Home » Corsa, PATTINAGGIO

Diamanti e Greguoldo oro nella staffetta

7 settembre 2019 Stampa articolo

pattinaggioSAN BENEDETTO DEL TRONTO (Ascoli Piceno) – Attenti a quei due: Mattia Diamanti e Nicolò Greguoldo hanno vinto il titolo assoluto nella staffetta al Campionati italiani di pattinaggio corsa su strada a San Benedetto del Tronto. La meravigliosa coppia dello Skating Club Rovigo ha sbancato il campo imponendosi in una prova inedita, spettacolare e mozzafiato. Così la società guidata da Federico Saccardin è tornata dalle Marche con due medaglie d’oro, il secondo posto di Marco Giandoso nella gara a punti degli R12 e tanti piazzamenti di prestigio. Un bottino eccezionale della squadra allenata da Roberta Ponzetti.
I due atleti rodigini hanno conquistato l’oro nella staffetta che si svolge a coppie sul giro di pista: 200 metri a testa, tutti d’un fiato con batterie formate da sei coppie. Diamanti e Greguoldo hanno superato le semifinali mettendo a segno il secondo tempo alle spalle della coppia del Bosica Martinsicuro formata dai fratelli Simone e Yuri Soriani. Così si sono presentati alla finalissima molto carichi e quotati.
Sulla linea di partenza Roberta Ponzetti ha fatto schierare Mattia Diamanti sulla corsia esterna, lasciando sulla sinistra le squadre di Martinsicuro, Siena, Noale, Cardano al Campo e Albignasego. La partenza del campione italiano dei 100 metri è stata fulminea, allo start ha impresso subito il proprio marchio prendendo la testa w correndo i primi 200 in testa, al cambio ha trovato Greguoldo concentratissimo e la spinta per lanciarlo è stata sicura e potente. Greguoldo, mettendo in luce la sua tecnica sopraffina nelle due curve, ha mantenuto il vantaggio presentandosi in testa sul lungo rettilineo finale dove ha corso benissimo tagliando il traguardo primo (33”596) tra l’esplosione di gioia della folta rappresentanza rodigina. Seconda la coppia abruzzese (33”696), terza Siena (33”833) che schierava due nazionali, Noale (33”873), Cardano al Campo (33”919) e Albignasego (34”540).
Una vittoria costruita, meritata ed entusiasmante, conquistata da Mattia Diamanti, 24enne studente universitario residente a Barbona e Nicolò Greguoldo, 22 anni, di Porto Viro, allenatore del settore giovanile dello Skating Club Rovigo.
«I ragazzi sono stati fantastici a dimostrazione che la pazienza è fondamentale per costruire i risultati. La staffetta è stata impeccabile e determinante è stata la scelta del tecnico di cambiare corsia all’ultimo momento per stare fuori dalla bagarre – dichiara il direttore sportivo Michele Santato -. Un successo emozionante. Meritatissimo a conferma della bontà della nostra scuola che venerdì sera ha registrato l’importante secondo posto di Marco Giandoso negli R12».
Il 12enne rodigino è stato autore di una prova super nei 2000 metri a punti, gara valida per il Trofeo Italia Skate, un preludio al campionato italiano che si disputa dalla categoria Ragazzi. Giandoso ha ben interpretato la gara giungendo alle spalle del trapanese Daniele Giuffrè e davanti al siracusano Fabrizio Tagliata. Insomma grandi soddisfazioni per la società rodigina da questo Italiano su strada concluso con ben due titoli italiane (mai un titolo era giunto a Rovigon nella staffetta), enormi gioie e l’amarezza in bocca di non aver potuto schierare la bravissima Benedetta Rossini al meglio delle condizioni.

C.S.



Articoli correlati