, primo libero Pinarello. Arbitrano l’incontro Davide Iosca e Roberto Danieli di Verona.

Super Dordei in avvio e Delta che stacca gli Eagles sul turno in battuta di Cuda (6-9). Dall’altra parte della rere, chiara la tattica dei padroni di casa: spingere forte al servizio. Dopo l’ace di Michele Pranovi (9-10), arriva il pari firmato da Gambalonga su una ricezione imprecisa dei nerofucsia (12-12). La formazione ospite torna al comando intorno a metà parziale: ace di Vanini, 14-17, time Zanon. Ora è battaglia vera sul parquet di Lissaro, gli Eagles inseriscono Matteo Pranovi al posto di Masiero in seconda linea (16-18) e Mario per Gambalonga in battuta (17-19), ma è sempre Michele Pranovi l’ago della bilancia dei patavini (20-21, time Alva Inox). Anche Porto Viro, però, ha il suo condottiero, Dordei naturalmente (20-22). Finale serrato, coach Zambonin muove le sue prime pedine con il doppio cambio Bosetti-Maniero per Vanini-Bellini (21-23). Dordei in pipe fa 22-24, a chiuderla ci pensa capitan Cuda: 23-25, 0-1 Delta.

Meglio gli Eagles in apertura di secondo set (4-1 con due punti di Friso). Il solito Dordei riporta a contatto le due squadre: prima due attacchi per il 4-3, poi muro-ace per il 6-5. Vanini vince di mestiere uno scontro a rete e costringe coach Zanon al time (6-7), l’altro regista, Francesco Zanatta, gli risponde in battuta (ace del 9-7). I riflettori si spostano sui centrali: Trolese-Luisetto firmano il sorpasso Alva Inox (10-11), Friso, a muro, quello degli Eagles (12-11, nel frattempo tra gli ospiti entra Fregnan come libero per la difesa). La capolista non riesce a togliersi dalla morsa delle aquile (16-15, time Zambonin). Trolese (muro), Cuda e Luisetto provano a dare la svolta (17-19, time Zanon), gli Eagles si rifanno sotto con Michele Pranovi (20-21, dentro Maniero per Bellini), Cuda mette giù il 20-23, Maniero il 21-24, di nuovo Cuda per l’ultimo sigillo: 21-25, 0-2.

Terzo set, ancora Eagles avanti (4-1 sul turno in battuta di Michele Pranovi), il Delta impatta con Trolese al servizio (6-6). Muro di Luisetto (6-7), attacco in rete dei locali e time Zanon (6-8). Michele Pranovi guida la riscossa patavina (9-9), Marcolin (10-9) e Friso (muro) per il ribaltone (12-10, time Alva Inox). Senza effetti immediati il doppio cambio nerofucsia (Bosetti-Maniero per Vanini-Bellini), anzi, la squadra di casa prende altro margine (16-12, secondo time Delta). Dopo l’ace di Marcolin (17-12), coach Zambonin si gioca la carta Bernardi in seconda linea (out Luisetto, restano temporaneamente in panchina i liberi): mossa azzeccata, Porto Viro risale 17-16 anche grazie a due errori patavini. Sbagliano gli ospiti adesso (19-16), Maniero (due volte) e Luisetto (muro) devono fare gli straordinari per agguantare il pari (21-21). Rieccolo, muro irreale di Dordei (21-22), è la benzina che serve alla capolista per arrivare in fondo: altro muro di Dordei, 23-25, 0-3 Delta.

Le considerazioni a fine gara di Massimo Zambonin, tecnico dell’Alva Inox: “È una bellissima vittoria, anche perché arrivata con una gran rimonta finale. Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile, gli Eagles stanno giocando bene e ci hanno messo molto in difficoltà con la battuta. Noi siamo stati bravi a restare sul pezzo, a non mollare, anche grazie agli innesti dalla panchina che soprattutto nel terzo set ci hanno aiutato a portare a casa un successo meritato”.

 

C.S.



Articoli correlati