Home » RUGBY

Rugby Rovigo affonda il Viadana

6 aprile 2019 Stampa articolo

FEMI-CZ Rovigo v Rugby Viadana 1970 40-7 (19-0)

Marcatori: p.t. 11’ m. Barion tr. Mantelli (7-0), 33’ m. Majstorovic tr. Mantelli (14-0), 39’ m. Barion non tr. Mantelli (19-0); s.t. 46’ m. Cioffi tr. Mantelli (26-0), 58’ m. Cioffi tr. Mantelli (33-0), 61’ m. Cioffi tr. Mantelli (40-0), 85’ m. Wagenpfeil tr. Ormson (40-7)

FEMI-CZ Rovigo: Barion (63’ Visentin); Borin, Majstorovic, Antl, Cioffi (65’ Loro); Mantelli, Chillon (47’ Piva); Ferro (cap.), Cicchinelli, Vian (55’ Venco); Nibert (47’ Mantovani), Parolo; Pavesi (76’ D’Amico), Momberg (59’ Rossi), Vecchini (63’ Pomaro). All. Casellato, Properzi

Rugby Viadana 1970: Apperley, Giovannini (76’ Paternieri), Menon, Pavan, Spinelli, Ormson (cap.), Bacchi (41’ Gregorio), Tupou (59’ Wagenpfeil), Moreschi, Ruffolo, Guillemain (43’ Gelati), Chiappini, Brandolini (65’ Garfagnoli), Silva (55’ Ribaldi), Denti Ant. (65’ Balboni). All. Frati

Arb. Giuseppe Vivarini (Belluno)

AA1 Federico Vedovelli (Sondrio), AA2 Francesco Russo (Milano)

Quarto Uomo: Paolo Schilirò (Catania)

Calciatori: Mantelli (FEMI-CZ Rovigo) 5/6; Ormson (Rugby Viadana 1970) 1/1

Note: giornata mite ma nuvolosa, con circa 15 gradi e vento assente, terreno in buone condizioni. Presenti 1200 spettatori.

Punti conquistati in classifica: FEMI-CZ Rovigo 5; Rugby Viadana 1970 0

Man of the Match: Cioffi (FEMI-CZ Rovigo)

ROVIGO – La FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta vince la sfida con il Rugby Viadana 1970 nella ventesima giornata di TOP12: al “Battaglini” finisce 40-7 per i rossoblù.

Nei primi minuti del match il Viadana prova ad attaccare dai propri 22 riuscendo poi, con un calcio di spostamento, a mandare i rossoblù in touche nei pressi dei propri 5 metri. A seguito di due rimesse laterali positive i Bersaglieri riescono a spostare il gioco nella metà campo avversaria dove intorno al 7′ sfiorano la meta, purtroppo non concretizzata a causa di un in avanti. Rovigo però non demorde e dopo aver vinto una mischia ad introduzione avversaria nei pressi dei 5 metri, apre il gioco e con una bella azione al largo manda in meta Barion. La trasformazione di Mantelli va a segno: 7-0 dopo 11 minuti dal fischio d’inizio. Il Viadana non si fa intimidire e arriva ad attaccare sui 5 metri rossoblù ma il buon lavoro della difesa rossoblù non lascia spazio alle incursioni avversarie. Ripreso il possesso dell’ovale i Bersaglieri risalgono il campo,p riportando il gioco sui 5 metri gialloneri dove, dopo una serie di imprecisioni ma senza mai demordere, al 33′ arriva la marcatura a firma di Majstorovic che Mantelli trasforma per il 14-0. Sul finire del primo tempo, dopo una serie di tentativi nei 22 del Viadana non andati a segno per qualche imprecisione di troppo, i Bersaglieri segnano la terza meta con un grande break di Barion. Dalla piazzola Mantelli centra un palo e le squadre tornano agli spogliatoi sul 19-0.

Parte forte il Viadana nella ripresa ma ancora una volta la difesa rossoblù impedisce agli ospiti si avvicinarsi alla linea di meta. I Bersaglieri riprendono in mano le redini del gioco e al 46′ arriva la meta del bonus a firma di Cioffi, poi trasformata da Mantelli per il 26-0. Il Viadana si riprende e sposta il gioco nei 22 rossoblù dove un errore in touche vanifica la marcatura di Brandolini. Rovigo però risponde subito con altre due mete, entrambe segnate da Cioffi: la prima al 58′, quasi un coast to coast dell’ala rossoblù, e la seconda al 61′. Mantelli non fallisce le trasformazioni e porta il punteggio sul 40-0. Negli ultimi minuti della partita il gioco stanzia nei 22 rossoblù con il Viadana che tenta varie incursioni senza però riuscire a concretizzarle fino all’84’ quando Wagenpfeil va a schiacciare sulla bandierina. La trasformazione di Ormson chiude il match sul 40-7.

Alla fine della partita il man of the match e autore di una tripletta, Massimo Cioffi, afferma: “Venivamo da due settimane che non ci hanno reso giustizia, in cui avevamo provato a fare il nostro gioco ma evidentemente ci è mancato qualcosa. Oggi ci era stato chiesto di riscattare tutto quello che non eravamo riusciti a fare contro Calvisano e penso che ci siamo riusciti. Nell’intervallo i leaders ci hanno chiesto di giocare con il sorriso, divertendoci: lo abbiamo fatto e penso che alla fine il risultato ci abbia dato ragione”.

Parole condivise anche dall’allenatore Umberto Casellato: “Abbiamo cercato fino alla fine di fare un altro 0 punti come successo con Valsugana ma non ci siamo riusciti alla fine. Guardiamo le cose positive, oggi abbiamo giocato con molti giovani in campo e con giocatori non al top della forma, come D’Amico che aveva più di 39 di febbre. Ha fatto anche l’esordio assoluto in maglia rossoblù Nicola Pomaro che è stato molto sfortunato durante la stagione, reduce da un’operazione si è infortunato subito: siamo molto contenti per lui, che era visibilmente emozionato prima di scendere in campo. Nessuno si aspettava i due stop con Calvisano e queste ultime settimane non sono state facili. I ragazzi però hanno risposto e fatto il loro, stiamo lavorando su quello che sarà il nostro futuro e continuiamo a lavorare. Oggi possiamo essere contenti, abbiamo fatto quello che dovevamo e volevamo fare”.

C.S.



Articoli correlati