Home » RUGBY, Rugby giovanile

In moto la macchina per il Torneo Milani

Tra il Sud Africa campione del Mondo in Giappone anche la terza linea Pieter-Steph du Toit che nel 2008 aveva preso parte al torneo internazionale Aldo Milani di Rovigo. È stato eletto miglior giocatore del 2019
13 gennaio 2020 Stampa articolo

rugbyROVIGO – Proseguono i lavori dello staff organizzativo del Club Aldo Milani per la preparazione del 46° Torneo che si disputerà il 18 e 19 aprile sui campi dello stadio Mario Battaglini di Rovigo e, nel frattempo, un’altra notizia contribuisce a dare lustro alla manifestazione arrivata ormai quasi alla cinquantesima edizione.

Un altro e “fresco” campione del Mondo di Rugby si unisce infatti ai fuoriclasse stranieri (Ben Cohen e Jamie Heaslip per tutti) che già hanno calcato i campi del Tempio del rugby italiano.

Giocatore dell’anno è stato nominato Pieter-Steph du Toit, al suo secondo Mondiale. Una terza linea di 2 metri per 120 kg, con i suoi 61 placcaggi nell’ultimo campionato del Mondo vinto con il Sud Africa, ha dato un contributo decisivo alla vittoria del titolo in Giappone. Pieter-Steph du Toit nel 2008 aveva preso parte al Torneo Aldo Milani, undici anni dopo si è laureato campione del Mondo, ed è stato premiato durante la cerimonia dei World Rugby Awards 2019 a Tokyo

“Abbiamo avuto recentemente conferma – commenta Fabio Finotti presidente del club Aldo Milani – dal nostro amico Stoney Steenkamp storico dirigente dei Sudafricani dei Buffalo’s, che da oltre 20 anni vengono a Rovigo, che la loro “spedizione” del 2008, comprendeva, tra gli altri, il fenomenale terza linea Sprinboks, punto di forza del Campioni del Mondo 2019, nonché miglior giocatore 2019. Era già inconfondibile in campo, con la sua chioma bionda.

Sapere che un campione della stregua di Pieter-Steph du Toit, a 16 anni, agli albori della propria carriera, abbia preso parte al Torneo Aldo Milani è sicuramente un motivo di grande soddisfazione e orgoglio per tutti noi, per tutti gli appassionati e sostenitori del nostro Torneo e per la nostra “città in mischia”, oltre a confermare ancora una volta la bontà dal punto di vista tecnico della manifestazione”.

“Speriamo che anche l’edizione del 2020 – continua Finotti – di cui cominciano ad arrivare le adesioni giorno dopo giorno,  possa contare su futuri simili campioni, edizione che anche quest’anno vedrà il Patrocinio della Fir, del Crv, della Regione, Provincia, Comune, del Coni Provinciale, del Panathlon, oltre che del fondamentale sostegno della Femi Cz Rugby Rovigo Delta, un ringraziamento particolare al Commendator Francesco Zambelli, e di tutte le altre realtà rugbistiche del territorio come Monti Rugby Rovigo Junior, che ci permetterà di usufruire delle strutture di propria gestione e pertinenza, della Franchigia Polesine, piuttosto che di Badia, Frassinelle, Villadose o degli Old della Rugby Rovigo, tutti da sempre vicini al nostro Torneo.

Ricordiamo che anche quest’anno il Torneo vedrà in palio i numerosi premi speciali (con qualche sorpresa), da sempre componenti irrinunciabili dell’evento.

E quindi, sostenuti dalla bellissima notizia di aver avuto tra noi anche il grande Pieter-Steph du Toit, avanti con la prossima edizione”.

C.S.



Articoli correlati