Home » RUGBY

Rugby Rovigo travolgente a Piacenza

19 ottobre 2019 Stampa articolo

Sitav Rugby Lyons v Femi-CZ Rugby Rovigo Delta 14 – 45 (14-28)
Marcatori: p.t. 3’ mt Ferro tr Mennitti Ippolito (0-7), 7’ mt Antl tr Mennitti Ippolito (0-14), 12’ mt Bruno tr Guillomot (7-14), 19’ mt Antl tr Mennitti Ippolito (7-21), 28’ mt Capone tr Guillomot (14-21), 40’ mt di punizione Rovigo (14-28)
s.t. 43’ mt Mastandrea (14-33), 74’ mt Ferro (14-38), 76’ mt Mennitti Ippolito tr Mennitti Ippolito (14-45)

Sitav Rugby Lyons: Borzone (30’ Via A), Capone (75’ Via G), Paz, Conti (71’ Subacchi), Bruno (cap), Guillomot, Fontana, Parlatore, Bance (71’ Bottacci), Petillo, Pozzoli (41’ Cemicetti), Pedrazzani (60’ Grassotti), Rapone (52’ Greco), Rollero (52’ Cocchiaro), Acosta All. Baracchi

Femi-CZ Rugby Rovigo Delta: Odiete, Cioffi (41’ Ambrosini), Antl, Modena, Mastandrea (25’ Pavesi), Mennitti Ippolito, Citton (41’ Piva), Michelotto (58’ Mantovani), Lubian (58’ Liut), Ruggeri (41’ Vian), Canali, Ferro (cap), D’amico (46’ Pavesi), Momberg (46’ Cadorini), Rossi (46’ Pomaro). All. Casellato

Arb.: Angelucci (Livorno)
AA1 Liperini (Livorno) AA2 Arnone (Pisa)

4° uomo: Renzi (Parma)
Cartellini:
24’ giallo D’Amico

Calciatori: Guillomot 2/2, Mennitti Ippolito 4/6

Note: Giornata coperta e umida, campo in perfette condizioni, spettatori circa.
Punti conquistati in classifica: Sitav Rugby Lyons 0, Femi-CZ Rugby Rovigo Delta 5

Man of the Match: Matteo Ferro (Rugby Rovigo Delta)

FEMI-CZ RRD: I ROSSOBLÙ VINCONO A PIACENZA PER 45 A 14

PIACENZA – La prima giornata del Peroni TOP12 allo Stadio “Walter Beltrametti” di Piacenza, contro la neopromossa del Lyons Piacenza, si conclude 14 a 45 per i rossoblù.

Giornata speciale per la FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta perché per la prima volta un club del massimo Campionato italiano di rugby è sceso in campo con i nomi dei giocatori stampati sul retro delle maglie da gioco.

Partenza con forza per il Rovigo che fin dai primi minuti del match impone il proprio gioco. I rossoblù infatti, dopo una touche sui 22 metri dei bianconeri, aprono il gioco e dopo una serie di pick and go vanno in meta con Capitan Ferro, Menniti-Ippolito trasforma per il 0-7. La seconda meta dei bersaglieri arriva al 7’ con Antl, Menniti-Ippolito centra i pali per il 0-14. Al 11’ il Rugby Lyons non demorde e dopo aver trovato un varco nella difesa dei rossoblù riesce ad andare in meta in mezzo ai pali con il capitano Bruno. Guillomot trasforma per il 7-14. Al 18’ Citton riesce a risalire il campo permettendo ad Antl di segnare la sua seconda meta personale. Menniti-Ippolito centra i pali, 7-21. Al 23’ i bersaglieri commettono qualche errore disciplinare di troppo ed è così che D’Amico viene punito con un cartellino giallo. Al 27’ il Rugby Lyons sfruttando la superiorità numerica va in meta con Capone, Guillomot trasforma la seconda meta dei bianconeri per il 14-21. Al 44’ il pack rossoblù impone la sua forza su quello dei bianconeri e trova la meta del bonus con una meta tecnica al termine del primo tempo. Le squadre tornano così agli spogliatoi con il risultato parziale di 14-28.

La ripresa è a favore del Rovigo che dopo una bella azione alla mano trova subito la meta al 42’ con Mastandrea. Menniti-Ippolito non centra i pali, 14-33. Nei minuti successivi le squadre provano varie incursioni, ma la buona difesa da ambo le parti non permette ad entrambe di mettere nuovamente punti nel tabellone. Dopo una touche a favore dei rossoblù sui 5 metri avversari, ancora il pack del Rovigo si fa valere sul Rugby Lyons ed è con Ferro, nominato poi Man Of the Match, che va a segnare la meta. Menniti-Ippolito non trasforma, 14-38. Al 76’ il Rovigo riesce a superare la difesa avversaria con Menniti-Ippolito, lo stesso centra i pali, 14-45. Negli ultimi minuti del match il Rovigo prova le ultime incursioni, ma l’arbitro fischia la fine, fissando così il risultato finale di 14 a 45 per i rossoblù.

Queste le parole di coach Umberto Casellato al termine del match: “ Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile e per certi aspetti lo è stata. Sicuramente il primo obiettivo era portare a casa la partita e lo abbiamo fatto, dipende sempre però come la porti a casa e quello lo dobbiamo analizzare. Abbiamo fatto ancora troppi errori e bisogna vedere se li abbiamo fatti per superficialità o se effettivamente la squadra avversaria ci ha messo sotto pressione. Adesso abbiamo la seconda partita di campionato, domenica prossima al Battaglini, contro le Fiamme Oro e durante tutta la settimana dovremo lavorare bene per prepararla al meglio.”

C.S.



Articoli correlati