Home » RUGBY

Il derby va alla Rugby Rovigo

3 febbraio 2019 Stampa articolo

FEMI-CZ Rovigo v Argos Petrarca Rugby 17-10 (10-0)

Marcatori: p.t. 1’ m. Ferro tr. Mantelli (7-0), 10’ c.p. Mantelli (10-0); s.t. 59’ m. Cioffi tr. Mantelli (17-0), 66’ m. tecnica (17-7), 71’ c.p. Menniti-Ippolito (17-10)

FEMI-CZ Rovigo: Odiete (37’ Barion); Angelini, Majstorovic, Antl, Cioffi; Mantelli, Chillon (77’ Loro); Ferro (cap.) (80’ Venco), Lubian, Vian; Canali (73’ Mantovani), Nibert (41’ Halvorsen); Pavesi (41’ D’Amico), Momberg (41’ Cadorini), Brugnara (62’ Vecchini). All. Properzi

Argos Petrarca Rugby: Menniti-Ippolito; Leaupepe (61’ Benettin), Bettin, Riera, Coppo (77’ Santamaria); Zini (47’ Ragusi), Su’a (64’ Francescato); Trotta, Lamaro (72’ Goldin), Saccardo (cap.); Gerosa (61’ Manni), Cannone; Rossetto (29’ Mancini Parri), Santamaria (47’ Cugini), Rizzo (61’ Braggiè). All. Marcato

Arb. Marius Mitrea (Udine)

AA1: Stefano Bolzonella (CN) AA2: Filippo Bertelli (BS)

Quarto Uomo: Ferdinando Cusano (VI)

Cartellini: al 38’ giallo ad Angelini (FEMI-CZ Rovigo), al 66’ giallo a Barion (FEMI-CZ Rovigo)

Calciatori: Mantelli (FEMI-CZ Rovigo) 3/4; Menniti-Ippolito (Argos Petrarca Rugby) 1/2

Note: giornata fredda e nuvolosa, con circa 8 gradi e vento assente, terreno pesante. Presenti 2000 spettatori.

Punti conquistati in classifica: FEMI-CZ Rovigo 4; Argos Petrarca Rugby 1

Man of the Match: Ferro (FEMI-CZ Rovigo)

ROVIGO – La FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta vince 17-10 il 164° Derby d’Italia contro i Campioni in carica dell’Argos Petrarca Rugby, riportando così l’Adige Cup allo Stadio “Mario Battaglini”.

Il Derby inizia con una splendida azione dei rossoblù che dopo appena un minuto dal fischio d’inizio vanno subito a segnare sotto i pali la prima marcatura con capitan Ferro, dopo un ottimo break di Mantelli. La stessa apertura poi mette a segno la trasformazione del 7-0. Nei minuti successivi il Rovigo mantiene alto il ritmo del gioco mentre il Petrarca si dimostra un po’ troppo falloso: al 9’ infatti i rossoblù ottengono diversi calci a favore, di cui uno con il pack, riuscendo così a risalire il campo e ad entrare nei 22 avversari dove Mantelli dalla piazzola mette a segno altri 3 punti. Al 14’ i Bersaglieri si fanno nuovamente valere con la mischia e anche in questa occasione optano per andare tra i pali: Mantelli però, da posizione angolata, non riesce a centrare i pali. I rossoblù non demordono e continuano a proporre un gioco brioso, anche se condito da qualche in avanti, tanto che il Petrarca non riesce più a superare la metà campo fino al 27’ ed è costretto a difendere per la maggior parte del tempo. Gli ospiti si riscuotono intorno alla mezzora, arrivano ad attaccare al limite dei 22 rossoblù e tentando con varie incursioni ma senza riuscire a concretizzare: proprio alla fine del primo tempo, infatti, dopo un giallo ad Angelini per antigioco, Menniti-Ippolito ha l’opportunità di accorciare le distanze dalla piazzola ma non centra i pali. Le squadre tornano quindi agli spogliatoi sul 10-0.

Nella ripresa il Petrarca si fa subito pericoloso andando a sfiorare una meta al 47’ ma la difesa dei rossoblù si fa trovare pronta. Dopo aver vinto una mischia sui propri 22, al 56’ i Bersaglieri riescono a spostare il gioco nella metà campo avversaria dove pochi istanti dopo arriva la seconda meta, segnata magistralmente sulla bandierina da Cioffi, che Mantelli trasforma per il 17-0. Gli ospiti però non demordono e riescono a mettere pressione ai Bersaglieri i quali vengono anche puniti con cartellino giallo a Barion al 66’, quando l’arbitro concede al Petrarca una meta tecnica. In superiorità numerica i tuttineri riescono ad accorciare ulteriormente le distanze grazie ad un calcio piazzato di Menniti-Ippolito che porta il punteggio sul 17-10. I Bersaglieri nei minuti conclusivi riescono a riportare il gioco nei 22 avversari dove sfiorano la terza marcatura, non concretizzata per un in avanti a pochissimi metri dalla linea di meta. Fino alla fine, comunque, in rossoblù non mollano e la partita termina con la vittoria dei Bersaglieri per 17-10.

Alla fine del Derby, il capitano e Man of the Match Matteo Ferro commenta: “Nel primo tempo abbiamo avuto due occasioni di break in cui avremmo potuto fare meta ma non siamo riusciti a finalizzare per errori nostri, peccato perché se ci fossimo riusciti nel secondo tempo avremmo forse visto una partita diversa. Il Petrarca è entrato in partita con la meta tecnica ma noi siamo stati bravi a tenere il risultato e la disciplina, nonostante il campo pesante e la stanchezza. È stata una partita molto intensa dal punto di vista fisico, non velocissima perché appunto il campo era pesante a causa della pioggia della scorsa settimana. Ci aspettavamo un match duro e così è stato, nessuno però si è tirato indietro: quando giochiamo tutti insieme, tutti con la stessa mentalità e lo stesso focus la partita la portiamo a casa. Con un avversario così tosto davanti siamo contenti per quello che abbiamo fatto, ci divertiamo in allenamento e in partita, riusciamo anche a far divertire chi è sugli spalti e questo è quello che conta. Vogliamo il nostro rugby bello ed efficace, abbiamo ancora da migliorare ma piano piano ci togliamo qualche soddisfazione”.

Parole condivise anche da coach Franco Properzi: “Partita molto molto tirata, abbiamo fatto vedere il gioco per quello che ci permetteva il campo pesante. I ragazzi hanno spinto fino alla fine, abbiamo avuto molti crampi e qualche problema muscolare, quindi chapeau ai miei ragazzi. La vittoria era voluta, sentita, da due settimane a questa parte e c’è stata quindi ancora onore ai miei ragazzi per l’obiettivo raggiunto”.

 

C.S.



Articoli correlati