Home » CICLISMO, EDITORIA

Storie Segrete, di Beppe Conti

Retroscena, tradimenti, accordi proibiti, litigi e polemiche legati alle grandi imprese dei campioni del ciclismo del passato e dei nostri giorni
24 Marzo 2021 Stampa articolo

Queste storie vanno lette per comprendere una volta per tutte quanto è fascinoso e grande lo sport della bicicletta. E mai troppo amato, mai troppo esaltato fra la gente.

Un viaggio attraverso la storia del grande ciclismo alla ricerca di retroscena, rivelazioni, tradimenti, accordi proibiti e curiosità legati alle memorabili imprese che hanno fatto epoca. Dalle follie d’inizio Novecento, con strette di mano che valgono un primo posto e dispetti che pesano come coltellate, senza dimenticare aneddoti riguardo i duelli storici tra Coppi e Bartali, tra Moser e Saronni.

Le piccanti verità sul passaggio della borraccia, meno importante però del passaggio di una ruota, e sulla figura della Dama Bianca; i gialli irrisolti, da Merckx positivo al doping a Savona nel Giro d’Italia 1969 all’esclusione di Pantani a Campiglio nel 1999.

Tutte vicende che fanno ancora discutere e conferiscono quell’aura di mistero che ha sempre accompagnato il ciclismo, fino a Nibali, uno che di segreti non ne ha.

Beppe Conti ha vissuto da vicino le grandi sfide del ciclismo iniziando proprio con i duelli fra Moser e Saronni a metà anni Settanta, con ampie parentesi dedicate al calcio ed allo sci di Alberto Tomba, fra Mondiali e Olimpiadi. Ha debuttato alla «Gazzetta dello Sport», ha vissuto una vita a «Tuttosport», adesso è opinionista televisivo di Rai Sport. Per Diarkos ha pubblicato Le leggende del ciclismo e Moser e Saronni.

C.S.



Articoli correlati