Home » Serie A3, VOLLEY

Marini Delta: un altro successo al tie-break, 3-2

2 novembre 2020 Stampa articolo

volleyBiscottificio Marini Delta Porto Viro – HRK Motta 3-2

(26-24, 22-25, 25-19, 22-25, 15-12)

Battute punto/errori: Porto Viro 3/12, Motta 7/16; Ricezione: Porto Viro 49%, Motta 66%; Attacco: Porto Viro 45%, Motta 44%; Muri punto: Porto Viro 14, Motta 12.

Biscottificio Marini Delta Porto Viro: Lazzaretto 22, Cuda 14, Sperandio 11, Bargi 8, Dordei, Vinti e Kindgard 7, Zorzi 0, Aprile NE; liberi: Lamprecht e Bernardi. Coach: Massimo Zambonin.

HRK Motta: Pinali 17, Gamba 16, Arienti 13, Mian 12, Scaltriti e Luisetto 11, Alberini 2, Saibene 1, Tonello 0, Basso e Nardo NE; libero: Battista. Coach: Giuseppe Lorizio.

PORTO VIRO (Rovigo)- Un altro tie-break, un’altra gioia. Ci sono voluti cinque set ma alla fine la Biscottificio Marini Delta Volley si gode il terzo successo consecutivo in campionato, quello più gustoso, contro i cugini dell’HRK Motta.  In una domenica in cui non si disputavano altre gare del girone bianco di Serie A3 Credem Banca (tutti gli altri match in programma sono stati rinviati per casi di positività al Coronavirus), il Palasport di Porto Viro ha tenuto fede alle aspettative con un derby meraviglioso, a tutta intensità, da una parte e dall’altra. Un vero spot per la pallavolo.

La Marini Delta Porto Viro in campo con Kindgard alzatore e Cuda opposto, Sperandio e Bargi centrali, Dordei e Lazzaretto schiacciatori, Lamprecht e Bernardi i liberi. Giuseppe “Pino” Lorizio, tecnico dell’HRK Motta schiera Alberini-Gamba in diagonale, il tandem di ex Arienti-Luisetto al centro, Pinali-Scaltriti in posto quattro, Battista libero. Gli ufficiali di gara sono la signora Marta Mesiano di Bologna e il signor Andrea Clemente di Parma.

Partenza aggressiva di Motta, avanti 1-3 con Arienti. La doppietta di Lazzaretto ribalta subito la situazione (4-3), ma Gamba fa male ai padroni di casa sia in battuta che in attacco (7-9). Muro di Luisetto e due botte di Pinali: 9-14, time Zambonin. Qualche pasticcio dei suoi, anche coach Lorizio interrompe il gioco (14-17). Dordei ci mette il servizio al veleno, Lazzaretto le consuete punture da posto quattro, ecco la parità: 19-19, secondo time richiesto da Lorizio. Ingresso in battuta per Zorzi, chi riesce a spezzare l’equilibrio dai nove metri, però, è Pinali, con l’aiuto del nastro: 20-22. Anche la Marini Delta ha la sua manna dal cielo, il videocheck che vale il nuovo aggancio sul 22-22. Kindgard vince uno scontro a rete cruciale, Lazzaretto infila l’ace della palla set (24-23). Ai vantaggi Sperandio alza la voce, anzi, l’urlo a muro: 26-24, 1-0 Marini Delta.

