Home » BASKET, Promozione

Cipriani terzo al Memorial Zamarco

1 settembre 2019 Stampa articolo

SOLESINO (Padova) – Il Cipriani Nuovo Basket Rovigo non è riuscito a fare il bis e, dopo averlo vinto lo scorso anno, ha ceduto il “Memorial Zamarco”. I ragazzi di coach Maurizio Ventura hanno perso di 11 lunghezze la prima semifinale contro i padovani dei Frogs, avversari di campionato, e non hanno disputato la finalina per il terzo posto poiché i cugini della Scuola Basket Polesine Rosolina sabato hanno dato forfait.

Dunque, i rossoblù sono tornati da Solesino con un terzo posto che sicuramente non preoccupa, ma che ha dato diverse indicazioni al coach bolognese, ma rodigino d’adozione: “Contro i Frogs si è vista la classica partita di inizio stagione, dove i muscoli e soprattutto le teste vanno per conto loro. La voglia di giocare sicuramente c’era – continua Maurizio Ventura – ma abbiamo preso la partita con poca concentrazione. Certo, non c’era una grande posta in palio, ma devo ammettere che mi sarebbe piaciuto un atteggiamento diverso. Chiaramente non è tutto negativo. La prestazione di Matteo Bombace, ad esempio, è fra le cose buone. Il nostro nuovo giocatore non è certo una sorpresa. Stiamo parlando di uno dei top players del campionato, che ha già mostrato una preparazione atletica davvero ottima. Schierato sia playmaker che guardia, ha un suo preciso rendimento”. Il Cipriani si è presentato a Solesino con tutti e 16 i giocatori e anche i giovani, inclusi Motton (classe 2001) e Argenziano (classe 2002) hanno trovato spazio. “Dai giovani – spiega il coach – mi aspetto più fame. Sono in un contesto in cui i minuti che hanno a disposizione sono preziosi”. Luca Doati è atleticamente in forma e la mano, pur essendo ad inizio stagione, è sempre la solita, tanto che ha messo a segno diverse “bombe”. Gli altri senatori hanno mostrato di avere le gambe cariche da questa dura settimana di lavoro. Del resto, le Pantere hanno iniziato solamente lunedì scorso agli ordini del preparatore fisico Diego Raul Panagin e, prima del match contro i Frogs, hanno sostenuto tre sedute d’allenamento prevalentemente senza palla.

“Diamo la giusta importanza a questa sconfitta peraltro maturata nei minuti finali, quando io ho fatto cambi piuttosto strani per poter vedere come andavano le cose in situazioni d’emergenza. I carichi di lavoro della settimana, specialmente di venerdì, sono stati davvero importanti. Che sia comunque un piccolo campanello d’allarme – conclude il coach rossoblù – Torniamo ad essere le persone che fanno tutte le cose con semplicità, umiltà e tenendo presente che il nostro marchio di fabbrica è la difesa e, contro i Frogs, non ne ho vista”.

Per la cronaca, la vittoria finale è andata ai padroni di casa del Basket Sant’Elena, altra formazione che Rovigo affronterà in campionato, vittoriosi di 4 lunghezze sui Frogs. Prossimo appuntamento, venerdì prossimo sul campo del Basket San Martino.

C.S.



Articoli correlati