Home » Serie A3, VOLLEY

Marini Delta da applausi, ma passa Siena

16 gennaio 2020 Stampa articolo

volleyEmma Villas Aubay Siena-Biscottificio Marini Delta Volley Porto Viro 3-1 (27-29, 25-23, 25-22, 25-9)

Battute punto/errori: Siena 8/12; Delta 5/14; Ricezione: Siena 59%, Delta 58%; Attacco: Siena 41%, Delta 36%; Muri punto: Siena 12, Delta 10.

Emma Villas Aubay Siena: Romanò 18, Milan 16, Mariano 15, Gitto 8, Zamagni 7, Pessoa 6, Cappelletti, Falaschi e Zanni 0. Smiriglia NE; libero: Marra. Coach: Gianluca Graziosi.

Biscottificio Marini Delta Volley Porto Viro: Lazzaretto 18, Dordei 13, Cuda 11, Luisetto 8, Kindgard e Sperandio 4, Turski 2, Martinez e Bernardi 1, Daniel 0, Marzolla NE; liberi: Lamprecht e Fregnan. Coach: Massimo Zambonin.

SIENA – Solo applausi, sinceri, meritati, convinti. La Biscottificio Marini Delta Volley gioca una grande gara ma non basta per superare il turno: la Emma Villas Aubay Siena vince 3-1 il quarto di finale della Del Monte Coppa Italia e accede alle semifinali. Per Massimo Zambonin e i suoi ragazzi, però, resta la soddisfazione di aver fatto penare la capolista di A2 per almeno tre set, prima di cedere di schianto nel quarto parziale.

Marini Delta con Kindgard alzatore e Cuda opposto, Luisetto e Sperandio centrali, Dordei e Lazzaretto in posto quattro, Lamprecht libero. Il tecnio di Siena Gianluca Graziosi schiera Falaschi-Romanò in diagonale, Gitto-Zamagni in mezzo, Milan-Mariano schiacciatori, Marra libero. Arbitrano l’incontro Matteo Selmi di Modena e Alessandro Oranelli di Spoleto.

Breve fase di studio iniziale, quindi Siena prova a rompere gli indugi. Lazzaretto è l’incaricato di tenere sotto controllo la fuga dei padroni di casa: poker personale suggellato da un ace per il 6-6. Nuovo break toscano, a firma Milan (8-6), Porto Viro si aggrappa alla fase cambio palla, sempre piuttosto fluida, in attesa di piazzare il muro della parità: Sperandio ci mette le manone e lascia andare l’urlo, 13-13. C’è il sorpasso nerofucsia sull’invenzione di Kindgard (14-15), vantaggio minimo che la Marini Delta conserva soprattutto grazie alla vena offensiva di Luisetto. La partita si incendia con uno scambio lunghissimo, quello del 20-20, da cui la Emma Villas prende slancio: 22-21, time Zambonin. Entrano Daniel tra gli ositi e Pessoa tra i locali, entrambi in battuta. Porto Viro si schianta sul muro senese (24-22), Dordei annulla la prima palla set e Zambonin inserisce Turski  per alzare il muro, ma il protagonista resta Dordei: block pauroso per il 24-24, time Graziosi. Splendida Marini Delta, che resiste ancora e poi sorpassa con un altro muro, di Sperandio (26-27). La stoccata decisiva è nell’aria e la piazza capitan Cuda direttamente dalla battuta: 27-29, 0-1.
Ci ha preso gusto Porto Viro, attacco di Sperandio, difesa di Cuda nel campo avversario: 3-5 in apertura di seconda frazione. Tocca a Luisetto ora prendersi la scena: doppietta attacco-muro, 5-8.  Siena si carica sul servizio di Milan (due ace per l’8-9), ma subito dopo commette un paio di errori evitabili (9-10). Fasi convulse, condite dagli errori, la squadra di casa rimette la testa avanti con Romanò (ace) e Gitto (muro): 14-12. Agli ospiti sembrano mancare la ferocia e la precisione del parziale precedente: 17-14, time Zambonin. Benedetta interruzione, i nerofucsia rosicchiano subito del margine con Luisetto e Dordei (17-16), il pareggio arriva dopo uno scambio da cardiopalma, chiuso da Lazzaretto (19-19). Si entra nel rettilineo finale, scatto Emma Villas sulla battuta di Romanò (20-23), Porto Viro è appesa a un filo, Zambonin ripropone Daniel e Turski per tentare il miracolo. Cancellate le prime due palle set (24-22 Lazzaretto e 24-23 Dordei), alla terza Siena passa: 25-23, 1-1.
Terzo set, la Marini Delta riparte dai muri di Lazzaretto e Luisetto (0-2). Siena ha un grande Milan, ma Porto Viro ha tutta una squadra che rema: Kindgard (ace), Lazzaretto e Dordei per il 6-11. I toscani si rilanciano improvvisamente con l’ingresso di Pessoa (out proprio Milan), il servizio di Falaschi e i colpi di Romanò: 12-11, time Zambonin, che ha appena sostituito Luisetto con Turski. Subito caldissimo il polacco nerofucsia: muro e successivo ace, 13-14. Mette di nuovo la freccia Romanò, scatenato (18-16), ma ci pensa Turski a pareggiare, a muro (19-19). Ace di Dordei, con videocheck annesso (20-21, time Graziosi), risponde Pessoa, sempre in battuta (22-21). Altro servizio vincente, di Zamagni (24-22), Mariano mette giù la palla del sorpasso nonostante le proteste nerofucsia per un pallone che sembrava aver toccato il suolo: 25-22, 2-1 Siena.
Battibecco tra alcuni giocatori ospiti e il pubblico, il direttore di gara commina il rosso a Porto Viro: il quarto set inizia sull’1-0 per i locali. Dalla guerra dei nervi esce indebolita la Marini Delta, mentre Romanò e Mariano conducono Siena sul 7-1: time Zambonin. Emoraggia nerofucsia in corso, entrano Martinez per Cuda e Bernardi per Lazzaretto (11-1). Dentro anche Turski (out Sperandio) e poi Fregnan, ma Porto Viro ha le idee confuse e le gambe stanche. Il monologo toscano prosegue ininterrotto fino al traguardo: 25-9, 3-1 Siena.

Il commento di Massimo Zambonin, tecnico della Marini Delta: “È una soddisfazione aver giocato alla pari per tre set con la capolista di A2. Devo dire che ci sono state anche delle decisioni arbitrali dubbie nel finale del secondo e nel terzo parziale, ma onore a Siena, che è una squadra fortissima. Nel quarto set siamo partiti male e poi siamo calati vistosamente, a quel punto ho pensato al campionato. Abbiamo fatto un’otima figura comunque, è stato un buon test per capire qual è il nostro livello. Ora pensiamo a domenica, alla partita con Cuneo, che è quella importante per noi”.

 

C.S.



Articoli correlati