Home » Ciclismo giovanile

Bosaro Emic in luce nel week end

29 maggio 2019 Stampa articolo

GIOVANISSIMI

CAGNOLA DI CARTURA (Padova) – Cagnola di Cartura dedica una intera giornata al ciclismo Under 18 forte dell’organizzazione messa a punto dal G.S. Cartura Nalin, allestendo il trittico ciclistico a firma Eurotermoidrauliaca formato dal Gran Premio Comune di Cartura e 37° Gran Premio Barbara Rango.

Per i 180 Giovanissimi impegnati nel pomeriggio un circuito di 1150 mt all’interno della zona artigianale da ripetere più volte a seconda delle categorie a nastri di partenza. Ottimamente il G6 Luca Destro del G.C. A.S.D. Bosaro Emic, che macina l’asfalto con coraggio e sicurezza assoluta consolidando la sua posizione nell’olimpo dei veloci.

I G1 Tommaso Marocco (S.C.D.  FDB Cologna Veneta) e Davide Brasolin (G.S. Cartura Nalin) si contendono la vetta conquistando infine rispettivamente il primo e secondo posto, davanti a Federico Benfatto (G.C Noventana Work Service), Christian Dalla Bona (S.C.D.  FDB Cologna Veneta) e Mattia Finesso (G.S. Cartura Nalin); tra i caschetti rosa vince Ginevra Clemente (Soc. Ciclisti Padovani), che ha la meglio sul duetto dei Liberi Ciclisti Adria 2002 A.S.D. composto da Adelaide Bellucco ed Emma Costanzi.

Tra i G2, A.C.D. Monselice porta a segno due podi prestigiosi grazie a Emma Ceresoli seconda dopo Chloe Soattin (G.S. Saccolongo), e a Carlo Ceccarello che sfrutta il rettilineo in vista dell’arrivo per sfilare davanti a Giovanni Bosello (G.S. Tavo Cicli Bonin), Pierluigi Barison (GS Fiumicello 1971) e ai due compagni di squadra a maglia U.S. Scuola Ciclismo Vò, Giovanni Munari, quarto, e Davide Gambalunga, quinto.

Il traguardo dei G3 è preso d’assalto da Filippo Callegaro (G.S. Cartura Nalin), Alessandro Sarto e Marco Miele Zamengo (entrambi Ass. Dil. U.C. Mirano) ma l’oro è destinato al padrone di casa; Marta Talpo (G.C. A.S.D. Bosaro Emic) contrae le fibre muscolari e colma il gap accumulato in gara, per nulla intenzionata a rinunciare al podio dove sale sul gradino più basso insieme a Valentina Piva (Soc. Ciclisti Padovani) destinata al secondo gradino e alla vincitrice Chiara Biscontin (U.S. CSI Rubano).

Il G4 Lorenzo Ceccarello (A.C.D. Monselice) conquista la vittoria sfuggendo all’assalto di Riccardo Rosso (GS Fiumicello), Edoardo Ceccato (S.C.D.  FDB Cologna Veneta) e Gianmaria Chinello (G.S. Saccolongo), secondo terzo e quarto rispettivamente, ma nel trio la differenza si misura in millesimi; ringhia sulle ruote degli avversari Diego Rinaldi (G.C. A.S.D. Bosaro Emic), capace di conquistare la testa del gruppo in una fase della gara in cui molti cedono il passo alla stanchezza, salvo poi perdere lo slancio eppure per lui un podio futuro è solo questione di tempo ed esperienza. Tra le colleghe emergono Aurora Marzolla (Liberi Ciclisti Adria 2002 ASD), Chantal Trovò (GS Fiumicello 1971) ed Emma Garbin (A.C.D. Monselice).

Nella categoria successiva il gruppo si mantiene tendenzialmente fluido e compatto annullando sporadici e timidi tentativi di fuga; i biancazzurri Domenico Pizzolato e Filippo Sturaro (G.C. A.S.D. Bosaro Emic) attaccano a gas costantemente aperto finché nel tratto finale la formazione si allunga: i primi a concludere la corsa uno dietro l’altro sono, in ordine, Riccardo Zecchin (Soc. Ciclisti Padovani), Manuel Salmaso (G.S. Saccolongo) e Luca Rango. Sul versante femminile Rebecca Fiscarelli (G.S. Mountain Bike PS Elpidio) si qualifica come la più veloce, seguita da Emma Ceresoli (A.C.D. Monselice) e Aurora Frison (U.S. Scuola Ciclismo Vo’).

