Home » ATLETICA

Il grande cross torna a Rovigo

Assegnati in riva all’Adige i titoli provinciali: partecipazione di massa e due vittorie per Confindustria Atletica Rovigo. A Padova Fantin si laurea vicecampionessa regionale nel lungo
19 febbraio 2019 Stampa articolo

ROVIGO – Un lavoro di squadra per riportare il grande cross a Rovigo. Uno sforzo collettivo premiato da una splendida giornata di gare in un contesto unico e suggestivo. Domenica 17 febbraio Boara Polesine ha ospitato la prima edizione dell’Athesis Cross, seconda prova del Campionato di società provinciale di corsa campestre e gara valida per l’assegnazione dei titoli provinciali individuali della disciplina. Un appuntamento fortemente voluto dalla Fidal Rovigo, che nell’organizzazione si è avvalsa della fondamentale collaborazione di Confindustria Atletica Rovigo, Salcus, Podisti Tagliolesi e Podisti Adria. Sull’argine dell’Adige si sono ritrovati i migliori atleti delle province di Padova e Rovigo. In gara tutte le categorie, impegnate su percorsi di diversa lunghezza disegnati al meglio dallo staff organizzatore.

“E’ stato un altro passo importante per questa amministrazione Fidal, che mi onoro di presiedere – sottolinea Marco Bonvento, numero uno della Fidal Rovigo e vicepresidente di Confindustria Atletica Rovigo – Abbiamo riportato la corsa campestre a Rovigo dopo tantissimi anni. Con oltre 600 atleti da tutto il Polesine e dalla provincia di Padova. Un lavoro corale che ha coinvolto Luca Poletto (Salcus), Michele Veronese (Podisti Tagliolesi), Graziano Cagnin (Podisti Adria) e il sottoscritto, a sancire la grande sintonia che c’è tra noi e le nostre società per la crescita dell’atletica leggera provinciale. Assieme all’istituzione di un Campionato provinciale allargato tra Padova e Rovigo, questo evento rappresenta un momento fondamentale di crescita, di grande rottura col passato e di slancio per il futuro dei nostri giovani atleti”.

All’impegno organizzativo Confindustria Atletica Rovigo ha naturalmente affiancato quello agonistico. Ottimi riscontri in tutte le categorie e due titoli provinciali in bacheca. La giornata è iniziata con la grande festa dei Cuccioli e degli Esordienti che hanno dato vita a gare caratterizzate soprattutto dal grande divertimento. Tanti i piccolissimi atleti schierati da Confindustria Atletica Rovigo, sintomo di un vivaio in continua espansione. Addirittura una cinquantina i nerarancio che hanno preso parte alle prove riservate agli Esordienti: due i podi con Matteo Pietrobon (Esordienti B) e Mariasole Renai (Esordienti A).

Ben otto le atlete al via della gara riservata alle Ragazze (1 km): spicca soprattutto il settimo posto assoluto di Greta Pagan. Cinque i Ragazzi, con miglior crono per Alessandro Marcomini, primo polesano al traguardo e dunque campione della provincia di Rovigo. Splendida prestazione e titolo provinciale anche per Antonio Oliva, impegnato nei 2 km riservati ai Cadetti: col tempo di 6’51” ha conquistato il terzo gradino del podio (Mattia Gaban 16esimo). Emma Pagan e Cristina Begu si sono ben difese nella prova Cadette. Confindustria Atletica Rovigo in gara anche nelle categorie Assoluti.

“E’ stata una grande giornata, con tanta partecipazione ed entusiasmo soprattutto dei piccolissimi, applauditi dai moltissimi genitori lungo il tracciato – racconta Massimiliano Marzanati, coach di Confindustria Atletica Rovigo – Da sottolineare soprattutto i progressi tra i Ragazzi, una categoria che stiamo cercando di coltivare proponendo allenamenti specifici già dall’ultimo anno Esordienti. Domenica cercheremo di fare del nostro meglio anche nel Trofeo regionale di marcia. Per la primavera l’obiettivo è entrare nelle 18 società che si giocheranno il titolo di campione regionale società Ragazzi”.

Contemporanamente al Palaindoor di Padova Confindustria Atletica Rovigo ha schierato alcuni dei suoi Cadetti più promettenti nella prova valida per il Campionato regionale individuale. Sulla piasta azzurra l’acuto arriva da Chiara Fantin che nel salto in lungo è riuscita a salire sul secondo gradino del podio grazie a un balzo da 5,08 metri colto al terzo tentativo, misura che vale il personal best e il titolo di vicecampionessa regionale; nella stessa prova si è cimentata anche la compagna di squadra Giada Coltro, atterrara a 4,40 metri (22esima). Il salto in lungo Cadetti ha visto in pedana anche il nerarancio Francesco Gregioli, all’esordio nella categooria: molto regolare la sua gara, con un 5,22 metri al primo balzo che gli ha consentito di chiudere al nono posto, subito dietro i migliori. Nei 200 metri Cadette si è ben comportata Martina Luppi, che ha chiuso la sua serie in quinta piazza con il personale di 28”68.

C.S.



Articoli correlati