Home » ALTRI SPORT

Freccette: Da Camponogara per vincere i campionatati nazionali One Dard 2020

25 gennaio 2020 Stampa articolo

AREZZO – Si è appena conclusa la fase finale del Campionato Italiano di Freccette Opendart Federation (OdF) ad Arezzo. La città toscana ha ospitato oltre 200 squadre provenienti da tutta Italia per sfidarsi a colpi di dardi.

Portano a casa il titolo di Campioni Nazionali Serie A nella specialità 501 Double Out, la squadra di Camponogara (Venezia) The Big MonAmour. Il team veneto ha guadagnato la tanto ricercata finale dopo aver superato, venerdì le fasi 3 fasi eliminatorie e successivamente il sabato, le pool che partivano dai 16’.

La finale si è disputata davanti ad un foltissimo pubblico e ha visto impegnati i The Big MonAmour contro i fortissimi e temuti Black Bull, team umbro già vincitore di diversi titoli e che vede tra i suoi membri il Campione Italiano in carica.

The Big MonAmour è in realtà un team di ragazzi appassionati del gioco delle freccette provenienti da diversi paesi della Riviera e non solo.

La formazione è così composta:

  • Antony Catania da Meduna di Livenza
  • Dario Fochesato da SAN Giovanni di Casarsa
  • Alberto Rigato da Vigonovo (capitano)
  • Antonio Michielotto da Ponte san Nicolò
  • Nicola Ceroni da Mira
  • Moreno Danieli da Malcontenta
  • Alberto Corrò da Camponogara (vice capitano)
  • Kuiyi Zhang cinese di nascita residente a Mestre.

Manuel Zago Presidente e titolare Bistro Mon Amour sede di gioco.

La squadra, nata dalla passione di un gruppo di amici che frequentavano lo stesso locale, ha avuto da subito la possibilità di diventare un progetto concreto e ambizioso grazie al Presidente Manuel Zago, all’epoca e tutt’oggi titolare del locale dove si allena e gioca il gruppo.

È lo stesso Manuel che nel 2010, istallando, all’interno del Bistrò Mon Amour a Camponogara (Ve), ha introdotto il gioco delle freccette. “Questo è stato lo stimolo per i ragazzi, che frequentavano il posto, a cimentarsi nella disciplina del dardo. – ci ha confessato il Presidente Manuel Da lì è nata la mia passione per questo mondo – ha poi continuato Manuel – così ho iniziato a conoscere persone che hanno preso sul serio questo gioco e dimostrando impegno e costanza, hanno permesso di arrivare a questo, per noi, incredibile risultato.”

Con il cuore colmo di gioia ringrazio le nostre squadre di soft dart per le gioie immense che ci hanno regalato nel corso della stagione e in questi tre giorni di finali nazionali ad Arezzo. Campioni Nazionali di serie A e quarto posto di serie B. Vorrei stringervi forte uno ad uno. Siete arrivati la su, in cima. 

Il Capitano (Alberto Rigato) è un veterano della disciplina e ha creato con supporto di Manuel e del vice capitano Alberto, una squadra formidabile che negli anni ha scalato la vetta di classifiche regionali e nazionali fino ad arrivare al titolo di ieri. Vittoria che arriva dopo 3 anni durante i quali i The Big si sono sempre classificati secondi.

È lo stesso Alberto Corrò che in qualità di unico rappresentante del comune di Camponogara ha dichiarato: “Sono orgoglioso di portare al mio paese un titolo così prestigioso che a mio parere deve avere risonanza per avvicinare le persone a uno sport sano e dai grandi valori: amicizia e rispetto.”

Subito dopo la vittoria il Presidente Manuel, emozionato per il successo dei suoi ragazzi, ha affermato con orgoglio: “Con il cuore colmo di gioia ringrazio le nostre squadre di soft dart per le gioie immense che ci hanno regalato nel corso della stagione e in questi tre giorni di finali nazionali ad Arezzo. Campioni Nazionali di serie A e quarto posto di serie B. Vorrei stringervi forte uno ad uno. Siete arrivati la su, in cima. Grazie.”

Finiti i festeggiamenti si deve guardare avanti, il titolo vinto dai The Big Mon Amour da accesso alla fase finale dei Campionati Europei che si terranno a Parenzo in Croazia il prossimo 12-16 maggio 2020. Quindi possiamo solo augurare a questi cecchini del dardo di fare un altro centro e di portare a casa un altro successo.

Buono Sport a Tutti.

Per www.agorasportonline.it  Alessio Marini

Alessio Marini



Articoli correlati