Home » BASEBALL

Itas Assicurazioni a Ponzano Veneto con i cerotti.

5 luglio 2019 Stampa articolo

baseballROVIGO – Un’Itas Assicurazioni Baseball Softball Club Rovigo in piena emergenza domenica 7 luglio fa visita ai Blu Fioi di Ponzano Veneto per il quarto turno di ritorno di Serie B. La partita giocata lo scorso weekend a Verona ha decimato il roster del manager Fidel Reinoso, che a causa degli infortuni deve rivedere soprattutto le rotazioni sul monte di lancio. Gara uno è in programma alle 11, gara due nel pomeriggio alle 15.30.

Crepaldi è ancora sofferente al gomito e non sarà della partita. Anche Taschin non ha recuperato del tutto dalla contrattura che gli ha impedito di lanciare contro gli scaligeri. Per Cherubin si prospettano due settimane di stop a causa di uno stiramento muscolare alla gamba. Fortunatamente l’infortunio subito da Gonzales si è rivelato meno grave del previsto e il rossoblù sarà regolarmente nel box di battuta. Smaltita la febbre rientra in gruppo anche Frigato. Quest’ultimo, insieme a Pietrogrande, Rondina e Jonathan Foli, reggerà il peso del monte rodigino nella sfida ai Blu Fioi. Per rimpolpare il roster è stato chiesto ad alcuni giocatori della squadra Cadetta di accomodarsi nel dugout, ma non potranno comunque essere utilizzati al lancio per via del ravvicinato impegno nel campionato di Serie C (domani sera c’è il derby a Padova).

La partita contro i Blu Fioi assume un peso specifico già notevole. Rovigo è attualmente in quinta piazza nel Girone B e precede proprio il Ponzano Veneto. Ai rossoblù servono punti per allontanarsi definitivamente dalla zona playout, che comprende le ultime due della classe, e cercare di riavvicinare le formazioni che stanno più in alto in classifica. In calendario ci sono anche due partite da recuperare, ma contro Buttrio e Castelfranco Veneto, tra le squadre più competitive del lotto. L’andata contro i Blu Fioi terminò in pareggio: un 1-1 che lasciò non pochi rimpianti ai rossoblù a causa di una gara persa che sembrava ampiamente alla portata dei polesani. Ora è il momento di non fare più sconti.

C.S.



Articoli correlati