Cuda e Dordei (ace) marchiano l’avvio di secondo set (2-0). Motta invece punta quasi tutte le sue fiches su Gamba e fa gran bene: 5-9, time Zambonin. I centrali danno una mano a Porto Viro, Bargi e Sperandio (block) confezionano l’8-10, ma si ripete la situazione del primo parziale: ospiti più lucidi e avanti 9-14 dopo un check avverso alla Marini Delta. La musica sembra essere cambiata però, Arienti e Luisetto piazzano un doppio block per il tentativo di fuga biancoverde (11-17). Cambia coach Zambonin, Vinti sostituisce Lazzaretto (13-19), ma la battuta dei padroni di casa è troppo imprecisa per impostare una rimonta. Errore di Pinali e time chiamato da Lorizio (17-21), che evidentemente non vuole brutte sorprese. In effetti arrivano un muro di Sperandio (18-21) e altri due regali dei leooni (20-22, Motta in campo con Saibene al posto di Pinali), poi un block di Vinti che chiude uno scambio infinito (21-22). La panchina conta, tra gli ospiti entra anche Mian (per Gamba) ed è un innesto che fa tutta la differenza: attacco e muro, 21-24, time numero due per Zambonin. Il neoentrato biancoverde ci mette anche la firma decisiva: 22-25, 1-1.

Terzo set, Dordei e Sperandio (muro), Porto Viro mette anche stavolta il naso davanti per prima (7-5) e anche stavolta deve subire la reazione ospite: 8-10 a firma Pinali. Block adrenalico di Dordei per il 13-13, Sperandio prosegue l’onda positiva e Lorizio interviene: time out e cambio Mian-Gamba. La mossa non paga, anzi: Porto Viro vola, forte dalla sua difesa invalicabile, mentre Motta deve togliere dal campo anche Scaltriti e Alberini, in palese difficoltà (dentro Saibene e Tonello). Ancora un time di Lorizio (21-15), ma la Marini Delta ormai ha le zanne sul collo della preda, serve solo affondare l’ultimo morso: 25-19, 2-1.

Motta conferma Mian in posto due e riparte di slancio: due muri consecutivi di Luisetto nel 3-6 che convince Zambonin al time. Poco concentrata la squadra di casa, si rivede Vinti sul taraflex (3-8, esce Dordei). L’uomo della speranza nerofucsia si chiama Lazzaretto (9-12), squillo anche di Vinti (11-13), ma gli ospiti hanno una calma (e un Mian) che prima non avevano. Sempre Lazzaretto e un Cuda scintillante, la fiammella polesana si riaccende di colpo: 19-19, Lorizio si è giocato due time nel giro di pochi scambi. Scatto in avanti di Mian, ora è Zambonin ad aver bisogno di parlare (20-22). La chiacchierata non porta giovamenti a Porto Viro, Mian – ancora lui – trascina i leoni ospiti al quinto: 22-25, 2-2.

Tie-break, Luisetto (muro), Mian e Scaltriti mettono le ali a Motta: 2-5, time Zambonin. Kindgard di scaltrezza, errore avversario, monster block di Sperandio: Porto Viro pareggia il conto (6-6). Due invasioni di fila di Motta e si va al cambio campo sull’8-6. Inizia a sentirsi la fatica, la squadra di casa regala il pareggio (10-10) ma si aggrappa a Lazzaretto per tenere la barra dritta. Proprio una battuta del numero 17 nerofucsia propizia il 14-12 di Vinti. Dopo il time dell’Ave Maria di Lorizio, Lazzaretto chiude la contesa con un altro bolide dai nove metri: 15-12, 3-2 Marini Delta.

Il commento di Massimo Zambonin, tecnico della Biscottificio Marini Porto Viro: “Sono contento perché abbiamo vinto il derby, per com’è andata la partita ci stava che finissimo al quinto set, purtroppo nel quarto siamo partiti male e non siamo riusciti a recuperare. I ragazzi sono stati molto bravi, abbiamo disputato un ottimo tie-break, soprattutto nella prima parte. Siamo riusciti ad accelerare e poi a portare a casa la gara, credo con merito”.

Così Bruno Vinti: “È stata una partita molto tosta, Motta ha battuto bene e difeso tantissimo, ci hanno reso la vita veramente difficile in attacco, ma alla fine siamo riusciti a tirare fuori i nostri colpi e a vincere. Era da febbraio che non giocavo una partita, all’inizio sono entrato un po’ freddo ma poi per fortuna mi sono ripreso e soprattutto è arrivata la vittoria, che era la cosa più importante”.

C.S.



Articoli correlati