Home » BASKET, Femminile, Serie B

Solmec rimedia una sconfitta a Mestre

6 Giugno 2021 Stampa articolo

Junior San Marco Mestre-Solmec Rovigo  69-61

 (12-16, 31-27, 50-40)

San Marco Mestre: Bonivento 12, Regazzo 7, Ridolfi 5, Romanelli 4, Zennaro 5, Tasca 16, Borsetto 15, Stangherlin, Girolimetto 3, Fiorin 2, Scappin. All. Campanini, Vice All. Comito

Solmec Rovigo: Castria 3, Turri 16, Ballarin 4, Furlani 15, Ferri 6, Vaccarini, Chicchisiola 13, Sorrentino 4, Veronese, Malin ne, Viviani ne. All. Pegoraro, Vice All. Bereziartua.

Arbitri: Bonaudo di Arzignano (VI) e Crivellaro di Breganze (VI)

Tiri liberi: San Marco 19/23 – Solmec 8/14

Note: Uscite per falli Castria e Turri (Solmec) – Tecnico alla panchina Solmec.

MESTRE – Occasione gettata alle ortiche dalla Solmec Rovigo che lascia i due punti alle mestrine dello Junior San Marco, alla terza vittoria di fila, che si impongono al termine di un match molto fisico. Le rossoblù apprendono a fine partita della vittoria di Abano su Treviso e aumenta il rammarico di non aver sfruttato la chance per prendere il largo in classifica. Coach Pegoraro conferma il quintetto che aveva fatto benissimo sette giorni fa contro Treviso mentre tra le mestrine rispetto all’andata è presente la play Bonivento.

Assente invece la bomber della squadra Irene Mattiuzzo. Inizio molto intenso da ambo le parti e si capisce che sarà una battaglia cruenta, sportivamente parlando, sotto le plance. Ferri e Furlani aprono le danze con le locali che rispondono prontamente. Gioco da tre punti per Turri ma Ridolfi risponde dalla lunghissima distanza. La gara è in equilibrio e la lotta in area si fa dura con molto contatti non fischiati.

Entra Chicchisiola che realizza dal pitturato che sommati a due liberi di Turri dà alla Solmec il primo vantaggio importante (22-17). Le rossoblù tirano il fiato anche per il primo gran caldo stagionale e le mestrine reagiscono da par suo. Borsetto e Tasca puniscono ripetutamente la difesa sbadata della Rhodigium, confezionando un break di 13-2 che dà alle bianco-verdi il +6 (30-24).

Nel mentre da registrare il canestro di Chicchisiola. Prima della pausa lunga la solita Furlani, con un gioco da tre punti, riduce il gap a -4. Ci si aspetta un solido secondo tempo della capolista ma entra in scena Beatrice Tasca, ala ventitreenne, che porta a scuola la difesa rodigina realizzando nel terzo parziale la bellezza di 10 punti. Ballarin & C. faticano a mantenere la calma, anche per qualche non fischio della coppia arbitrale e in attacco non mordono come al solito.

Turri va presto in panchina per problemi di falli. Le mestrine prendono il largo e il vantaggio sale alla doppia cifra (+10) a chiusura del terzo tempo. Riscossa Rhodigium a inizio dell’ultimo quarto: parziale di 7-2 con Claudia Castria che realizza dai 6 metri e 75, imitata dal duo Ferri-Furlani che realizzano entrambe da sotto con un gioco alto-basso (-5).

La Solmec è viva! Il San Marco interrompe l’emorragia con un paio di conclusioni della solita Tasca e del play Bonivento ma l’inerzia è tutta rossoblù. La difesa ritrovata crea le premesse per un ulteriore parziale di 7-0 con la tripla di Chicchisiola che riporta il match in perfetta parità (60-60) con le padrone di casa costrette al time out.

Si prospetta un mini-supplementare di 4 minuti. La Solmec difende con grande intensità ma le locali, allo scadere dei 24”, trovano una tripla spacca gambe realizzata da Sofia Regazzo. Furlani realizza il canestro del -2 ma è purtroppo il canto del cigno. Ancora Regazzo realizza un canestro della media e Bonivento con due penetrazioni mette la parola fine sul match. Peccato per la sconfitta ma gli errori commessi dovranno servire da insegnamento per le prossime decisive partite.

Coach Pegoraro a fine match: “Sapevamo che venire a Mestre e vincere non era semplice, loro sono in grande forma, e adesso ogni partita è sempre più particolare: noi giochiamo per provare a vincere il campionato con il peso specifico di questo e magari affrontiamo altre squadre che giocano senza pressioni. Comunque come ho detto alle ragazze, noi dobbiamo vincere le partite, pensare ai risultati degli altri è un ragionamento da mediocri e noi non vogliamo essere tali! Adesso sabato arriva Trieste che è tornata in corsa per il primo posto, noi dovremo giocare una partita di energia e di cuore e vincere senza pensare ad altro. I conti si faranno alla fine”.

 Altri risultati della quarta giornata: Trieste-Montecchio 62-47, Abano-Treviso 61-56. Classifica: Solmec 12, Treviso e Trieste 10, Mestre 8, Montecchio e Abano 4.

C.S.



Articoli correlati