La kermesse giunge al termine con l’avvincente sfida dei G6. Tra le atlete le prime tre posizioni appartengono a Siria Trevisan (Scuola Ciclismo Lions D Cavarzere), Linda Sanarini (C.U.S. Padova ASD) e Michelle Bovolenta (Soc. Ciclisti Padovani), con menzione per Gloria Peretto (G.C. A.S.D. Bosaro Emic) che brinda al sesto risultato conquistato con il piglio di chi non si arrende e sa difendersi fino all’ultimo metro. In questo turno la selezione aumenta giro dopo giro e premia Filippo Sabbadin (Soc. Ciclisti Padovani) il quale capitalizza un crescente vantaggio al punto da ritrovarsi a correre e vincere in perfetta solitudine. Dietro di lui una manciata di temerari si lancia all’inseguimento senza economie e tra loro appassionata è la corsa di un altro bosarese, Luca Destro, brillante nel gestire i rivali portando a casa un fiero quarto piazzamento, a un soffio da Christian Quaglio (A.C.D. Monselice) secondo, e Lorenzo Borella (Soc. Ciclisti Padovani), terzo.

ESORDIENTI

 Ottima gara anche per gli Esordienti 1° anno con: Andrea Cafiso, Cristian Sinigaglia, Nicolò Coti e Alex Ferro seguiti dal Ds Sandro Baracco, anche in questa gara molto movimentata fin dalle prime pedalate, i polesani si sono ben destrati con un gruppo di 85 partenti, il tutto con una volata finale di gruppo molto numerosa.

ALLIEVI

97 giovani promesse del ciclismo triveneto si sono date appuntamento per la conquista del “Gran premio F.I.P.A.”

A tenere alti i colori del Polesine, tra gli specialisti veneti e friulani della velocità, i tre atleti del G.C. Bosaro Emic: Jacopo Samogizio, Pietro Riccio e Gianmarco Mazzucato, coordinati e diretti dal D.S. Gianfranco Pizzardo con la collaborazione di Mirko Gradani.

Gara che parte alle 13 con un tiepido sole e insistenti folate di vento proveniente da nord-est.  Sin dai primi chilometri l’andatura del gruppo non lascia adito a dubbi: corsa nervosa e tutt’altro che di facile interpretazione.  Le squadre più numerose agitano gli animi mandando i loro comprimari a scompigliare la testa del gruppo cercando di fare uscire allo scoperto le ruote più veloci.

Al terzo dei 7 giri in programma una spettacolare caduta (condizionata dalla presenza di un ostacolo non segnalato lungo la sede stradale) taglia fuori dai giochi Pietro Riccio. Per lui, fortunatamente, nessuna conseguenza fisica.  Un giro più tardi tocca a Samogizio, coinvolto in una caduta di gruppo, abbandonare la gara. 

In vista del traguardo finale – dopo 51 km alla ragguardevole media di 40,995 km orari – rimane quindi il solo Mazzucato a tenere alti i colori della compagine bosarese. Il rodigino rimane comunque fuori dai giochi per le posizioni di prestigio e si posiziona prudentemente al centro del gruppone.

Spettacolare l’epilogo sul rettilineo conclusivo con tre atleti racchiusi in pochi metri e che vede trionfare  a braccia levate  l’atleta dell’U.C. Mirano  Alessio Delle Vedove, seguito da Giacomo Fraccaro (a.s.d. Postumia) e sul gradino più basso del podio Vladimir Milosevic del Borgo Molino Rinascita Ormelle.

Giornata interlocutoria quindi per i ragazzi del patron Christian Rondina e del presidente Massimo Rossi che hanno però già iniziato a lavorare duro in vista del prossimo impegno: i campionati regionali che si svolgeranno la prossima domenica nella splendida cornice di Follina, ai piedi delle dolomiti, lungo un circuito che prevederà il passaggio sulla famigerata salita del Combai.

C.S.



Articoli correlati