Home » Serie A3, VOLLEY

Marini Delta: tre punti pesanti, Brugherio sbancata

28 ottobre 2019 Stampa articolo

volley a3Gamma Chimica Brugherio-Biscottificio Marini Delta Volley Porto Viro 1-3

(14-25, 25-20, 19-25, 22-25)

Battute punto/errori: Brugherio 6/16; Delta 3/18; Ricezione: Brugherio 64%, Delta 57%; Attacco: Brugherio 41%, Delta 48%; Muri punto: Brugherio 5, Delta 13.

Gamma Chimica Brugherio: Cantagalli 27, Fantini 12, Mitkov 6, Cariati 4, Santambrogio e Gianotti 3, Fumero 1, Piazza e Teja 0, Cavalieri, Biffi e Innocenzi NE; libero: Raffa. Coach: Danilo Durand.

Biscottificio Marini Delta Volley Porto Viro: Dordei 21, Cuda 13, Sperandio e Lazzaretto 9, Kindgard 3, Luisetto 2, Turski 1, Daniel e Bernardi 0, Marzolla NE; liberi: Lamprecht e Fregnan. Coach: Massimo Zambonin.

BRUGHERIO (Monza Brianza) – Tre punti pesanti. Meno “nitidi” forse di quelli conquistati contro Civitanova, ma di certo non meno preziosi. La Biscotticio Marini Delta Volley sbanca 1-3 il campo della Gamma Chimica Brugherio nella seconda giornata del campionato di Serie A3 Credem Banca. Gran partenza dei nerofucsia che stravincono il primo set, reazione dei padroni di casa nel secondo parziale, Porto Viro alza di nuovo la voce nel terzo e nel quarto e porta a casa l’intera posta in palio. Successo meritato e classifica che adesso ingolosisce parecchio: dopo i primi due turni, i nerofucsia sono in testa a punteggio pieno insieme a Motta.

La Marini Delta conferma in blocco la formazione che ha superato Civitanova sette giorni fa: Kindgard-Cuda in diagonale, Luisetto-Sperandio centrali, Lazzaretto-Dordei schiacciatori, libero Lamprecht. Danilo Durand, tecnico di Brugherio, schiera Santambrogio in regia e Cantagalli opposto, Cariati-Fumero in mezzo, Fantini-Mitkov attaccanti di posto quattro, libero Raffa. Arbitrano l’incontro Roberto Pozzi di Alessandria e Rachela Pristerà di Robassomero.

Due attacchi out di Brugherio, muri di Dordei e Sperandio: 1-5 Delta, subito time Durand. Devastante avvio di Sperandio, attacco e muro, 1-7, nuova interruzione richiesta dalla panchina lombarda. Ci aggiunge un ace Dordei, un mani-out Cuda, fuga polesana ormai certificata (1-9). Riscossa Diavoli rosa, doppio squillo di Mitkov in battuta, Cantagalli e Fantini colpiscono dai lati: 9-13, coach Zambonin inerviene con un time. E fa bene, perché Dordei – prolifico sia in attacco che a muro – spinge di nuovo al largo Porto Viro: 9-17. Si rivedono Sperandio (muro) e Cuda, mentre Brugherio concede spazio a Piazza e Teja in un finale ormai privo di pathos: 14-25, 0-1 Marini Delta.

Durand si gioca la carta Gianotti (out Fumero), il 3-1 che apre il secondo parziale viene immediatamente cancellato da Lazzaretto: attacco e muro, 3-4. I Diavoli rosa, forse spazientiti dalla compattezza dell’avversario, pasticciano più del dovuto: 3-6 e time out inevitabile per i padroni di casa. Trascinata da Fantini e Cantagalli, la Gamma Chimica cerca di risalire la corrente e di mettere pressione agli ospit: aggancio e sorpasso arrivano a metà esatta del set, 13-12, time Zambonin. Ancora Fantini a segno, stavolta dalla battuta, Porto Viro vara il cambio Lazzaretto-Bernardi (15-12). Non tira una buona aria adesso al Centro Sportivo Paolo VI, dove il Delta ha smarrito il filo della sua tela sotto il fuoco di Cantagalli. Coach Zambonin butta nella mischia il neoacquisto Turski (19-15), quindi richiede un altro tempo (21-16), ma il coniglio non vuole saperne di uscire dal cilindro. Nonostante due palle set annullate, i nerofucsia devono incassare la parità: 25-20, 1-1.

Terzo set, scatto Delta sulla battuta di Lazzaretto (5-8). Sia Cantagalli che Dordei picchiano duro dalle rispettive zone di competenza, il numero sei ospite, però, ci mette anche l’ace dell’8-12. Muri in sequenza di Sperandio e Cuda, Porto Viro tenta la fuga: 9-14, time per Durand. Risposta di Cantagalli, doppietta per il 12-15. Entra Turski in battuta (13-17), ma a fare male dai nove metri è il capitano di Brugherio Santambrogio (15-17). Bernardi rileva Lazzaretto per la ricezione e fa subito il suo dovere, i Diavoli rosa sbagliano l’attacco successivo (con chiamata check azzeccata dalla Marini Delta): 15-19, time numero due per Durand. Per gli ospiti c’è ormai solo da spingere la palla in buca: 19-25, 1-2.

Confermato Turski nel sestetto di Porto Viro. Nervosa e imprecisa Brugherio, ma comunque viva. La Marini Delta, invece, resta sul chi va là, quasi studiasse la preda in attesa di affondare la zampata. Sperandio-Lazzaretto, eccolo il graffio nerofucsia: 11-13, time Gamma Chimica. Giro in battuta per Daniel, è di Cantagalli però il servizio che infiamma di nuovo la gara: aggancio e sorpasso lombardo (16-15), in mezzo time per Zambonin. Primo punto nel campionato italiano per Turski ed è un block molto pesante (16-17). Dopo un errore dei suoi, Durand spende il suo secondo time out (17-19). La resa di Brugherio? Sì, a quanto dice il muro di Dordei su Cantagalli del 20-23. Ci pensa capitan Cuda mette i tre punti nel sacco: 22-25, 1-3 Marini Delta.

L’analisi di Massimo Zambonin, tecnico della Marini Delta: “Credo che la vittoria sia ampiamente meritata, l’approccio al primo set è stato di alto livello soprattutto nella fase muro-difesa e con il servizio che è stata una spina costante nel fianco dell’avversario. Nel secondo parziale abbiamo subito il ritorno di Brugherio che ha aggiustato la battuta e ci ha messo in difficoltà, ma poi ci siamo ripresi molto bene. Forse potevamo chiudere prima la gara, abbiamo commesso qualche sbavatura di troppo nel finale del quarto set, ma era troppo importante portare a casa i tre punti. Ci sarà tempo per lavorare e migliorare”.

C.S.



Articoli correlati