Home » BASKET, SECONDO PIANO

Giulia Pegoraro allo Junior NBA Global Championship Europe

1 maggio 2019 Stampa articolo

basketROVIGO – C’è tanta Italia nello Junior NBA Global Championship Europe and Middle East Selection Camp, in programma dal 30 aprile al 4 maggio. Fra i 60 partecipanti al raduno organizzato dall’NBA per ragazzi e ragazze Under 13 e Under 14 compaiono infatti anche i nomi di Gabriele Kavosh (Ponte di Nona, 2005), Angelo Mastrototaro (Pol. Nuova Matteotti, 2006), Emma Arcà (GS Esquilino, 2005) ed Emma Bartoletti (Stamura Basket Ancona, 2005).

Distintisi nel torneo studentesco Junior NBA FIP League 2018, i quattro atleti rappresenteranno l’Italia nella seconda edizione del Camp, ospitato presso le strutture del CUSB di Bologna.

Ad accompagnare i giocatori sarà Giulia Pegoraro, una presenza con la Nazionale femminile maggiore nel 2013, nel roster delle Nazionali Under 18 e Under 20 agli Europei 2007 e 2009, e oggi nello Staff tecnico della Rhodigium Basket.basket

Durante lo Junior NBA Global Championship Europe and Middle East Selection Camp, i 60 atleti e gli oltre 20 coach provenienti da 24 Nazioni dove è attualmente attivo il programma Junior NBA saranno impegnati in sessioni d’allenamento e tornei 3×3 e 5 contro 5. I campers saranno seguiti in campo da ex stelle NBA del calibro di Boris Diaw, Vladimir Radmanovic, Marko Milic e dall’USA Basketball Director of Youth & Sport Development Don Showalter.

Proprio Giulia Pegoraro, coach dell’Under14 e dell’Under 16 femminile Rhodigium è stata scelta dal settore squadre nazionali italiano per rappresentare l’Italia in questa fantastica esperienza. Un motivo di enorme orgoglio per la società della presidente Maria Paola Galasso che sta puntando moltissimo sulla formazione del proprio staff tecnico e un’esperienza del genere farà benissimo non solo a Giulia ma a tutto lo staff Rhodigium che gioverà di questa chiamata.

Entusiasta Giulia commenta la chiamata: “sono emozionata e incredibilmente orgogliosa di questa chiamata, sarà per me un’esperienza importantissima, ci saranno tanti coach americani che metteranno il loro sapere a nostra disposizione e io potrò raccogliere il maggior numero di informazioni possibili da portare a Rovigo! Perché L’obiettivo principale rimane sempre quello di far crescere la Rhodigium Basket in tutti i suoi settori dalle prime squadre al minibasket passando per il nostro settore giovanile femminile e maschile. E più alziamo la qualità di quello che facciamo in palestra maggiori saranno i risultati che permetteremo di raggiungere ai nostri atleti”.basket

C.S.



Articoli correlati